Wednesday, 29 September 2010

La guerra che è passata e quella che verrà

Qualche tempo fa la mia amica Liz si stupiva di quanto interesse ci fosse ancora per la Seconda Guerra Mondiale in questo paese, specie in questi mesi in cui viene ricordata la Battaglia d'Inghilterra

Pochi giorni fa ne ho riparlato con Lloyd e abbiamo concluso che spesso quest'interesse per la guerra è abbastanza superficiale. Quando novembre si avvicina, le strade sono piene di gente che vende i papaveri per il Remembrance day, ma praticamente quasi nessun inglese (specie i più giovani) con cui ne ho parlato sapeva il motivo per cui, fra 365 giorni sul calendario, è stato scelto l'11 novembre. 
Ma a onore del vero, quanti italiani della mia generazione sanno del 4 novembre?

Così mi sono stupita, quando la I Guerra Mondiale e le sue conseguenze (da leggersi II Guerra Mondiale) sono rispuntate fra le pagine dei quotidiani a così pochi giorni di distanza.

Domenica prossima la I Guerra Mondiale si potrà in un certo senso dire ufficialmente archiviata. Non ci avevo mai fatto caso, ma nessun libro di storia ne parla d'altronde: tutti i manuali delle medie e superiori spiegano come le pesanti condizioni poste alla Germania dai paesi vincitori fossero le basi non per una pace ma un armistizio ventennale, per citare Foch. Ma nessun manuale dice cosa ne è stato dopo, delle riparazioni di guerra che la Germania doveva pagare.

Beh, hanno continuato a pagare. L'ultima rata verrà pagata domenica. I tedeschi hanno smesso di pagare momentaneamente solo per far fronte al costo della riunificazione.

Ho appena finito di vedere la prima parte di "Secret Iraq" un documentario piuttosto crudo della BBC.

Le armi sono cambiate, il sangue dei poveri è sempre il primo a scorrere, l'ingordigia e la mancanza di scrupoli e coscienza dei vertici militari e politici sono rimasti identici.
Sarebbe bello ci fosse un maggiore interesse ad evitarle, le guerre, piuttosto che a celebrarle o analizzarle. 
Ma Bertolt aveva ragione, sulla guerra che verrà.

Big fail, an update.

As Italian I grew up with this silly notion that the norther you travel the more respectful and aware of civil society rules the people are. 

I think this might have a lot do with stereotypes. All those movies and novels about Italians pasta pizza & mandolin, loud, so ready to bend the law for their personal interest. This is true, well maybe not the mandolin... 
On the other hand I relied a lot on other stereotypes too: the tidy Swiss, the polite Britons...

Fact is people are not much different anywhere in the world. They might be more repressed and refrained by taboo, hence the hordes of Brits getting wasted as there's no tomorrow in Benidorm in the summer and on the Alpine slopes in the winter.

But at the end we're all alike.

Take the story of the reserved lanes at Farnborough station, for example.
The first few days there were people in uniform, with the writing "Rail Community Officer" on top, to point out to people they shouldn't use those lanes. And drivers were all respectful of the new rules.
Days passed, the officers disappeared and, just like in Italy, some people kept following the rules, some (most) went back to use those 2 lanes.
So this morning, just like in Italy, the rail community officers were back, doubled in number and with a drastic increase on the average age. Obviously the reason why is to give a sign to people, to remember them that rules are to be followed and breaking of them will not be tolerated.

I can see how this is going to end, once the message has been delivered and the officers have gone back to their office to fix themselves a cup of tea. Obviously the people will understand and won't go back to misbehaving, because they come from a higher latitude than I do and they are going to follow the rules. 
How easy it is to fall into prejudices, isn't it?

To keep me busy and happy

There are many reasons why I enjoy baking: the memories that resurface thanks to the chocolate cake raising in the oven, the stress relief that only kneading and punching the cinnamon roll dough can provide, that idea of "eating with my own eyes" that belonged so much to my granny. And that belongs to me as well now, as a form of legacy that is passed on and on in the family.

Baking to me has a lot to deal with balance. It needs focusing and paying attention: you need to know when to add what, how to whisk this and that, how to set the oven. It seems to me that if I can get the balance right in a cake, I have a good chance of getting it in life too.

So, when I feel something is off in my life, when I fear I'm losing balance between parts of my life, I resort to baking. In a way you could say that, the expanding waistlines and the above the limit percentage of body fat some of my colleagues have been complaining about recently, can be partially blamed on my small and big problems at finding direction and balance.
I feel unrest? I bake and I find peace.
I'm unhappy? I bake and I smile again.

Baking is not an "easy" thing. The directions to bake a cake might be easy, the assembling of a cookie straightforward. But baking is not easy in itself: "easy" is most of the time a cheat that will not taste as good as it should and will leave no memory at all.

Baking wouldn't be something enjoyable if it were easy: it demands care and patience. Like with all the passions one has in life, it requires commitment, love and strength to endure big failures and criticism.

There are reasons and emotions that draw me to baking that I can't put into words, no matter how much I try to form a sentence. It seems motives and feelings are just too big to fit in small space allowed by consonant and vowels, they just burst out of boundaries.

Not that it really matters to me, naming everything I feel.
When we were kids, Adriana didn't like eating soup at all. She loathed the idea and would start looking upset and get a frown on her face when my mum would start putting the soup together. At the end though she would eat it. My mum would look at us and then make a magic want gesture with her hands. "ZipitiZap! There, I just added my magic ingredient, mum's love. Now it is the best soup you'll ever, ever, ever eat". The trick worked magic each time, really, and the soup was eaten.

I truly believed that my mum was magic, a bit like Mary Poppins and she could make everything taste better thanks to her love (well, almost everything: the oven roasted broccoli and cheese bake is still a dreaded memory for the whole family).
And I truly believe that baking is about that magic feeling, it's the warm feeling I get in my bones, mind and heart and much more.
It's something I do at my best for people I care about. Ok, let's be honest: I can be a little tiny weeny bit mean sometimes, but then I try to make up for it.
I always think about what the people I'm baking for might enjoy the most, what they might like to try or have once more.

I take it very seriously, perhaps too much sometimes. It's one of the things that will get me upset: "oh well, how hard can it be? It's JUST a cake!", "oh no, I wasn't thinking about cookies, they have no wow effect and are just so plain!"...

Right.
So, what has kept me balanced and happy no matter what recently?
Lots.


Just the strudel that Marina ate even if it was filled with raisins and she doesn't like them.
Just the small apple cinnamon and walnut cakes, made with the part of mix that didn't fit in the muffin tray.
Just the ciambella that I had to cut beforehand in order not to crush it on the bicycle ride.
Just the "fette biscottate" (a kind of Danish toast), that still lacks the right shape but it's spot on taste-wise.

Oh and this:

eat me

They might not have the "wow effect" (whatever it is), but Noriko can't bring herself to eat the last 2 man and wife on her desk. And to me this is more than "wow", if you can understand what I feel. Can you?



