Monday, 27 July 2009

Manic Monday

Stamattina ho lasciato suonare la sveglia più a lungo del solito.
Lei suona ma da sotto le palpebre non riuscivo a percepire abbastanza luce: suona, suona finché ti pare, ma non c'è abbastanza luce fuori, non può essere già mattino.
Eppure la sveglia mica sbaglia! No, solo che stava piovendo, il cielo era (ed è) grigissimo e sembrava di essere piombati in pieno autunno.
Sono uscita di casa munita di ombrello (aperto) e giacca a vento (addosso), cercando comunque di pensare positivo.
Arrivo in stazione e ci trovo una coda impressionante, un serpentone silenzioso che, non trovando più posto nella sala d'attesa, sbuca in strada.
"Network failure" dice un avviso su una delle 5 macchinette, tutte in tilt perché il sistema di pagamento con bancomat è saltato.
Logica conseguenza è che perdo il treno e mi ritrovo ad aspettare quello seguente. Trenta minuti nella stazione di Woking che, in quanto a bruttura e tristezza, viene battuta solo da quella di Farnborough.
Ovviamente logica conseguenza del perdere il treno è perdere anche lo shuttle-bus e dover aspettare. Di nuovo.
Entro in ufficio, sperando di non avere troppe grane, perché la mia pazienza è ormai al limite.
Scopro di avere in totale 4 ore di riunione, ore inutili perse con gente inutile.
Incominciamo bene...

No comments:

Post a Comment