Tuesday, 31 January 2012

licence to golf

It's true.
You never ends learning.
And when you think nothing can surprise you any more, here come the Dutch.
And golf.

Golf! In Italy it was considered an elite sport when I was a kid and not a lot changed since then, even though it became more accessible than it was in the past (but certainly not at the same level of accessibility of UK).
As a kid, golf was double faced to me: on one side there was this notion of a high society sport and on the other hand there was Lotti.
Who's Lotti? That's him:




Lotti is the main character of a cartoon, a Japanese anime to be precise, I used to watch as a kid, "Tutti in campo con Lotti". It tells the story about a poor boy, who helps his widowed mother to balance the finance by working as a delivery boy and one day, during one of his delivery, he finds out that he's extremely gifted and with the help of a professional golfer goes on and on to win some important tournament.

That's basically sums up what I know about golf; or rather, what I knew about it, till today lunchtime.

Because today I've been told that this country I happen to live is a country where people need to have a license to play golf. Let me repeat that: you need a license to play golf! 
According to the net, the license was introduced to avoid dangerous or undesirable situation happening when you got people of different skills and level playing on a public course together. 
There's apparently more than one type of license and it depends on your golf club to decide which level you need in order to play on its course.


So let me get this straight. In this country to hit a ball with a club in order to have it land it some where next to a hole in a secluded private area you need a license. If you don't have it, you are refused access to the green.
But if you want to cycle recklessly while carrying an umbrella in one hand and an Albert Heijn shopping bag in the other, and talking at the phone, held between your shoulder and ear, then you don't need a licence.
And you don't even need to pay that much attention to road rules, traffic lights and pedestrians, apparently. No, I really don't get it...

Sunday, 29 January 2012

they're purple!

The problem with having an app for this, that (especially "that", according to the ads on TV at least) and everything is that every time somebody asks me "Whatcha doin'?", I have to laugh as my brain process the question in the voice of Spongebob Squarepants.

Yep, there's an app for Spongebob Squarepants: my nephew loves it. You can punch Spongebob in the eyes, shake him, pull him almost apart and he won't complain. He might tell you "Helloooo" if you don't pay attention to him for a while or he will ask you his favourite question: "whatcha doin'?"
So, when yesterday Andrei the flatmate asked me "Whatcha doing?", I did my best (and even more than that!) to avoid laughing in his face.

"Well, I'm…"
Don't laugh Virgi, do not laugh, he is not a sponge working in a burger bar below the sea, he's your flatmate: do. not. laugh.

"What's THAT?!?!?!", here comes Andrei's second question.
"Oh, well, these are carrots, yeah, carrots. I'm chopping carrots. For dinner. Carrots for dinner."That sounded quite lame Virgi, but hey, the question was lame too!

"Yeah, but they're black!!!"
"No, they're not. They're purple."
"Come on! They're black", he sounded more and more outraged, maybe offended by my colour-blindeness.
"No, these are purple carrots, want to try a bite?"
"No!"

He didn't stay long in the kitchen and kept being slightly disgusted by the purple carrots, turning down the second offer to taste a little bit off one.
Well, more for me, that's easy.
But I can't understand this discrimination against purple carrots: they're quite good, slightly less sweet than orange carrots. They're rich in antioxidants and they are soon to be labelled as "superfood" by one of those fancy shiny magazine you can pick up to read in the cafes around town.

And they come package with a lot of history! There's a whole website devoted to the different types of carrots and their history.
The part about carrots in World War II is very fascinating, to me at least.
It has so many information, that I think it will take me a while to read through it all: I think it woke my obsessive compulsive side up.