Disclaimer: this post may have sounded like a proper full rant. Well it is! :-D This means that the vast majority of you won't understand what the hell I'm about; few of you might have some idea about it and will nod your head; if you get upset it's because you got a guilty conscience. And guess what? I don't care. :-)



Monday, 27 September 2010

Autumn in London

Autumn

Non credo di avere una stagione preferita, ma l'autunno mi piace parecchio.
E' una stagione strana, l'autunno. E' dotata di una specie di bipolarità che mi attrae. 


Tante cose finiscono e muoiono d'autunno: le vacanze estive arrivano inesorabili alla fine, lasciando sabbia al fondo delle borse, conchiglie nei cassetti, braccialetti portafortuna ai polsi, ricordi di amori al profumo di lozioni dopo-sole. Gli alberi perdono le foglie, cadono un po' alla volta, cambiano colore. Le giornate perdono luce e calore, lentamente ma inesorabilmente. Tutto si prepara a un lungo sonno, gli scoiattoli come i tester con la passione per la pasticceria assaporano il letargo e fanno scorte di nocciole.
Allo stesso tempo però, sembra che i miei anni siano sempre stati scanditi dall'inizio dell'autunno piuttosto che dal Capodanno: la scuola ricominciava in autunno. In autunno faccio sempre nuovi propositi su cosa imparare durante i mesi futuri, mi immagino nuovi progetti e scopi, spesso do una direzione nuova alla mia vita.


Sì, sì, è questo oscillare da un estremo all'altro che mi attrae nell'autunno.
Camminare lungo i corsi di Torino che sembrano lastricati d'oro quando il sole si riflette sulle foglie gialle e rosse mi ha sempre riempito di tanta tristezza a pensare al tempo che passa, che lo lascio passare e sembro sprecarlo. Ma ho sempre sorriso durante queste mie passeggiate, perché mi sono sempre sentita piena di vita e speranza. 


A Londra le cose non cambiano molto, a parte il fatto che fa leggermente più freschino e il contrasto dei colori non sempre è così marcato per via delle precipitazioni.
Ieri mattina ho camminato da Covent Garden alla Tate Britain: ho lasciato i turisti alle mie spalle, il 99% si ferma al Big Ben, lasciando al rimanente 1% la tranquillità dei giardini lungo il Tamigi. 
Le foglie stanno ingiallendo e iniziano a cadere, ma l'erba rimane di un verde sfolgorante.


Una volta avevo sempre progetti in questo momento dell'anno. Ora mi sembra di non averne più. O meglio ci sono, ma sono confusi e schiacciati dalla meschineria della vita quotidiana. 
Qualche anno fa camminavo lungo la strada che porta al Valentino insieme a Francesca (il nostro itinerario della domenica prevedeva gelato dalle parti di piazzetta Nizza, camminatina fino a Italia'61 o giù di lì e ritorno) e il mio futuro mi sembrava un enorme buco nero. Che ne sarebbe stato di me? Che avrei fatto? Dove mi avrebbe portato la vita?
Non riuscivo mai a preoccuparmi fino in fondo però, non tentavo mai di darmi una risposta. Mi bastavano i colori dell'autunno come scusante: finché c'è una simile luce, cosa mi importa del resto?
A parte il gelato e la compagnia di una buona amica, certe passeggiate non cambiano.

Like milk for hot chocolate

Last weekend, Lloyd and I went to an Italian bar on the Southbank.
I had a coffee while he decided to go for an hot chocolate.
When he ordered it, the waiter asked Lloyd whether he wanted milk or not. He automatically replied no, but as soon as the waiters left we started wondering what it was all about.
At the end, the hot chocolate is made with milk, so why asking if one wants milk in it?!?
He was a bit apprehensive his hot chocolate might turn out to be one of those liquid Cadbury beverage that are so common around here. But the worry was soon to be forgotten: the waiter was back with a dark, thick hot chocolate.


I forgot about it completely, until I stepped back in the same bar yesterday.
Rainy, dark, cold and damp Sunday afternoon calls for a hot chocolate.


I ordered mine and once more the waitress asked the "with milk?" question. 
"Just chocolate, nothing else, thank you".
Robert ordered his chocolate with rum and perhaps that's the reason why he wasn't asked.


As weird as it looked, I would have probably forgotten once more, if the girl sitting at the table next to us hadn't ordered a hot chocolate. With milk.


Then everything become clear. In the moment I saw the small black jug filled with milk, a sense of dread and doom started creeping on my spine.


Everything got colder, and time stood almost still, in a Matrix-esque way, when she took the small jug off the table and poured the milk. 
She poured the whole jug of milk into the hot chocolate cup, so that the perfect black, thick, creamy chocolate turned in a washed cocoa flavored drink. And she just drank it as it was a latte, gulped it down as nesquick, then once in a while, shot me weird look because I was using the spoon to pick the hot chocolate from the cup: you might have 3 months worth of my salary in dresses and act as everybody was below you, but I'm not going to use a straw to drink my hot chocolate!


Yuck! How can somebody in his/her right mind do something so atrocious and barbaric? How can such a crime against taste and chocolate go unpunished?!?!

Wednesday, 22 September 2010

Me in the viewfinder

Saturday Lloyd and I  had a play with some "design armchairs"


Gigi (e) la trottola


You just had to sit and spin.
Unless you're Lloyd, of course. If you are him or like him, then first thing you try to do is to sit in perfect balance on the spinning armchair without moving.


When we left headed towards Tate Modern, he asked me if I didn't want a picture of me taken on the armchair.
I said no, because... well not sure exactly of the reason why.
I'm normally more relaxed and comfortable behind the viewfinder, rather than in front of it. Moreover, when I feel there's no balance in my life, I'm stressed or I'm struggling with the weight of the problems I have to curry around, I just become more self-conscious. I feel as if the lens can capture all that's wrong with me: faults, character failures, personal issues. I look at the picture taken and I just see ugliness, defects, scars of unrequited loves and misplaced trust.
Some people have the same problem with mirrors, but because they leave no trace, they are not a problem to me.


Right now, I'm in a moment where I don't like my picture taken, mainly because I don't like many things of me and of how my life is developing: I don't like my lack of patience, I don't like the feeling I get each day of letting my life slipping away, of missing how my friends' lives are evolving. I hate the feeling of being blocked and without a clue of what the future, the close future may has in store for me.
I hate the fact that I can type but I can speak, as if this life style, this country drain my emotions in the throat. And even if I could find the words, who could and would listen to me? 


So, no, I can't bear the idea of having a picture of me taken right now. 


Funny how not many weeks ago, this problem was nowhere to be found! I remember I had other worries, but people taking picture of me was not in the list. 
Now that the hard disk has been recovered, I've gone and browsed all the folders, looking for a picture.
This one:


me?


I can't remember who took it. I remember it was a sunny and quite hot Saturday afternoon, the day of Armonica. I met with Diego in Piazza Castello: he was there with some other people taking pictures. Buncia, having been there for the whole event, had by then reached amazing level of lobster red.


