Wednesday, 30 March 2011

Label time again!

Given the often obvious and idiotic sentences they contain, it's no wonder I don't read labels.
Or at least I try not to. But every now and then I fall back in the old habit.
So yesterday evening, while kneading the dough, I couldn't stop thinking about this theoretical man that goes to the supermarket to buy fresh yeast, so he can eat it raw... yuck!!!

Monday, 28 March 2011

Furbetti, decimo grado scala mercanti

Al momento, non ho la televisione a casa e non penso nemmeno di prenderla. Se guardo i programmi della BBC tramite l'iPlayer in replica e non in diretta non devo nemmeno pagare il canone alla BBC.

Negli ultimi mesi quindi la mia idea di TV è cambiata, plasmata dalle mie scelte: documentari, reportage, concerti e opere liriche, se proprio non trovo nulla di mio gradimento, ho la collezione di DVD di Marco Paolini e alcuni film che rivedo con piacere.

Le partite del 6 Nazioni le ho viste al pub o in diretta allo stadio, quindi si può dire che i miei bisogni mediatici siano ampiamente coperti.
Adesso quando penso alla televisione, penso al reportage sulla storia del festival di Salisburgo, la serie di documentari sull'evoluzione dell'editoria nel XX secolo, gli speciali sulla cartografia, i concerti di Bob Dylan... insomma mi sono viziata e ne vado fiera. La mia vita fa già abbastanza schifo, perché costringermi a vedere pure tv spazzatura?!? C'è anche qui, che credete, solo che io l'ho sforbiciata in maniera così drastica che ho finito per scordarla totalmente.

Forse è stato uno sbaglio, perché probabilmente è un bene tenere un occhio aperto e ben vigile contro le piccolezze e meschinità del mondo.

Anche se è probabilmente altrettanto uno sbaglio definire come "piccolezza" la notizia che ho letto sui giornali italiani oggi, circa la "terremotata di Forum".

Non capisco se sono arrabbiata, se ne ho ancora la capacità.
Per ora sento solo stanchezza.
Sono stanca. Forum, il programma dei pensionati e delle casalinghe, del tanto si sa che sono comparse, non è che l'ennesima manifestazione di come si stia cercando di alterare la realtà: a forza di ripetere che è tutto a posto, che è tutto perfetto yuppieyah, la gente finirà per crederci. Anzi, ha già finito per crederci, visto che nelle precedenti tornate elettorali (dai comuni al Parlamento) hanno deciso di lasciare ben comodi sulle loro poltrone le persone che non hanno fatto o stanno facendo nulla per risolvere i problemi del paese.

E se hai ancora qualche dubbio, eccoti la signora Marina che ti dice che si lamenta sono solo quei 300-400 che se ne approfittano per vivere in albergo.

"I giovani stanno tornando"?!?! Vabbè che non sono più così giovane, ma nemmeno a Torino mi riesce di tornare!
Né io né la signora Marina abbiamo vissuto un terremoto ed è la decenza, il rispetto per chi invece quella notte l'ha vissuta, per chi non è riuscito a vedere l'alba dopo quella notte, che dovrebbero impedire alla gente di sputarci sopra con tanta leggerezza. Ma forse sono un'illusa. Forse mi sbaglio. Forse bastano 300 euro (almeno regolarmente fatturati, signora Marina!) per vedere un mondo migliore.

Sunday, 27 March 2011

The census is strong in this household...

Today is not only going to be the day we finally change the time, allowing ourselves one hour more for getting out of depression.
No today is census day! 

The propaganda machine set in motion some weeks ago, stating over and over again that the census is very important, because it is used to help plan and fund services for the community, such as transport, health system and education.

The biggest part of the census questionnaire looked to me fairly illogic, like the question left empty on purpose or the last question, that wasn't a question but a statement, "this is the end of the questionnaire"... is it so hard in 2011 to lay out pages properly???

By the time all the data will be collected and analyzed they will moreover quite possibly portrait a country that is not like that anymore. Things change very quickly and if the states needs to rely on a census to know its people, the situation is quite worrying.
How will they be able to plan anything given the massive balance cut the government is planning goes beyond my understanding to be honest.
And how they can plan something for the health system when the only question about my health in the questionnaire can be summarized in "how're you feeling today?".