Maybe, by the end of reading it all, I might even come up to another way to eat the purple carrots I got left in the fridge.
The roasted ones were really good and very purple!

purple carrots

Saturday, 28 January 2012

Tavernello Evolution

Quando pensavo di avere visto tutto, ma proprio proprio tutto.
Quando pensavo che regalare al Mastro un Tavernello in tetrapak per il compleanno fosse l'apice della mia innata cattiveria.
Quando pensavo che nulla potesse più stupirmi... ecco cosa ho visto in uno scaffale di Dekamarkt questa mattina


Wednesday, 25 January 2012

Just wait for tomorrow

I'm trying to de-clutter my life and failing miserably at it.
Yet, tonight I decided to put some orders into my papers and documents.
Bad, horrible idea. 
What I simplify as "my papers and documents" is in reality a huge messy stack of miscellaneous A4 print outs, cross stitch patterns, pay slips and bank statemens, post-its with password of accounts closed around three years ago, notes jotted down in different time of my life, bus and cinema tickets, stickers and pictures.

I've decided to be resolute and to throw everything that was not strictly relevant to my life now. It's time to let go, I said to myself this evening.

As I was tearing apart paper after paper, I found a small piece of paper, taken out of a school diary:

"I would like a place I could call my own
Have a conversation on the telephone
Wake up every day that would be a start
I would not complain of my wounded heart
[...]
Just wait till tomorrow
I guess that's what they all say
Just before they fall apart
"


When I first hear these words, I couldn't get them out of my head. I recorded the song from the radio on a tape and I used to play the song over and over.
Play, stop, rewind, stop, play, rewind a little bit more, stop, play, stop, repeat from beginning. 
The tape broke at the end. I heard Bernard Sumner voice deforming into a slow grotesque sound and it was too late: the tape had snapped and twisted beyond any possible recovery via screw with a bic pen.


"Regret" fitted to my moody teenage self. I liked it a lot. 
No matter the gloomy and pessimistic outlook it seems to have on life, I've always found it somehow comforting.
I still feel the same ache when I listen to it now and I still like it. More than a lot.


Monday, 23 January 2012

Mò pasta!


Playing with food and prejudices

I nomi dei protagonisti non sono stati cambati, in quanto non c'è nessun innocente da proteggere.

Una microcucina in un appartamento come molti altri, nella periferia sud di Haarlem, Olanda. Lunedì sera, il tempo non è dei migliori, i due coinquilini sono alle prese con la preparazione delle loro rispettive cene: Andrei si sta preparando un piatto di pasta. Virginia la crema di carote e porri.
Virginia: "Che stai facendo"
Andrei: "???"
Virginia, sempre più incredula e attonita: "Che.Cosa.Stai.Facendo!?!?"
Andrei: "Perché? Cosa c'è che non va?"
Virginia: "Non puoi! Tu non puoi mettere la pasta scolata sotto l'acqua fredda del lavandino!!!"
Andrei: "Ma guarda che l'acqua mica è fredda."
Virginia: "Yuk! No, smettila, non puoi fare una cosa simile!"
Andrei: "Ma come la risciacquo la pasta altrimenti?"
Virginia: "Non la risciacqui! Non la risciacqui la pasta! La pasta non si risciacqua, capito? Sono italiana, fidati, l'abbiamo inventata noi la pasta, so quello che dico"
Andrei, non del tutto convinto, mentre fa delle polpette, il sugo e la pasta un unico piatto: "Mah, se lo dici tu..."

[brano tratto da "Sciacqua la pasta che sto arrivando", tragedia in troppi atti per essere anche solamente concepiti]

Sunday, 22 January 2012

Retail Therapy

Mi è tornato in mente un episodio de "La tata", quando Francesca, alla notizia del matrimonio del suo ex-fidanzato, entra in un circolo vizioso di shopping compulsivo.

Nulla di nuovo sotto il sole. Quando manca qualcosa nella vita, il modo più rapido per riempire il vuoto è qualcosa di tangibile, materiale... shopping!

Lo fanno tutti, perché non dovrei farlo anch'io? Ragionamento scemo, lo so. Ma lavoro dal lunedì al venerdì e faccio poco durante la settimana. Il week-end non va meglio e vola via più veloce della luce. Sono sulla buona strada per finire come la zitella morta da sola e divorata dai suoi alsaziani, spauracchio di Bridget Jones.

