Wednesday, 30 December 2009

Piccole scene di gioia quotidiana

Stamattina, una mattina come tante altre, forse più noiosa di molte altre, il mio cuore si è gonfiato di gioia.
Stavo preparando il pastello per la sfoglia quando ho girato lo sguardo distrattamente verso la porta al fondo del laboratorio: dà su una stradina laterale e, anche desse sul panorama più bello del mondo non potrei vedere molto. Una parte è di vetro smerigliato opaco mentre la parte trasparente è coperta da due poster: una mappa dei pani d'Italia su un lato e la tradizionale cartolina del Grande Torino, formazione '48/'49 sull'altro.
Davanti alla porta è arrivato correndo un bambino. Non so nulla di lui, tranne che non era più alto di un metro e venti, indossava un berretto nero e un giaccone blu. So che si è fermato davanti alla porta, si è messo a guardare il poster e in quel momento il nonno l'ha raggiunto: insieme hanno indicato ogni giocatore, poi il nonno ha appoggiato una mano sulla spalla del nipotino e sono andati via. 
Mentre tornavo a impastare, mi è nato un sorriso e non s'è ancora spento.


No comments:

Post a Comment