We settled for a walk toward Grom, had some ice-cream, sat in front of the Egyptian Museum, started talking about camera, lenses. Diego had to take some photo for some tourist and we all chuckled at the fact that, so used to D-SLR, he didn't really know what to do with the small compact camera the 2 girls have given him.


"If you don't like it, I can take another one" he told them (after having taken 2 pictures already).
"Oh no, that's fine", was the reply (without even bothering to take a look at the pictures, sigh).


We swapped cameras and I can't remember who took this picture.
I just remember that I downloaded it, looked at it and thought "cool, I like it".
Then I told myself that I would put it in the right folder the day after. Right... my never-ending postponing is a different story, I'll tell you about it next time or another. 
It took me a while to find it. I look at it and somehow it's like I'm staring at a stranger, a stranger I'd like to be again soon.

Monday, 20 September 2010

Ordinary people




"We're just ordinary people, 
We don't know which way to go, 
Cause we're ordinary people

Maybe we should take it slow."


La vita di tutti i giorni, quella normale, ordinaria. Con il treno da prendere al mattino, la spesa da fare, le bollette da pagare, il biglietto di auguri da spedire.
Le risate, le chiacchiere e i pettegolezzi, le arrabbiature e le sorprese.
Sotto la superficie della banalità a volte si nascondono universi paralleli, i cuori si agitano, i problemi lievitano.
E io non so come fare, cosa dire. 
Perché sono una persona qualunque e non so che direzione prendere.
Perché sono una persona qualunque e voglio felicità, se non per me, almeno per le persone a cui tengo, perché so di poter fare ben poco per aiutarle a star meglio quando hanno dei problemi.

Medusa

I admit that some bad habits that make me mad are somehow even more annoying because I know I have them too.
Seeing them in another person makes me quite upset as I know that I'm no way better.

I know that living happy is the best revenge and I should just keep thinking about the greater picture and not focus too much on the silly small details. Yet I still do focus too much, because I live a small life, made of small things, for good and for bad.

I shouldn't get upset at the never ending comments by the SouthWest Trains guard on the microphone in the Quiet Zone coach but then what's the point of having such a quite zone if you later go on and talk 10 mins no stop of all the stops on the service and the lenght of the platforms?!? Hell, I got Calvino to read, shut! up!
So you see, I get upset.

I get upset for the lack of sincerity that seems to taint every social interaction with strangers. Commuters bump into you and automatically say sorry, without even stopping to check if you're alright. People elbow you because they want to get in front of the bar stand in the pub, god forbid they can't get pissed as soon as possible and "oh, I'm so sorry!".
Sorry my ass! Everybody's saying to be fucking sorry in this country and not a single one actually meaning it!

I get upset for the fake concern some people display when asking me questions. I do get upset and start behaving badly, treating them meanly. I don't want to, but even so, I have not found a way to not get angry.
I came to the conclusion that there's nothing I can do: the simple fact that I'm asked not because of a true concern, but because it's a formality that needs to be checked off the list to then get on with what "really" matters in life, is enough to send me over the edge.

Nothing will stop me from getting that look in my eye, that look I inherited from my dad and that seems to sum up all the contempt and annoyance of this world.

If you ask me how I am just because it's an educated thing to do, but don't give a damn about what I have to say, please don't ask.
If you want to know how my day's been so far just because you don't really have more intelligent questions to ask or because you'are not really able to understand it on your own by how bad I look, please don't ask.

Really, don't ask. Or don't be offended if I reply badly. Or, even better, don't look at the monitor of your computer when you ask me how I've been doing. Look me into my eyes and I promise you I won't turn you into a statue.

Saturday, 18 September 2010

La BBC e il papa

Questa settimana sembra quasi di stare in Italia: Ben16 (che è un po' come un Ben10 invecchiato, senza orologio ma con tiara... eresia!) è in visita di stato. Il clima è quel che è, sia dal punto di vista meteorologico che degli animi, come dimostrano gli articoli del Daily Mail contro Stephen Fry.
Per fortuna Stephen Fry c'è e risponde con l'intelligenza e l'onestà intellettuale che al Daily Mail mancano.

Pure la BBC si è trasformata un po' nella Rai: servizi sul papa in tutte le salse, dirette tv dell'arrivo, dei trasferimenti (con commenti dettagliati sulla papamobile, chissà se la faranno provare allo Stig), delle messe... e compagnia cantando.

Però attenzione! Un po' vuol comunque dire che è rimasta BBC nell'animo. Uno dei miei programmi preferiti della BBC si chiama "NewsWatch": gli spettatori scrivono le loro rimostranze su cosa non hanno apprezzato dei telegiornali della BBC e i responsabili della redazione sono chiamati a risponderne, spiegare le loro ragioni ed eventualmente scusarsi (poi di quanto gli inglesi si scusino tanto per il gusto di fare ne parliamo un'altra volta).
Mi piace perché mi da l'idea di un'informazione comunque più limpida rispetto alla melma a cui non sono mai riuscita ad abituarmi in Italia. E poi il presentatore è bravissimo a leggere le lettere con un certo pathos e rimanere non conciliante nei confronti della persona chiamata a rispondere.

Già pregusto la trasmissione della prossima settimana, quando la copertura della visita papale verrà fatta a fettine sotto il microscopio degli spettatori. E nel frattempo mi cullo nell'utopia di avere qualcosa come, non dico la BBC, ma almeno NewsWatch!
Vorrei un NewsWatch in Rai, per poter prendere chi ha messo insieme, approvato, trasmesso questo servizio:



Voglio un Newswatch alla Torquemada, ecco, perché certi figuri spieghino come sia possibile, al giorno d'oggi mandare in onda simili articoli. Quale sarà il prossimo servizio? La presentazione del documentario "Cicogne: la risposta alla crisi demografica"?

Quando ho letto il post che ne parlava sul blog di Matteo Bordone, non riuscivo a crederci. Ho dovuto vedere il video due volte, perché la prima volta ho chiuso la pagina infastidita. Quando l'ho rivisto, ho fatto appello a tutta la mia pazienza per non staccare direttamente la corrente.

Avrei voluto scrivere questo post qualche ora, ma ho perso tempo a riattaccarmi le braccia, cadute miseramente al suolo.
D'altronde che posso dire? Come rispondere o argomentare le proprie idee quando a sentire parlare il cardinale Martino o Rosa Giannetta Alberoni, si ha la prova che l'evoluzione entra in una spirale involutiva senza fine!?!?

Beh, attenti al gorilla!

