Tuesday, 24 February 2009

shiny stuff e curry

Lunedì mattina. Suona la sveglia. Ecchisenefrega, io la spengo. Que viva Virginia la revolucionaria? No, sono semplicemente in ferie, quindi so che la sveglia vera e propria suonerà dopo venti minuti buoni.
Nono posso dormire troppo sugli allori. Non solo è scomodo, ma devo incontrarmi con gli altri del NCC, ovvero sia il Nokia CameraCurry Club (in realtà solo Camera, ma sembra sia scritto da qualche parte nel nostro inesistente statuto che quando usciamo dobbiamo concludere la serata insieme con un curry).
Programma della giornata: gita a Birmingham per il Focus on Imaging 09. E' un po' come il Fotokina, ma in dimensioni ridotte (e anche così è enorme).
Recupero un po' di frutta, metto la 350D con cinquantino d'ordinanza nella borsa e vado in stazione.
Prendo una copia di Metro, faccio il biglietto e salgo sul treno verso Hook, dove devo incontrarmi con Tim e Neill, per poi andare tutti insieme a Wokingham, dove ci aspetta il Mazda Bongo di Colin.
L'andazzo della giornata me lo indica l'oroscopo di Metro: quale migliore fonte che le previsioni astrologiche di un quotidiano gratuito come Metro?


Già, chissà come mai mi sento attratta da "shiny stuff"!!! Però non mi faccio spaventare, perché hey! non ho un solo amico assennato! Ne ho 3 in viaggio con me e altri 2 saggi ci aspettano a Birmingham! Insomma, il mio portafogli sta in una botte di ferro!
Già... 'na botte de fero. Un po' come Attilio Regolo.

say hello


A parte il portafoglio bucherellato, e un fantastico e shiiiiny! 85mm f/1.8, mi sono divertita a Focus: ho girovagato per gli stand, provando la mia futura 40D (ma questa è un'altra storia), ma anche tutti gli altri modelli Canon, Olympus, Sony, giocherellato con la Lensbaby composer e ascoltato un po' di seminari e dimostrazioni qua e là.
Abbiamo ancora fatto in tempo a fare un giro per il centro di Birmingham: non c'è molto da vedere a voler essere del tutto onesti e tirava un venticello polare che ti raccomando. Avevamo la mezza idea di fare cena in un ristorante thai o un giapponese, ma alla fine siamo dei tradizionalisti, così abbiamo concluso la giornata analizzando gli acquisti (non ero da sola nel reparto "shiny stuff", visto che anche Colin e Steve hanno adottato una lente ciascuno) di fronte a un curry con poppadom e mango lassi.

No comments:

Post a Comment