NHS has my data, so if you want to know about the general level of health of your population, I suggest you go and look there. You want to know how I commute to work? I'm sure train companies and TFL will be of great help. The council has information on the housing situation and the economic well-being of the people living within its area of administration.
If the governement worries about immigration level, I can only reassure them: "Trust me, buddy, as soon as possible is not soon enough".

Equal rights and candies

Working in an corporate company means, among many other things, that I enjoy reading Dilbert strips: the stupidity of the life I lead for a third of my day is just all there.
That's where my involvement with Dilbert and its creator, Scott Adams, ends: I know he's got a blog but I never bothered reading it.
Now, in the past few days, my feed reader has gone up a little bit with reference to Scott Adams, but I didn't read any post until this morning.

So, here's the short version of the story: in his blog Scott Adams asked his reader to suggest a topic and he would write about it: the topic chosen was the cause of men's rights activist.
He wrote the post and then deleted it. Miracle of RSS feed and cache, it was re-published on this blog.

What he says is that men suffer of many social injustices compared to women: men have to pay more car ensurance than women and have to hold the door of restaurants open. Ok, ok, women got paid less than men, but that's because they can't negotiate their salaries and, after all, they have a higher life expectancy (thus enabling them to work more years and level the salary discrepancy, I wonder?).
And anyway, women demanding equal pay are as unreasonable as children asking for candy.
To him, it's nothing but the petty request of an irrational group of people, the women. And what men should do about all these evident inequities? Very simple according to what his post states:

"Now I would like to speak directly to my male readers who feel unjustly treated by the widespread suppression of men’s rights:

Get over it, you bunch of pussies.

The reality is that women are treated differently by society for exactly the same reason that children and the mentally handicapped are treated differently. It’s just easier this way for everyone. You don’t argue with a four-year old about why he shouldn’t eat candy for dinner. You don’t punch a mentally handicapped guy even if he punches you first. And you don’t argue when a women tells you she’s only making 80 cents to your dollar. It’s the path of least resistance. You save your energy for more important battles.
How many times do we men suppress our natural instincts for sex and aggression just to get something better in the long run? It’s called a strategy. Sometimes you sacrifice a pawn to nail the queen. If you’re still crying about your pawn when you’re having your way with the queen, there’s something wrong with you and it isn’t men’s rights."

The post ends with this words:
"I realize I might take some heat for lumping women, children and the mentally handicapped in the same group. So I want to be perfectly clear. I’m not saying women are similar to either group. I’m saying that a man’s best strategy for dealing with each group is disturbingly similar. If he’s smart, he takes the path of least resistance most of the time, which involves considering the emotional realities of other people.  A man only digs in for a good fight on the few issues that matter to him, and for which he has some chance of winning. This is a strategy that men are uniquely suited for because, on average, we genuinely don’t care about 90% of what is happening around us."

I read the post four times, but couldn't really make up my mind... could it be because I belong to an irrational group of people?
Since the post was not written by Bill Whatever, but by Scott Adams, world famous cartonist, it was only a matter of time before the reactions to the post started to appear.

What did Scott Adams do then? Well, I guess he followed the strategy he stated at the end of the post. Equal rights probably fall in that 90% slot of the world he doesn't care about. So why bothering trying to better explain his mind and defend his point of view? As any real man should do, he sucked it up and deleted the post. Don't dish out anything you can't take, right Scott?

I read the post four times, and still can't understand what he really meant to say. I need writings to follow a logic path in order to understand them, call it a major fault in my intellectual abilities.
It's not a question of whether men or women are to feel most offended by the deleted post: I think any intelligent, sensible human being will feel somehow annoyed and offended by such a unorganized display of cliches.