Non conosco molta gente, ogni rientro a Torino mi fa capire (dolorosamente) quanto tempo stia sprecando, quante cose mi stia perdendo.


Sono stata investita da un ciclista, il tempo fa schifo, il cibo ancora di più... avrò pure qualche ragione fondata per sentirmi giù? Credo di sì quindi che shopping sia! E shopping fu.

Sabato sono saltata su un treno per Amsterdam (in realtà ci sono salita con calma, perché ho un ginocchio multicolore e dolorante) e mi sono concessa un po' di relax a guardare le vetrine, entrare e uscire dai negozi e fare un po' di acquisti.


Sono tornata a casa con 4 dischi e il portafoglio alleggerito. Di solito quando faccio qualcosa di simile, poi mi sento in colpa. Ma è difficile sentirsi in colpa quando si sente la tromba di Chet Baker su vinile...


Gli olandesi e la montagna

A forza di bere canne e fumarsi latticello (o era il contrario?) gli olandesi hanno deciso.
Visto che la montagna non vuole sapersene di andare da loro, e siccome non sono previsti repentini e drammatici cambiamenti della crosta terrestre nei prossimi anni, allora gli olandesi la montagna se la costruiscono!

All'inizio pensavo fosse uno scherzo, un modo per scherzare un po' sul piattume di questo paese. In effetti è un po' noioso. Quando guardo fuori dalla finestra dell'ufficio vedo tutto piatto e so cheh non c'è nessuna collina nel giro di chilometri. Una montagna ci starebbe proprio bene, magari nell'angolino in fondo a destra del paesaggio, tanto per spezzare la monotonia. Orsù, operosi olandesi, costruitemi una bella montagna.

Scherza oggi, scherza domani, loro si prendono sul serio però! E così è nato il progetto "Die berg komt er".  La proposta di costruire una montagna di 2000 metri d'altezza nella parte meridionale del paese era partita da Thijs Zonneveld, giornalista ed ex-ciclista. 
In realtà più che di montagna sarebbe corretto parlare forse di "mega-struttura", eco-sostenibile, con tanto di pannelli solari, bacino idroelettrico e coltivazioni di verdure all'interno della struttura (esatto all'interno: a quanto pare c'è una ditta interessata ad utilizzare la montagna per le sue colture alimentate a LED e non a luce solare)

Un mio collega mi ha anche mandato il link di un video di uno studio di architetti che spiega meglio l'idea.
E' un progetto ambizioso, che non mi convince del tutto. Suppongo che l'essere nata e cresciuta ai piedi delle montagne abbia molto a che fare con il mio scetticismo: se mi parlassero di mega-struttura sarebbe diverso, ma l'utilizzo della parola "montagna" mi fa storcere il naso.


Quello che mi dà più da pensare però è ben altro: costruire una "montagna" in un paese sotto il livello del mare sembra una follia, ma è una prova che le persone che hanno concepito e sviluppato questa idea sono decisamente capaci non solo di pensare, ma di pensare in maniera innovativa, non convenzionale e fuori dagli schemi. E sono olandesi! Come sono olandesi quelli che mi circondano nella vita di tutti i giorni e che cadono nel panico appena qualcosa non funziona nel modo prestabilito; come sono olandesi quelle persone a cui, quando chiedo se c'è qualche modo differente per risolvere un problema, mi rispondono secchi "no".


Comunque, se siete alla ricerca di un investimento immobiliare di un certo volume potete comprare un certificato sul sito per 50 euro e nel caso la montagna venga costruita per davvero, il certificato diventerà un'azione con tanto di bonus per l'azionista d'alta quota.

Però, io continuo a preferire una montagna come questa:

Pasquetta a Santa Chiara

Thursday, 19 January 2012

run over

It was a dark and rainy morning. 
Rain and wind, wind and rain. That's Holland to you.

I crossed the cycle path, almost got to the other side when bang! An idiot.
Well, two idiots, if you count yours truly pedestrian victim.