Thursday, 16 September 2010

Wilco: an applied sociology concert workshop

Se l'avessi perso, quello di ieri sarebbe stato il terzo concerto dei Wilco in meno di un anno a cui non riuscivo ad andare.
Roba da trasformarmi in Michael Douglas in "Un giorno di ordinaria follia" (anche se con un taglio di capelli decisamente piu' bello).
Sembrava che l'oltraggiosa sfortuna non solo mi remasse contro, ma si divertisse pure a sbattermelo sulla faccia, il remo. Anche questa volta ho scoperto troppo tardi il concerto, che era prevedibilmente ormai tutto esaurito. Motivo per cui mi sono iscritta a un sito che permette di seguire gli artisti preferiti e scoprire quando suonano nelle vicinanze appena le date dei concerti vengono annunciate, e vediamo se capita di nuovo.


Il tutto esaurito non mi ha scoraggiato e, quando la data del concerto si è avvicinata, ho iniziato a cercare su Gumtree per vedere se trovavo un biglietto... Trovato! Evviva! Gioia e giubilo!
Lunedi' a pranzo mi arriva una mail: "La mia ragazza ha gia' venduto il biglietto. Mi scuso per i problemi che posso aver arrecato". Pessimismo. E fastidio. E una bambolina voodoo pronta per te e una per la tua ragazza, ovunque vi troviate, Ian di Vauxhall.


L'idea di dover prendere un biglietto del treno per Londra e sperare di comprare quello per il concerto da un bagarino si materializzava sempre più, ma all'ultimo ho trovato un altro annuncio, sempre su Gumtree, e dove sennò? Il Karma è in forte ascesa per Paul e il suo amico che gli ha dato buca.


Quindi ieri sera, alle 7 e mezzo ero dentro la Royal Festival Hall, finalmente a un concerto dei Wilco! 
E mica avevano l'ultimo arrivato come gruppo di supporto! Phil Selway, il batterista dei Radiohead, presentava il suo primo album solista. Grande set che ha preparato la sala per Jeff e soci. 


Potrei parlare di come abbiano iniziato con "Wilco (the song)" e abbiano tirato le prime 7 canzoni senza pausa e con una foga che faceva battere il cuore al ritmo della grancassa di Glenn Kotche.
Oppure di quando a Jeff Tweedy è saltata una corda e, dopo aver cambiato chitarra, ha finito il pezzo a uso e consumo di quelli che stavano registrando illegalmente il concerto ("dovete solo eliminare il pezzo centrale e incollare")
Oppure delle due lacrimucce (ok, qualcuna in più) che mi sono scese durante "Misunderstood", perché sembra adattarsi a me come una seconda pelle.


Invece, voglio scrivere della mia esperienza di un concerto rock in Inghilterra.
Non è il primo, è vero, ma è il primo in cui mi trovo a stare seduta in mezzo a un pubblico abbastanza stoccafisso.
Fino a stamattina pensavo di aver avuto solo un po' di sfortuna, ma poi Beth e Paul mi hanno in molti versi confermato che non è un fenomeno raro: il pubblico stoccafisso. Non sono io, quindi; men che meno i Wilco. Solo che capita, specie se il luogo del concerto è "di un certo livello".


Avevo già notato, al concerto di David Gray, quest'abitudine della gente di interessarsi più alla birra che alla musica in molti concerti; ma ieri sono stata testimone di livelli mai visti prima! Capisco avere una pinta prima dell'inizio, ma la media di birre veleggiava ampiamente sulle due o tre. Uno dei ragazzi accanto a me emanava un distinto fragranza di pub. 
Qual è la conseguenza immediata e più comune di due pinte di birra, secondo voi? Oltre a una certa vocalità che si esprime nella mai troppo apprezzata specialità del rutto libero, la birra crea anche una certa necessità di andare al bagno.
Ora, se sai che vai al concerto dei Wilco, perché ti riempi di birra? Per poter correre fuori al bagno nel bel mezzo del concerto?!?! Volete forse dirmi che quella schifosa e calda Foster's fatta fuori venti minuti prima aveva la stessa magia delle chitarre che si parlano nell'assolo finale di "Impossible Germany"? E una volta che sei corso al bagno e ritornato in sala, ma per davvero devi andare a prenderti un'altra pinta? Senza correre stavolta però, visto che ormai lo stato di necessità non sussiste più.


Dopo quaranta minuti, ancora tutti seduti e con i piedi che ormai si muovono sempre più, Jeff Tweedy invita il pubblico ad alzarsi dalle sedie, perché è pur sempre un concerto rock. Lì si è capito chi non era inglese. E chi era completamente ubriaco: gli unici ad alzarsi all'istante, come se una molla fosse finalmente scattata. 
Le persone rimaste sedute erano la stragrande maggioranza e per farle alzare... beh, qualcuno ha urlato dal pubblico: "You have to ask us".
Già, perché per far alzare gli inglesi, anche a un concerto rock, glielo devi chiedere. E solo così si sono alzati. Beh, si sono alzati quasi tutti. Alcuni sono rimasti seduti, anche se quelli seduti davanti a loro erano in piedi.


E se questo non bastasse a far sembrare l'esperienza di ieri un'occasione unica per vedere da vicino i comportamenti di quell'ameno popolo che abita l'Inghilterra, sappiate che il concerto non era ancora finito.
Non so voi, ma io ai concerti canto. Male e stonata come una campana, ma canto. Urlo, mi faccio portare dal ritmo e canto insieme al gruppo. Ieri ho notato che intorno a me non c'era molta gente che cantava ma non ci ho fatto troppo caso; per quantificare meglio, l'anno scorso a Valdapozzo, quando Diego e Lucio hanno suonato "Hate it here", c'erano più persone che la cantavano che ieri.
Poi che la gente cantasse o meno, non mi fregava più di tanto, perché mi sentivo un po' come in un piccolo mondo tutto mio. Sbagliavo. Me ne sono resa conto quando ho sentito qualcuno picchiettare sulla mia spalla. Era il mio vicino che mi chiedeva di smettere di cantare, perché lui era lì per ascoltare la musica. O-kay.
Mi sarei messa a ridere, solo che i Wilco hanno attaccatto (giusto giusto) "Hate it here".
E io ho ricominciato a cantare...

Tuesday, 14 September 2010

Life is in the small details


This morning the dentist didn't find anything that needed to be fixed in my teeth.
My new shoes fit lovely and don't hurt.
I got a train ticket to London and 30 quid in my pocket for a ticket for Wilco's concert at Royal Festival Hall tonight.

Life is in the small details. And it feels quite lovely right now.

Boum!

L'aria inizia a essere fredda, ma stamattina sono riuscita a pedalare senza rischiare il congelamento delle dita, non penso di avere ancora bisogno di guanti.

Nel pomeriggio ha piovuto. Me ne sono accorta dalle gocce di pioggia cadute sul manubrio di Voodoo Lady alla stazione: dovrò trovare un modo per coprirla, perché la tettoia non copre del tutto la bici e rischio di vedere il livello di ruggine aumentare troppo velocemente.

Ho asciugato il manubrio e bofonchiando contro chiunque abbia pensato a un riparo solo parziale sono uscita dalla stazione e sono andata a fare un giro di commissioni prima di tornare a casa.
Ci tento a precisare che bofonchiavo sì, ma non parlavo da sola, ma con Voodoo Lady. Per alcuni è solo un ammasso di ferraglia non alla moda, per altri un ottimo mezzo di trasporto, ma Voodoo Lady oltre al mojo, vanta di un animo e una sensibilità che certi esseri a due zampe si sognano.