When I read or hear people reasoning like that, I just feel like saying: "Oh, f**k, not another one again!". My shoulders and head slump down, it's just tiresome, you see?
There's no point in discussing further more the post he wrote. As the famous quote states, one should never argue with stupid people, as they'll drag you down to their level and then beat you with experience.
And at the end, what really annoys me it's not the blatant sexism, but this acceptance of the situation as it is: what the post says to me, it's that yes things are shit but there's no point in trying to improve them.
Acceptance is the key: duck, you sucker! 
Don't bother trying, don't bother fighting and don't care about the world around you, as it's not relevant to you, 90% of the time at least.
Get wasted on the weekend, work during the week, keep your head low and if you're lucky you might be able to get something out of your cowardy.
I look outside my window, to the world and think that, if we truly think as Scott Adams suggests we do, then we same wise deserve to live the way we do, and we deserve no better world.
 
But if I look inside me, I think about my friends, no matter they're men or women, I do believe they deserve something better than a Dilbert's word. And so do I.

Saturday, 26 March 2011

About a smile

It happened during 2008 Christmas holiday.
Back in Italy for the usual two weeks break, I agreed with Francesca to go to Brescia for an exhibition: Linea d'Ombra used to organize spectacular exhibitions there, in the former monastery of Santa Giulia (pity the quality of their exhibitions has dropped, but that's another story).

We had our small ritual: meeting up in the morning, get the ticket at Porta Nuova Station, get some small snack and water for the travel, have a quick lunch once in Brescia, take our time to view the whole exhibition and have a tea with cake while waiting for the train back home.

That year, on the train to Brescia we met a guy from Japan: his name's Kyosuke, he was on holiday in Italy and was going from Milan to Venice. He told us he worked in the postal service in Japan and we chatted till we arrived in Brescia. Even thought his English was a bit shaky, we managed to understand each other, pointed out some stuff to see and do in Venice and had some laugh.
Before getting off the train, he asked to take a picture with us, a picture that he later sent me.

I haven't heard him for a long time, till this week. He sent me an e-mail, to tell me about how he was doing. His English is still a bit shaky, but there's very little room for interpretation when somebody tell you that his home is down. He had a request: a smile. He wanted me to smile, take a picture of my smile and send it to him.

It would be much easier to ask for money to go to charity, as it just involves the bank account. But a smile! A smile is so much tougher. I know I'm much better off, when compared to people that lost everything and everybody that mattered to them. But as every other human being, I live my small life in my small universe, and sometimes it seems that my problems and aches are bigger than they could actually be. Smiling, finding a reason for it and doing it wholeheartedly is not easy for me right now.

I don't want to fake a smile just for the sake of a photo, but since receiving Kyosuke's mail, I've been trying my best to find the willingness and strenght within me to truly smile.
I'll hopefully managed to capture that smile in a photo for Kyosuke. Until then I will keep going back to another photo, this one:


Tuesday, 22 March 2011

Close to a revolt


Close to a revolt, originally uploaded by zia virgi.
No matter the state of TFL. ..
NHS failings are not such a big deal...
Cost cutting are necessary in this moment of economic crisis...

"This country is a joke", my English colleague usually moans.

But a kitchenette full of herbal tea and no "normal" tea?!?! It is more than enough to bring the office on the verge of social unrest and revolution...

Saturday, 19 March 2011

Edinburgh morning

Sono riuscita a dormire quasi tutto il tempo sul treno notturno che mi ha portato a Edimburgo.  Giusto il tempo di svegliarmi, fare due chiacchiere con un ragazzo che mi ha fatto i complimenti per la scorsa partita e augurato buona fortuna per quella di oggi (non per gufare, o almeno così spero!).
Ed eccomi qui, a Edimburgo: aria a dir poco frizzante e un cielo fantastico...


Thursday, 17 March 2011

Aida, come sei bella!

E così oggi facciamo 150 anni.
Si vedono le rughe? No, perché ci tengo a fare una bella figura, sapete com'è...

In mezzo a tutti i guai e le tragedie che stanno capitando, ho comunque trovato cinque minuti per leggere l'articolo che parlava dell'anniversario sulla BBC.
Ho anche trovato il tempo per tirare fuori la bandiera italiana che mi avevano regalato i miei colleghi per i mondiali e "festeggiare" nel mio piccolo.

Perché?

