Sunday, 21 February 2010

Standing ovation

Sabato sera appuntamento poco prima delle otto con Cris(tina) & Cris(pino) davanti all'Eliseo. Film in programma: "Il concerto", l'ultimo film di Radu Mihaileanu.

Il film narra le vicende del direttore d'orchestra Andrei Filipov: caduto in disgrazia sotto Breznev, fa le pulizie al teatro Bolshoi, dove entra in possesso di un fax proveniente dal teatro Chatelet di Parigi. Decide di riunire i musicisti della sua vecchia orchestra e partire per Parigi e suonare lo stesso concerto che non era riuscito a portare a termine anni prima.

Voglio andare a rivederlo, in lingua originale però, visto che il doppiaggio è l'unica pecca della serata: a tutti i personaggi russi è stato dato un accento "alla Popov", macchiettistica e inutile. Insomma, i francesi mica li hanno fatti parlare con un accento alla ispettor Clouseau! Allora perché voi fare parlare tutti persuonaggi con stupido accento di matre rassia, da? Perché voi crede che esso diverte di meglio? Meglio voi usare acciento più neutrale per prossima edizione, prego. 
Argh! Tremendo, a dir poco.

Eppure anche così, il film rimane una piccola (ma aspettata) gemma: poetico, struggente e divertente, realista e cattivo nella sua descrizione per assurdo della vecchia e nuova Russia (gli ex-comunisti che ingaggiano comparse per i comizi, i mafiosi tamarri e i nuovi arricchiti). E' un film che parla per musica: una partitura che ti prende per mano e ti accompagna per tutto il film, sottolineando ed esaltando le emozioni e i sentimenti per culminare con il concerto finale, di una bellezza, di un'espressività e di una forza emotiva rara.
Sublime e dolce, è un film che fa ridere, commuovere, pensare e riflettere.
Ho sentito in un'intervista che Mihaileanu ha avuto l'idea per questo film sentendo la notizia di un uomo che ha tentato di farsi passare come direttore del Bolshoi. Ci vuole un mago come Mihaileanu però per prendere una notizia curiosa di cronaca e trasformarla in poesia, in una fiaba che illumina la vita in tutti i suoi piccoli e grandi aspetti.

No comments:

Post a Comment