Tuesday, 11 September 2012

Oink oink

Succede che ormai i miei non mi chiamano più al telefono, ma solo Skype. È una tradizione nata e sviluppatasi mentre ero a Londra, quando la distanza sembrava accorciarsi un po' grazie alle webcam.

Adesso non siamo più così lontani, ma la tradizione della chiacchierata serale su Skype è rimasta.

Succede che di solito trovo mia mamma dall'altro lato dello schermo, poi dopo un po' mio padre la raggiunge.

Ogni tanto, se i nipoti si sono fermati a cena, arriva portandosi Ilaria in braccio, poi la piazza davanti alla webcam e lei ride felice e cerca di ciucciare lo schermo del computer.

Così la scorsa settimana, non mi sarei dovuta stupire più di tanto quando ho visto arrivare mio padre dalla cucina con un fagotto in braccio. Eppure qualcosa non quadrava, perché sapevo che i nipoti erano in ferie e in più quel fagotto era grande il doppio di Ilaria.

E in effetti non era Ilaria, bensì un porco.



 

Un porco di gesso, fatto così bene che quando mio padre l'ha piazzato davanti alla webcam ho pensato fosse vero e che i miei fossero completamente partiti e si fossero comprati un piccolo di maiale. L'effetto teatro dell'assurdo era amplificato da mio padre che continuava a "cullare" il porco di gesso mentre mi spiegava calmo che "al Brico non c'era nulla di interessante, però il maiale era in offerta a 19 e 90. Pensavamo di comprarne due, ma poi ci abbiamo ripensato... Bello, no? sembra vero!"


Quando sabato sono tornata a casa venerdì sera per andare al matrimonio di Ema, ad aspettarmi c'era il porco. Mamma e papà me l'hanno mostrato orgogliosi, quasi fosse un terzo figlio. Devono trovargli una posizione adeguata e soprattutto sicura per evitare che i nipoti lo distruggano. Scherzando, ho detto ai miei che proprio lo amavano, sto crin. Al che mio padre, placido come suo solito, mi ha risposto: "Beh, tra tutte le bestie che mi circolano per casa, almeno lui non sporca". Bello sapere che, nonostante tutto quello che gli è capitato quest'estate, mio padre è rimasto il solito balengo.

 

No comments:

Post a Comment