Perché come diceva G.G., 
se fossi nata in altri luoghi poteva andarmi peggio.

Perché a Sara le maestre dell'asilo ieri hanno dipinto il tricolore su una guancia e lei era tutta preoccupata che scolorisse. Adri le ha detto che non era una scusa per non lavarsi la faccia e che comunque hanno i colori apposta e le avrebbe rifatto la bandiera
Perché qualcuno ha messo il tricolore sul balcone della sede della Lega.

Perché la BBC, il Guardian, il Financial Times non hanno nessun Gramellini che scriva per loro un Buongiorno come quello di oggi, e probabilmente, sotto sotto, rosicano.

Perché ho ben presente i problemi che ci sono, ma questo non vuol dire che debba far finta non ci sia nient'altro.

Perché nonostante tutta l'irritazione che provo quando torno a casa, non è nulla in confronto allo sconforto e al dolore che provo a vivere in Inghilterra.

Perché a tutti quelli che mi dicono che si sta meglio "fuori", all'estero, io accenno un sorriso ma sotto sotto li maledico e mi auguro che un mattino si sveglino "fuori, tanto si sta meglio, no?


Monday, 14 March 2011

Prepare for tea!

I bought a tea pot on Saturday and decided it needed a tea cozy. I always wanted a tea cozy! Ok, up to few years ago I even ignored of its existence and still managed to live blissfully. And yeah, I  still don't know what's the translation in Italian... does it exist? Should I bother to look up on the dictionary? Nah... 
However, I looked and found many lovely patterns, but don't know how I ended up with this.
Prepare for tea!

I need to stop playing angry birds...

Tuesday, 8 March 2011

Guareschi a Stockwell

Ai miei nonni piacevano i film tratti dai romanzi di Don Camillo, quindi quando arrivava il momento della replica quadrimestrale di Rete Quattro di tutti i film con Fernandel e Gino Cervi, io me li guardavo con loro. Tutti, senza esclusione di colpi.
Non so nemmeno dire se mi piacessero o meno... ero troppo piccola per capirlo per davvero e crescendo sono rimasta legata a quei libri, più per i ricordi delle sere a La Cassa con il poutagé acceso che altro.


I libri sono arrivati dopo, regalo di Natale degli altri nonni: un'edizione tascabile,  la copertina gialla con la scritta "Mondo piccolo - Don Camillo" e una piazza di paese con la chiesa e il campanile. All'interno l'illustrazione di un angelo e un diavolo lì per lì per prendersi a cazzotti.
Quello che mi colpì fu un passaggio dell'introduzione, in cui si narrava come aiutò un amico licenziato da "La Voce di Parma" a spaccare i lampioni di fronte alla redazione e di come poi riportò il tutto in cronaca, come l'ennesimo atto vandalico compiuto da delinquenti di zona. 
A undici anni, uno così colpisce e intriga, non c'è che dire, e tutta la sua biografia non fece altro che aumentare il rispetto che sentivo per Guareschi, che sotto molti aspetti mi ricordava mio nonno, in quanto a carattere... un bel caratterino tutti e due, non c'è che dire.


Due settimane fa vado alla Tate Library: nome pomposo per una biblioteca di quartiere, che fa subito pensare alla Tate Modern o alla Tate Britain (che è in effetti giusto giusto dall'altra parte del fiume). In realtà non è un granché come biblioteca. Ha un'aria piuttosto abbandonata e non curata. A meno di non essere interessati a libri in portoghese, non c'è molta scelta...
Comunque mentre mi aggiravo qua e là per la sezione di narrativa, l'occhio mi cade su un tomo rosso, su uno scaffale in basso. La luce si riflette sulle scritte color oro del titolo e dell'editore. Mi ricorda il dizionario risalente agli anni Cinquanta di mio nonno. La curiosità ha la meglio: mi chino, prendo il libro e decido subito di prenderlo in prestito.


angeli e demoni

Don Camillo e Peppone sono temporaneamente in prestito, e chi se l'immaginava che li avrei reincontrati a Stockwell???