Mentre tornavo a casa mi è tornata in mente una canzone. "Boum" di Charles Trenet. E' uscita dai meandri della memoria, all'improvviso.
Sono uscita da Morrisons, fissato la borsa della spesa, tolto il lucchetto; ho inforcato la bici pronta a partire quando lo sguardo mi è caduto sui piedi, felici e contenti nei loro calzini nuovi (la "retail therapy" ha avuto fra i suoi frutti più apprezzati una serie nuova nuova di calzini dalle fantasie e colori più svariati) e qualcosa mi è tornato in mente. Mi si è stampato un sorriso in faccia e mi sono ritrovata a canticchiare, nemmeno troppo a bassa voce, tanto voglio vedere chi mi dice qualcosa:


"Mais... boum!
Quand notre coeur fait boum
Tout avec lui dit boum
L'oiseau dit boum, c'est l'orage!"

boum!

Ho ripensato ai primi giorni di settembre di molti anni fa, prima di tornare alla vita di tutti i giorni, gli ultimi giorni di ferie, quando con nonna andavamo a cercare funghi al Colverso: si andava giù in bici e si parcheggiava le bici su un lato della strada, tanto sapevamo che non correvano rischi di essere rubate. Scendevamo lungo il bosco, magari una o due rive, andavamo a cercare nei "nostri posti", controllavamo dove erano stati gli altri prima di noi (e in un paesino di poche anime, impari a riconoscere chi è passato prima anche solo dallo stato delle foglie o da come alcuni distruggevano in maniera metodica tutti i funghi non commestibili). E poi con i cestini pieni di madonnine, crave e bulet e due baffi viola da abbuffata di more si tornava alle bici.
La strada era un continuo sali e scendi e di macchine allora ne passavano poche. Al massimo trattori che iniziavi a sentire a un chilometro di distanza. Questo ci dava occasione di prendere velocità in discesa, affrontare a zig zag le salite, riprendere fiato e anche tornare indietro se ci sembrava di aver visto qualcosa di interessante al lato della strada: nocciole, fragoline selvatiche, la tana di una lepre. Il vento soffiava, la mia catena faceva click clack, quella di nonna un sibilo e uno scatto, swiiiish e poi tac!, un sibilo e uno scatto swiiiish e poi tac! Non ci voleva più di un quarto d'ora per tornare a casa ma io ero felice che mi sembrasse molto di più. Non so se mi sono mai sentita altrettanto felice come in quei momenti dopo.
C'era qualcosa di magico in quei momenti; tutto merito di mia nonna, ovvio. Nonna Ida era speciale, aveva un cuore grande grande che nessuno riusciva davvero a spezzare, nonostante i tentativi e i comportamenti ignobili di certa gente nei suoi confronti. La trattavano male, se ne approfittavano di quella sua bontà incondizionata e ancora oggi mi domando come non si sia mai inacidita, non abbia mai fatto esplodere il suo risentimento: non riesco a capirlo, come faceva.
Ma lei era unica, e la sua bontà era davvero pura, non portava rancore.
In un certo senso era la migliore vendetta che potesse prendersi, ma questo a lei non importava ovviamente.

C'era qualcosa di magico in quei momenti. Nel bosco, a battere con il bastone per terra per spaventare le vipere, ero felice e in pace con me stessa. Non si è mai troppo piccoli per provare sulla propria pelle la meschineria della gente; non sapevo bene come classificare quelle persone che erano carine con me quando avevano bisogno di qualcosa da me, salvo poi sparare merda sul mio carattere e sul mio modo di essere appena non gli servivo più. Però sapevo che facevano leva sui miei difetti e ci stavo male, perché non sentirsi all'altezza fa questo effetto. Insieme a nonna Ida questo non contava. Mi faceva voglia di essere migliore, ma allo stesso tempo accettava per davvero i miei difetti e non me ne faceva una colpa. L'equilibrio che continuo affannosamente a rincorrere era qualcosa di naturale per lei, era il suo regalo per me.
Ancora oggi, ogni volta che mi fanno sentire giù ripenso a quei momenti e mi sento più forte e riesco a rimettere tutto nella giusta prospettiva.

La cosa strana è che non ho mai ascoltato Trenet con mia nonna. Ogni tanto lo canto in macchina con mia mamma, quando non troviamo il cd dei Bee Gees, ma credo che nonna l'avrebbe definito uno che non sa parlare in piemontese molto bene.
Forse ho associato senza rendermene davvero conto Trenet alla bici e a nonna, perché è una canzone che mette allegria, quella stessa allegria senza riserve che provavo ad andare in bici con nonna.
Quella che in parte ritrovo ancora oggi come per magia ogni volta che mi rimetto a pedalare.

Friday, 10 September 2010

The Alfonso Muffin

I am normally not a mean person.
Evil? Hell yeah!
Uncaring for other people's feelings? Not on purpose and intentionally, but it does happen.
Mean? No, not really.
Still, there are moment when,  in a very Tom & Jerry style, a small devil Virgi pops up and sits on my shoulder, silencing the small angel Virgi.
If somebody, moreover helps the devil, then it gets so easy to play trick on people.


So, this week I brought in some strudel for my colleagues and one of the Spanish guy, Alfonso, didn't want it.
I already knew it was going to happen, as he loathes raisins and I've added a quite generous portion to the strudel.
Last time I used raisins in a cake, I somehow managed to get him a slice of it with not so many raisins... and he still took some time to remove the few ones still in the slice! Talk about dedication to the cause!
He asked me if there was strudel in the strudel, and I was quick in reassuring him that yes, my strudel was stuffed with strudel down to the last bite.
He asked me about the raisins and once more I could give him a positive answer: I looked at the strudel at my desk and yes! I could positively say there were raisins in it. Lots of raisins.
He came over my desk in the afternoon, to double check that I was telling the truth. He strutted away, mumbling something on the line of "unconceivable".
That's when the idea started to form. 


One or two days later, I was discussing the Raisingate with Alfonso and Robert and the idea got into better shape, I only needed few minutes of chatting later on with Robert to make up my mind.


So that's what I did.
Yesterday I browsed into the Gnam folder (I'm so going to put order into it... sooner or later, maybe not tonight, as it's late already, another day perhaps) and found a recipe for chocolate and coffee muffin.


I took the ingredients:

250 gr flour
30 gr cornflour
150 gr sugar
2 tsp baking powder
1 small cup of espresso
2 tsp cinnamon
2 tbsp cocoa powder
1 pinch of salt
120 gr melted butter
2 eggs
1/2 tsp salt
120 gr burro fuso
2 eggs
200 gr milk
4-5 drops vanilla extract
50 gr roughly chopped dark chocolate

And added this:
1 generous handful of raisins


Oh yes, I took the raisins, soaked them into water, and then chopped them so they would look roughly like chopped chocolate.
In the meantime, I had sifted the flour and cornflour and mixed them with the sugar, the cocoa powder, the baking powder, the cinnamon and a pinch of salt.

