Tuesday, 3 August 2010

Quei Balordi della NutQuella

E' iniziato tutto la scorsa settimana.

La mia collega Noriko torna dalle vacanze in Italia e porta ai nostri colleghi un po' di confezioni di dolci italiani.
Dopo aver decretato che i canestrelli industriali della ciminiera nera non sono buoni come quelli che faccio io (tiè tiè tiè), Vasi mi chiede sorridente perché non gli preparo dei biscotti come i baiocchi.

Ma Vasi, è semplice! Perché... perché... già perché? Che sarà mai? Fatemi controllare un po' gli ingredienti. Se andate sul sito della famosa marca o cercate su internet, potrete scoprire che nei "Baiocchi con Crema alla Nocciola e Cacao", la crema è il 28% del prodotto finito, con percentuali di nocciole e cacao veramente ridicole. Un altro problema che non sono riuscita a risolvere è: che differenza c'è fra la margarina vegetale dei biscotti e i non meglio specificati grassi vegetali della crema? Dove li trovo? Da Sainsbury's no di certo.

Quindi mi sono dovuta arrangiare.
Una breve ricerca su internet mi ha rassicurato: non sono la prima né l'ultima a rifare i famosi biscotti. Quindi di per sé è fattibile. Una volta fatta la scoperta, però, mi è mancata la voglia di approfondire, leggere le ricette, consultare i forum e via dicendo. 

Ho deciso dunque di utilizzare un il metodo che garantisce il miglior risultato con il minimo sforzo: il metodo "fa che t'nabi".

Per la pseudo-nutella ho deciso di riutilizzare la ricetta che avevo già usato l'anno scorso, cambiando però i rapporti fra i tipi di cioccolato e nocciole, per renderla più "nutellosa".
Ecco dunque nata la NutQuella, che sembra ma non è quella lì, l'altra, quella famosa insomma. Infatti è NutQuella, gli ingredienti sono diversi (io il latte in polvere non l'avevo), quindi il sapore non è lo stesso. In compenso l'impatto calorico è più o meno lo stesso: ho fatto il calcolo delle calorie per Maria ed è venuta fuori una cifra indicativa di 491 kCal per 100 gr.

NutQuella

Visto che comunque già per la crema avevo fatto di testa mia, mi è sembrato logico e coerente fare di testa mia anche per i biscotti. Ho preso la ricetta per i biscotti di frolla che uso di solito, ho sostituito una parte della farina con nocciole tritate ed ecco i Balordi. Sembrano quelli lì, gli altri, quelli famosi, insomma. Ma non sono la stessa cosa. E no, scherziamo mica! Maria me l'ha chiesto, ma io non ci ho nemmeno provato a fare il calcolo delle calorie...

balordi

In ufficio sono stati apprezzati e, considerato che ho ancora mezzo chilo di NutQuella in frigo, penso che a breve farò il bis. Oltre a una serie infinita di variazioni di dolci al cioccolato!
Mezzo chilo! Potevo farne un barattolino piccolo, no? Macché! Prossima volta prendo in prestito il blender del cafè Nero e ne preparo una ventina di chili, così, tanto per avercela pronta nei momenti di crisi nera! Le idee balorde che mi vengono a volte...

No comments:

Post a Comment