Sushi & Tea

Mikel is leaving this week.
He found a job in Barcelona and he decided it was time to head back to a more familiar, friendlier, warmer scene. Can't blame him, I would do the same if only there were any decent offer in Turin. But nope, the only offer in my field in Turin is the same one that has been on Monster website for ages, the same one I replied to back in June last year, the same one that once contacted back and proposed to meet in October I heard nothing more ever since... they either are really picky with their software testers or the offer is quite shitty that nobody is up to take it (or is it a fake one? Mumble mumble...).

Anyway, enough of ranting about Turin job market, it's not going to change the fact that middle of this week Mikel will be gone. And I will be happy for him, because he wanted to leave this country for some months now; but I'll be sad as well as I'm going to miss him.



Last Sunday he organized a Sunday Roast in Battersea: we were shortly less than 20 people sitting around a table and we had presents for him!
We didn't want him to leave without something that would remind him of the time spent in the country.
So Robert and Enric went to Cool Britannia and managed to put together a good number of memorabilia: pillow, flip-flops, coaster, towel... even though my "favourite" present was this:


"Ahmad Tea of London": every time he feels like having a tea, he can look at the pictures, think of us and mutter something  very close to "bastards..."
Moreover we knew he was going to miss Sushi, his goldfish.
He can't really bring it back home with him, so he'll have to leave it behind, to the care of his flatmate. To make the separation trauma more bearable, I made for him a "Sushi-a-like": I crocheted a small fish, put it in a freezer bag, pulling it "afloat" with some dental floss and closed the bag. 

And here it is...

sushi

Good luck Mikel: stroll on the Ramblas in your brand new, highly fashionable Tube map flip-flops and when you look at Sushi, Kate & William think of us.
(and get us out from here!!!)

Monday, 7 March 2011

Libri, copertine e titoli

"What's that they told you
about a book & a cover?
Don't judge so quickly,
Is it too much too remember?
'Cause pictures lie, you know.
I'll show it's so.
Just give it one thought"

(Suzanne Vega, A book & a cover)

Vacanze di Natale. Mi aggiro confusa e vagamente irritata per la Feltrinelli: fra posate, scatole di latta e ukulele, cerco un tascabile che non costi come un libro rilegato. Spulcio qua e là, guardo le copertine, leggo i risvolti, apro a caso qualche pagina.

Un libro mi colpisce: "Le quattro casalinghe di Tokyo" di Natsuo Kirino. La storia sembra interessante, la descrizione della trama fa pensare a un thriller psicologico venato di umorismo noir e surrealismo giapponese.
La copertina ha qualcosa di accattivante: il riferimento alle casalinghe, la donna vestita di nero su sfondo verde, uno dei suoi sopraccigli leggermente inarcato, lo sguardo algido, tutto mi fa pensare a qualcosa come "Desperate housewives", in cui la disperazione è reale e tangibile.
Mi segno il titolo e il nome dell'autrice, decisa a comprare il libro al rientro in Inghilterra.

Gennaio, una piovosa domenica sera, mi metto alla ricerca del libro: ho lasciato l'agenda in camera e non ho voglia di muovermi dal divano.
Abbiamo il divano più scomodo del pianeta terra, una finta pelle di un colore tremendo, le barre verticali sono rotte e io sono praticamente sprofondata al centro con il mio iBook sulle ginocchia. L'opzione "alzarsi e salire di un piano per poi ridiscendere" non è nemmeno da prendere in considerazione.
Cerco di ricordarmi il nome della scrittrice ma niente da fare, non mi torna in mente. Allora provo a cercare "the four housewives of Tokyo". Niente da fare.

Dopo un po' di ricerche scopro che il titolo del libro è "Out". Nessuna menzione di Tokyo, men che meno delle sue casalinghe.

Ma a chi sarà mai venuto in mente di mettere in vendita il libro con il titolo "Le quattro casalinghe di Tokyo"?!?!?! Le protagoniste sono operaie, perché non "Le quattro operaie di Tokyo" allora?

Ma non si tratta solo del titolo; anche la copertina è molto diversa e mi fa sospettare che forse il tipo di marketing scelto in Italia non corrisponde esattamente al contenuto del libro.