I melted the butter and beat it with the eggs, then i added the milk, the coffee and the vanilla extract. I slowly added the flour mix to the butter mix and then added the chopped chocolate and raisins.
I lined a muffin tray with paper muffin case, poured 2-3 generous tablespoons of mixture into each one of them and then baked them at 170°C for about 20 minutes.


I took them out of the oven and let them coold down.
I had a closer look this morning and, judging from the outside, one couldn't tell they contained raisins.


The Alfonso Muffin




By just looking at them, it was obvious these muffins needed a name!
So I penned them "The Muffin Alfonso" and made a label before going to have a coffee with Alfonso: 



Obviously, in this country, there's no way one can get away without some health and safety warning, no matter how poorly visible it can be:


I showed the label to Alfonso; I showed the label to Alfonso after he ate a whole muffin, obviously. He didn't believe I actually did it. Naive.
Some of my colleagues said I'm evil: I was not used to so many compliments in a single day anymore! Too kind of them, I don't deserve them, especially after I kind of promised/reassured Alfonso I won't do it again...

Thursday, 9 September 2010

Days that matter

How to start the day in a pool of tears, sitting at my desk... All about days that matters.


Wednesday, 8 September 2010

The end of the world as they know it.

"There's a massive strike going on in France"
"Yeah, I read about it in the news. It's against the raise of the retirement age, isn't it?"
"That's right. Government wants to bring it up to 62 or something like that. Now it's 60"
"60 to 62?!?! Damn! That's the end of the world, isn't it?"
- Laughter -


I overheard this conversation between 2 men on my floor yesterday, as I was rushing for the bus to the station.
I smiled a little because of it, but it then stuck to my mind for a long time.
If only I could, I'd love to travel back in time, take this 2 middle-age conceited white collars and explain them some points. 
First of all, as much as the living expectancy is increasing and demography is in a downturn, people shouldn't work until they die.
The idea is to work, to be a contributing member of the community and then retire to enjoy the harvest of everything you planted before.


You may think 62 is an early age to retire but age is relative, just a number. What matters is how many years you've worked and what type of job you've had done. If you're a builder, an electrician, a lorry driver, you will probably be tired even before reaching 55.
If, like my dad, you started in a factory at 16, you will find that 60 is a lovely moment to say bye to work.

If like my friend Wahid, you've worked every single night of the past 30 years in a bakery, your eyes are blooded and your sleep routine completely off, trust me, you want it off at 45.
So, let's define "work". Do you work as much as Wahid? No, I don't think so.
As much as my dad? Trust me, you don't want to do that.
As much as I used to work in the bakery back in Italy? I'd so much love to see you trying.
Your idea of work includes a soft commute in a place forgotten by God, long coffee breaks, time spent updating your facebook status, meeting held just to make you feel important, so at the end of the day, once you return home, you know that you haven't done much (well, that's if you're honest to yourself, obviously). Yet, you have done your hours, thus "worked".

I look at the wrinkles of some people commuting on my train, at some of the people working with me, and wonder if they wouldn't rather be home, enjoying their time with their grandchildren and spending time with their hobbies (I know that's what my father would love to do).


You think that's the end of the world. No, the end of the world is that we're all setting to lower standard and gladly accepting them. Italian workers give up on their rights to strike or maternity and think they're lucky, because they still got a job. 
English get upset because the tube staff is on strike when they earn so well already. But it's not about being upset, it's about being envious: they got an union that backs them up and grant them something that everybody should get. Because they get upset and protest, while you, if you get a small bonus, you still think you're lucky and you shut up. And you keep on going, and you will struggle more and more to make ends meet and still think you're lucky.


The end of the world is that you're just a slave and you think you're free.
Working longer, working for little money means setting for a lower quality of life.


If you don't have anything else in your life and you need the office to fill the void, then you won't have problem in staying in it until you die, your head on the keyboard and the hand on the mouse. 


"Here lies John Smith, ctrl-alt-canced at his desk. His last double click was for his family",


what a Spoon Riveresque epitaph!

But hell, I don't want to be like you!

I never thought it came a day I'd say something like this, but hell no, I don't want to be like you, I want to be like a French!
And that's the end of the world, as I know it.

Balance: an applied sociology weekend workshop

Questo week-end mi ha visto impegnata in un'approfondita indagine a tutto campo, a riguardo di uno dei miei argomenti preferiti: la normalità.
Cosa sia, quali siano i criteri che la definiscono e la rendono tale in un dato momento e luogo, sono interrogativi interessanti, materiale perfetto se si ha tempo da buttare via in allegre seghe mentali.
E di tempo da buttare via io ne ho, in abbondanza.
La prima parte dello studio l'ho condotta in quel di Woking sabato sera. Appuntamento per un boccone veloce con alcuni amici e colleghi e poi ci siamo diretti al New Victoria Theatre a vedere il "Rocky Horror Show". Eravamo un gruppetto decisamente interessante: metà in costume, gli altri in vestiti di tutti i giorni, io in comode scarpe da ginnastica, altri in scarpe col tacco di tre numeri più piccole della loro taglia.
A teatro eravamo decisamente un gruppo molto dimesso: fra guêpiere, boa rossi, calze a rete, corsetti, tacchi a spillo e chi più ne ha più ne metta, c'era di sicuro gente che aveva investito molti soldi e ancora più tempo nella preparazione di questa serata a teatro.
Che cosa c'è di normale in tutto ciò? Ma la gente! Tutti quei Frank e quelle Magenta sono le persone normali che incontro nella vita normale di tutti i giorni: i pendolari in giacca e cravatta che corrono a prendere il diretto per London Waterloo; le mamme stressate che vedo in coda alle casse fai da tè del supermercato; i vicini di casa che non mi salutano e fanno finta di non vedermi.
Tutte quelle fronti corrucciate che mi si parano davanti ogni giorno erano, per una sera, rilassate: la gente non si faceva problemi a farsi foto con perfetti sconosciuti, a chiacchierare con il ragazzo seduto accanto ("ma che bella mini! dove l'hai comprata?!?", "ah, non saprei, è della mia ragazza..."), a non preoccuparsi in generale di nessuna incombenza o problema.

Domenica, l'analisi si è trasferita nel centro di Londra, dove sono andata a pedalare insieme a Lloyd nel percorso della Skyride.
15 km nel centro di Londra chiusi al traffico e riservati solo ai ciclisti.
Anche qui le persone che mi circondavano erano le stesse di tutti i giorni, alcune probabilmente erano a teatro la sera prima con me, solo che stavolta non indossavano zeppe e babydoll, ma avevano i figli con loro.

