Sunday, 25 April 2010

Questo weekend...

L'ho passato a ricordarmi quanto è bella Torino e a camminare.
Il bel tempo e la fiumana di pellegrini e turisti della Sindone facevano sembrare Torino molto più grande e trafficata di quanto non sia, eppure allo stesso tempo tutto era tranquillo: seduta sotto i portici a fare colazione, chiacchierando senza fretta, i suoni dei pullman e delle macchine arrivavano ovattati, come se fossero lontani chilometri.
Mi sono persa a guardare la città intorno a me, e i suoi riflessi:

Torino, la dea on display

Niente fretta, siamo torinesi: cammino lenta e chiacchiero con Francesca, del più e del meno, dei sogni e delle frustrazioni, di ciò che vorrei fare ma non mi riesce. Cerco di capire come risolvere i conflitti che non mi fanno dormire, se valga la pena impugnare le armi contro un mare di guai o meno, e nel frattempo guardo le vetrine, osservo la gente e mi godo il sole che picchia.
Mi è sembrato giusto fare il bis anche oggi: una lunga passeggiata lungo il Po, a tratti sembrava di essere ancora in inverno, perché il sentiero appariva innevato dal polline.

nevica

Non sono allergica, ma ogni volta che respiravo mi ritrovavo con del polline nel naso, nella bocca o nella gola... Molto fastidioso!
L'incontro del giorno è stato quello con un suonatore di cornamusa!
Camminavo, ancora insieme a Francesca, quando lo sento, il suono della cornamusa. Appena il tempo di scherzarci su con Fra, perché questo tizio, chiunque sia, deve cambiare il prima possibile la soneria del cellulare ed eccolo apparire:

I'm afraid you're not on Loch Lomond anymore, lad!

Trasportata di colpo nelle Trossachs (ah, se mi manca la Scozia!), lo ascoltiamo finire il brano e poi ci mettiamo a chiacchierare di cornamuse, cani e viaggi. 
Sono tornata a casa stanca ma felice: sono state quarantotto ore di tregua dalle preoccupazioni, dal nervosismo, dalla quotidianità più banale e noiosa e mi piace pensare che mi sono bastate per ridarmi la carica e che ora sono pronta a riprendere con il tran tran della settimana. Forse così facendo sto mentendo a me stessa, ma adesso come adesso non mi importa molto: ho bisogno di un pediluvio, prima di tutto!!!

No comments:

Post a Comment