Monday, 16 March 2009

NH4Cl, ovvero il fascino perverso del salmiakki

the finnish NH4C


A lavorare per una multinazionale finlandese, capita che a volte si finisca per qualche giorno in Finlandia.
Alla prima visita, qualche mese fa, mi sono fermata al duty free di Oulu per trovare qualche souvenir commestibile per l'ufficio, qualcosa che non fosse il solito Toblerone formato famiglia o quintale di M&M's.
Così sono tornata a casa con una scatola di cioccolatini alla vodka (hic! ma per uso personale, che non si dica che alimento il già elevato livello alcolico consumato dagli inglesi) e una confezione di
: ho visto che tutti compravano queste liquirizie, quindi ho pensato di imitarli.
Mal me ne incolse. Se avete seguito il link su wikipedia, saprete già che si tratta di liquirizia salata. Anche se non è il sale che la rende salata, ma il cloruro d'ammonio.
La prima caramella l'ho addentata con l'incoscienza di chi non legge gli ingredienti. Le norme anti-terrorismo e la mancanza di fazzoletti di carta, mi hanno costretto a inghiottire il rospo, piuttosto che sputare il conglomerato sodico.
Però, devo ammettere che un po' alla volta mi sono abituata al sapore; come sia successo, non ne sono sicura, sarà merito delle caramelle a forma di pick up?


Quando ho saputo che Robert avrebbe passato la settimana in quel di Salo, gli ho chiesto un souvenir speciale. Mi sarei accontentata di un pacchettino piccolo, ma Robert è andato oltre ogni mia più rosea aspettativa, mi sono ritrovata con due buste di caramelle e una tavoletta di cioccolata: non rende di sicuro la vita più dolce, ma per qualche motivo mi riesce difficile pensare di rinunciarci.

No comments:

Post a Comment