Una processione ordinata di biciclette, nessuna macchina che fa invasione com'era capitato al Bike Pride di Torino, ma anche un lieve senso di oppressione sociale: la gente suonava il campanello solo in prossimità dei cartelli che lo richiedevano, quindi nessun "Make some noise" nessun scampanellio.
A un certo punto mi è sembrato di essere nel bel mezzo di un obbligo sociale: la bici va di moda a Londra, quindi tutti in bici, si va tutti alla stessa velocità e si fa casino solo su richiesta.

Il secondo giro del percorso non l'abbiamo finito: dopo il primo giro, siamo passati da Lloyd a recuperare il suo uniciclo, abbiamo deviato da Robert per un caffè e quando abbiamo riattraversato Westminster Bridge siamo stati accolti dai solerti volontari che al megafono continuavano a fare il conto alla rovescia alla fine della manifestazione, con un tono che suonava pericolosamente simile a "Sono quasi le quattro, ok che andare in bici è in, ma avete rotto, fuori dalle palle", quando solo due ore prima erano allegri e sorridenti.
Nessuno scampanellava più, perché tanto ormai era tardi.

Lloyd

Alla fine sono pure riuscita a scattare una foto a Lloyd. A riguardarla ho pensato che la normalità è un equilibrio difficile da mantenere. Il pendolare che si veste da Riff Raff, quello che gira per il centro di Londra con una specie di chopper a trazione muscolare, alla fine sono degli equilibristi: continuano a muoversi per mantenere un equilibrio fra ciò che la società reputa normale e ciò che il loro cuore considera tale, senza pensare troppo né al movimento, né all'equilibrio.
Probabilmente perché nel momento in cui ci si ferma e le domande sulla normalità iniziano a formarsi, allora le possibilità di cadere aumentano in maniera esponenziale. Magari uno cade e non si fa niente, ma la paura che possa succedere blocca e paralizza. Così viviamo tutti questo equilibrio che chiamiamo normalità e non lo rompiamo per paura delle conseguenza, ma chi l'ha detto che debbano essere solo negative?
Ora, se solo riuscissi a smettere di razzolare così male... coccodè!

Tuesday, 7 September 2010

Today's big fail: common sense

I live a life of habit.
I wake up. And this is already quite an achievement.
I get up. And I could already call it a day here.

But then I go on with normal stuff, shower, breakfast, train station, train, shuttlebus, office, etc. etc.

Today, however, my routine stopped at Farnborough train station. Or, I'd rather say, it was stopped. By what? By the complete lack of common sense this country is able to display.

In front of the train station there are 4 stands: 3 stands for buses and to let cars pass by for quick drop off/on and one for the taxis.
The bus stands are used by the many bus services of the area, many  like the shuttle bus I take, connecting the station to the many offices in the middle of nowhere (i.e. the whole Farnborough area).
However today when my shuttlebus arrived, the driver stopped midway.
Why? I couldn't see the logic at all! He was there, in the middle of the street with a quite long queue of cars starting to form.

Two stands were absolutely empty, while the third one was packed with bus, minibus and small vans.

After 5 minutes of waiting, the queue on the 3 bus stand finally moved so I could "finally" get on the the bus and find how what was going on.
A bus company "bought" 2 of the stands for one of their route so now it's the only one entitled to use them, while all the other companies will have to share the 3rd stand.
An officer (SW Trains, police?) has been patrolling out of the station to tell bus and car drivers to not use the lanes.

I've checked the company website to have a look at the time table. 
One bus each direction, running every 15 minutes.
8 bus an hour.
And they need 2 stands all for themselves!

I just fail to see the common sense in that, but at least I wonder about it.
Unlike anybody who thought that buying/selling the exclusive usage of bus stands was a good and sensible idea.


 
 

Sunday, 5 September 2010

Solitudine a Woking

I libri mi hanno fatto crescere ma, alla fine dei conti, con i libri non sono mai cresciuta. Nel senso che sono rimasta profondamente ancorata a molti dei miei comportamenti e delle mie abitudini infantili: sono possessiva e non amo dividere. Divento implacabile quando qualcuno maltratta i miei libri (e mia sorella può testimoniare a riguardo). 
In più ho la stessa reazione di una bimba viziata e capricciosa: mi dicono di fare qualcosa? Allora io non la faccio, cicca cicca cicca!
Tutti non fanno che leggere e parlare di un libro? Io non lo leggo, e tanto meno ne parlo.

Amiche fidate come Francy e Miky sanno come funziona. 
Nessun "Hai letto Caio? Devi assolutamente comprare l'ultimo di Sempronio". Con me non funzionano e di solito hanno come unico risultato di farmi incaponire nel mio rifiuto alla lettura.
Un libro regalato con poche parole, "ho pensato a te"... Un tascabile dato in prestito, "fai con calma, basta che poi me lo restituisci".

Psicologia al rovescio.
Come con i bambini.

Quando è scoppiato il caso letterario de "La solitudine dei numeri primi" di Paolo Giordano, sembrava che tutti quanti lo stessero leggendo intorno a me. Ragione in più per incaponirmi nel mio rifiuto.
Più le pile di volumi aumentavano in quantità ed altezza nelle librerie di Torino, più io gli stavo alla larga.

Quel volto in copertina mi infastidiva e mi innervosiva. Che strano scoprire molto più tardi che per Giordano era uno  dei motivi per cui la gente comprava il suo libro, quando con me sembrara avere come solo effetto una repulsione a pelle.
Tutti ne parlavano e io abbozzavo un sorriso, cercando di deviare il percorso della conversazione.

Poveri numeri primi! Così soli già di loro, mi ci mettevo pure io! Che colpa ne potevano avere quelle pagine delle chiacchiere della gente?!? Nessuna, ma io di certo non cambiavo idea.

Poi... poi succede che tutto va avanti. L'edizione tascabile ormai te la tirano dietro all'Auchan e non è più il libro di cui tutti parlano. Le famose quattro chiacchiere hanno memoria corta e la solitudine è caduta nel dimenticatioio. Visto che nessun amico mi ha immaginata impegnata nella sua lettura, l'ho dimenticato pure io.

Fino a quando non mi sono trasferita a Woking.
Mentre facevo ordine nella camera, (tuttora) piena di rumenta non mia, mi si è parato davanti il libro.
L'aveva scordato lì la precedente inquilina. Lo deve aver ricevuto in regalo, a giudicare dall'etichetta dorata di una libreria padovana, posizionato strategicamente come una foglia di fico a nasconderne il prezzo. Ha scritto a matita nome e cognome sulla prima pagina. Probabilmente è stata la prima e unica volta in cui ha aperto il libro.
L'edizione rilegata, con la sua copertina spessa e cartonata, non portava tracce apparenti di lettura, nessuna di quelle tante minuscole cicatrice che infliggiamo, coscientemente o meno, alle pagine.
Nessuna traccia di apertura prolungata su una pagina: la rilegatura era intonsa e rigida, come appena uscita dalla libreria. Pure la fascetta rossa che ululava ai quattro venti le parole "Premio" e "Strega" brillava di vita non vissuta.