Il volume inglese è più fedele nella scelta del titolo e della copertina: c'è qualcosa di inquietante nel titolo scritto sulla lama, quell'Out che riprende i kana giapponesi scritti in rosso sangue.
La punta del coltello poi, così vicina alla palpebra, dà l'idea di qualcosa di sinistro e angosciante, un dramma di vite di tenebra, senza alcuna luce a portare uno spiraglio di ottimismo.


Ho finito di leggere "Out" stamattina, in autobus. Non posso giudicare la versione italiana, non so se i cambiamenti siano stati solamente esterni: la versione inglese, sia nelle scelte estetiche che in quelle stilistiche del traduttore, mantiene per tutto il tempo uno sfondo piuttosto tetro, ansiogeno, tormentato.
C'era un bel cielo sereno stamattina: aria frizzante, per non dire gelata, e un sole che cercava timidamente di riscaldare Londra,
Quando ho richiuso il libro e mi sono ritrovata a scrutare per l'ennesima volta la lama del coltello e l'occhio, il contrasto fra le tenebre delle pagine e la luce di Londra sembrava tagliarmi a metà. Mi ci vorrà un po' per capire se mi è piaciuto o meno e per lasciarmelo del tutto alle spalle.


Non mi capita spesso, ma ogni tanto mi succede di leggere libri inquietanti, poco rassicuranti, tormentati. Mentre li leggo penso di non essere in grado di reggerli oltre, sento di dovere smettere prima che mi facciano del male. Eppure, appena richiudo le pagine su loro stesse, sento l'impulso irrefrenabile di riaprire il libro, continuare, vedere che capita. 
Libri come "Out" mi mettono in affanno, mi fanno pensare, mi agitano, preoccupano, incuriosiscono. E pensare che tutto ciò era nascosto da una copertina verde...

Tuesday, 1 March 2011

Helsinki, preconcetti e anni Ottanta

In Helsinki la temperatura massima prevista per oggi era -2°C.
Fantastico.
Meglio di ieri sera comunque, quando ad attendermi all'arrivo c'erano ben dieci gradi sotto lo zero.
E' un peccato non rimanere qua abbastanza a lungo da poter visitare la città, ma anche solo due giorni scarsi servono a qualche piccola lezione.
Lezione numero uno. Presente la cartina della Finlandia? La cartina geopolitica che ti fanno ricopiare alle elementari e alle medie, tutta verde e blu, e che ti dà l'idea di semplice pianura fra un lago e l'altro? La cartina che ti fa pensare a Helsinki come una tavola piatta poco sopra il livello del mare?
Bene, Virgi, scordati la mappa. 
Prima di tutto, se Helsinki fosse "poco" sopra il livello del mare, quando questo ghiaccia d'inverno, sommergerebbe la città.
Poi le strade sono in salita! O in discesa, a seconda di come la si vuole vedere. Insomma la città è in pendenza: nulla di drammatico come vicoli e caruggi di Genova, le strade scendono più lentamente, ma che strana sensazione riscoprire che il mondo è in rilievo!
I laghi poi ci sono, solo che non si vedono: sono ancora ghiacciati, una lastra bianca dove ogni tanto compaiono figurine in movimento, persone che hanno scelto di andare al lavoro con gli sci.
La monotonia della lastra è rotta ogni tanto da macchie di colore più grandi degli sciatori: gli isolotti con i loro alberi e le barche ghiacciate a metà dei laghetti.

Questo è il lago su cui si affaccia l'ufficio di Espoo, ad esempio:


in espoo

In un solo giorno, non ho solo rivisto la mia idea della geografia del sud della Finlandia. Ho anche avuto la tremenda riconferma che gli anni Ottanta stanno tornando di moda, nel caso i colori e i tagli degli abiti nei negozi e le tonalità degli ombretti non bastassero: stasera, in un ristorante piuttosto elegante e trendy di Helsinki, arredato secondo uno stile molto scandinavo e minimalista, alle mie orecchie sono giunte le note di una canzone. Mi è sembrata subito familiare, nota, ma ci sono volute un po' di battute prima che il mio cervello la identificasse: era la
Lambada.