Com'è che dicevo?
Psicologia al rovescio.
Come per i bambini.

Qualcosa è scattato. Più in fondo allo stomaco, che nel cervello. Quel volto che mi aveva respinto così tante volte, ora mi guardava con una tristezza infinita. Lì, solo e abbandonato nell'armadio, quel libro stava morendo di una malattia tremenda e crudele: l'oblio. E mi sono arrabbiata. Ma che storia è mai questa??? In fondo all'armadio insieme a degli stivali vecchi? Non è il modo di comportarsi.

L'ho messo a prendere luce sopra la cassettiera; lì ha aspettato, paziente il suo turno, dopo Attwood e Calvino: dopo aver vegetato in un coma lungo almeno dieci mesi, di sicuro aveva imparato a non avere fretta. 

Finalmente è arrivato il suo turno. E il mio.

L'ho letto come un'adolescente, con quella voracità che mi faceva ingoiare centinaia di pagine fino a incendiarmi gli occhi.
Sul treno, alla fermata dell'autobus, avevo costantemente il naso conficcato fra le pagine.
Lungo Walton Road, camminando verso casa, la mia fame chimica per l'inchiostro era superata forse solo da quella chimica degli ubriachi, che si ingozzavano di kebab e fish and chips, tentando così di placare il vortice alcolico che infuriava nei loro stomaci.
Al lavoro, ho consumato la pausa pranzo alla scrivania, in un impeto di asocialità, per bruciare quelle ultime trenta pagine.
Girata l'ultima pagina, letti i ringraziamenti (e alcuni di voi sanno il perché), ho richiuso il libro, l'ho appoggiato sulla scrivania e l'ho guardato.

La fascetta era sgualcita e sembrava aver perso brillantezza. Dopo averlo usato come segnalibro il primo giorno, un po' del rosso si era staccato e sono rimaste delle piccole chiazze bianche. Il dorso delle pagine era scurito e un po' sporco; c'è una leggera bolla all'altezza della pagina che ho tenuto aperta con il gomito.
La sovracopertina è fuori posto e non coincide più perfettamente al libro.

Ho guardato la ragazza della foto.
Mi è sembrata felice, viva.

Mi è piaciuto? Mi ha cambiato la vita? Sì, no, forse, non so, di sicuro non importa.
Leggendolo, gli ho donato un po' di vita e, così facendo, mi sono sentita viva pure io.

Thursday, 2 September 2010

Stress relief and nostalgia chocolate

The boiler in the house (yeah, house and not home, because Burt Bacharach's quite right about the difference between the two) I live in is broken.
Has been so, since Monday evening.
Ah, the joy of cold showers! Nothing better to (ass) kick start a morning!
I really hope things will get fixed by tomorrow, but so far I'm not very happy, positive-thinking and I just feel quite irascible about the whole thing. Why can't we just call the standard reliable Polish electrician, instead of placing our morning showers into the hand of a bank call center? Oh yeah, because they sold us a service and we're going to use it, even if it means we won't see a shadow of warm water until next summer.


So, as I said, I'm upset, nervous, quite irritable, feel my teeth grinding against each other and on the verge of sending to hell innocent people. Not so innocent people, do not worry: I'll get your voodoo dolls pinched as soon as possible and as soon as I remember where I put the pins.


So what I do to calm myself? There are only 2 way I know of: binging and baking.
I admit I indulged in a little bit of overeating. Some rye bread, some chocolate and oat flakes, nothing at the level I used to reach some years ago, but still, a clear and bad signal of what this life is doing to my balance and I know I will pay the consequences of it tomorrow.


Baking on the other hand, baking is really good to make me forget all the bad stuff happening to me and around me.
It makes me forget stupid remarks and conversations, it takes away upsetting memories, it soothes my soul.
So, I just asked myself, why should I bake? What do I want to try? Mmmh... strudel!
But in the end, I didn't bake strudel. No matter the harsh feelings I cradle right now, I will mainly use them against myself (i.e. binging) and not on other people, like some people from the office that I know hate and loathe raisins... and let's face it: raisin-less strudel is not strudel, to me at least!


Then... just like a Blues only child, I was the light! A sudden idea that has been, I think, lurking in the back of my mind for a while, from the moment I saw this picture on Irma's photostream.


Cremini!
Oh my! I used to love cremini as a child! If you haven't noticed it so far, I'm quite nostalgic about my past and childhood. Perhaps not the happiest past one can be blessed with, but still I wouldn't change it.
My childhood memories are mostly sweet: partially because of the amount of sugar implied, but mostly because of the love bestowed on me by all the sweet people I grew surrounded by.
Cremini are a sweet memory of when I still lived with my grandparents in La Cassa, so before I started elementary school. Cremini are a Thursday treat: that's because my granny, Ida, would buy them only on Thursday. No ritual involved, but my granny would buy them at a market stall selling all kind of sweets and the market would happen only once a week, at Thursday.
The white paper bag with the cremini looked huge on Thursday, who cares how many we have today? Hey, there are so many that they could last for ages! But the eating rate my granddad and I could keep up would reduce the volume of the bag so quickly, that by Monday we would be looking at it quite worried. All crunched on itself, looking so dangerously empty, so thin! 
I still don't know whether the Monday Cremini tasted better than the Thursday ones, but I know they tasted different from one another.


So with all this thoughts twirling in my mind, I went online to look for the recipe Irma pointed me to. The recipe's on an Italian blog called "Menta e Cioccolato" (Mint and Chocolate) and it's taken from a post on an Italian cooking forum.
It's not really "baking" as no oven is required, but I was so happy to crush, blend, melt and freeze that I just forget almost all my problems!


cremino


And now the cremini are wrapped and ready to be taken into office and given to my colleagues and on Thursday, the right day for cremini! 


wrapping the cremino


If you want to have it a go, here's the translation of the recipe:


Ingredients
300 gr milk chocolate
150 gr white chocolate
112 gr circa hazelnut paste (or hazelnut)


If you can't get the hazelnut paste, you will need to blend the hazelnut up to the point of making a cream. you will need to sieve the cream. (I used about 150 gr to get up to the required 112 gr)
Line a tray with some cling film (I used a tupperware).
Melt the milk chocolate and add 25% of its weight of hazelnut paste (so 75 gr). Once they're blended together pour half of the mix in the tray (use a scale to try to be as accurate as possible) and make sure it's all leveled.
Put in the fridge for about 10 minutes (I left it for 20, but my fridge doesn't keep the temperature cold enough
Keep the remaining milk chocolate warm in the oven.

Melt the white chocolate and oce more add 25% of its weight of hazelnut paste (so 37.5 gr).
Pour it over the first level of chocolate, put it back on the fridge and leave it there.
Wait once more for 10-20 minutes and put the final layer of milk chocolate. Cover with some foil and once more, back into the fridge, for at least 1 hour and half. I left it for about 4 hours then cut it into small cubes and wrapped it in aluminium foil.