Anyway, an idiot came cycling, dressed in a black outfit, no lights on the bike. He didn't see me until the last second as he was busy talking to the phone.
I didn't see him, but I felt him hitting my shoulder bag and throwing my balance off.

I miserably fell into the ground, but made sure to put my hands in front to shelter the fall.
I turned around and... damn! I realized I didn't know any swear word in Dutch to insult the idiot: in fact, he didn't stop and cycled on.

I got into the office: Erna, our P.A. extraordinaire, fixed me a tea, while Jacob helped me opening the many packets of the first aid kit to get disinfectant and plasters out.  

The plan of going to the gym after work was quickly called off, after the adrenaline retreated from my blood system and I started feeling more and more pain.
I was there, sitting at my desk, but not really there. Yesterday I had some very bad news and I went to bed with a sense of deep sadness and disbelief.

Life is such a fragile string, but this notion is so scary that we do all our best in order to forget it. 
It takes the news of somebody passing to make you remember how precious life is and how easy is to shatter this fake notion of comfort that allows us to carry on with everyday life. 
And it takes a careless cyclist to make all this ideas vaguely running around your mind to really hit home.

Monday, 16 January 2012

Blue Monday

Oggi è Blue Monday, una trovata pubblicitaria di una compagnia di viaggio. Una trovata pseudo-scientifica per promuovere i propri pacchetti viaggi.

Il Blue Monday sarebbe il giorno più deprimente dell'anno e cade verso la fine di gennaio (il terzo lunedì del mese) quando le condizioni meteorologiche, l'arrivo dell'addebito in banca delle spese per i regali di Natali, la presa di coscienza del fatto che le feste sono davvero finite, si sommano al fatto che è lunedì e ti sale su una depressione che ti raccomando.

In effetti, per quanto sponsorizzata e a fini commerciali, l'idea del Blue Monday calzava a pennello a questo lunedì di gennaio. Faceva un freddo tremendo, sono uscita di casa e tutto era ghiacciato.
Sono arrivata in ufficio e tutto era ghiacciato. Beh, forse sto drammatizzando un pochino lo ammetto.
Visto che il riscaldamento è rimasto spento per due giorni e, visto che in questi due giorni ha fatto un freddo bestiale, in ufficio non è che facesse molto più caldo che fuori.
Ho lanciato un'occhiata al calendario e mi è salita la tristezza: ma è possibile avere così poche festività in un anno? Ma che è? Siamo nati per soffrire per caso???

Sono andata a rileggere se avessi scritto qualcosa per il Blue Monday dell'anno scorso; beh non avrebbe fatto molta differenza, visto che ero depressa già di mio, mah sì, mi ero sfogata un po' circa i predicatori in giro per Londra.

E oggi? A un anno di distanza? Dopo un altro Blue Monday? E' successo che ho cambiato casa, lavoro, paese... vita, quella non proprio. E circa l'essere depressa, beh, non è come un raffreddore che dopo un po' ti passa. Ogni tanto sono allegra, ogni tanto la malinconia si insinua nelle pieghe della vita di tutti i giorni, ma va bene così, l'importante è non far finta che non stia capitando nulla e cercare di fare del proprio meglio.
E magari aggiungere un pochino più di colore, oltre al "blue".
Belli i calzini multicolor, vero?


Saturday, 14 January 2012

Lights out, curtain up

Non so bene per quali lavori, ma oggi non c'era nessun treno fra Haarlem e Amsterdam.
C'era un autobus sostitutivo fino a Sloterdijk e poi da lì ho preso un treno fino alla stazione centrale.
Al ritorno la stessa storia, ma con l'oscurità ho potuto ammirare dal bus un po' di vita di Haarlem. Ho fatto una delle cose più facili da fare in questo paese. 
Per quanto possa sembrare voyeuristico, guardare dentro le case olandesi è una cosa comune e decisamente facile da fare, nonostante qui vada molto la luminaria da serial americano. Le case sono "illuminate" à-la-CSI per intenderci, dove pure il laboratorio della scientifica è illuminato da abat-jour della nonna.
Niente lampadari, ma lampade e faretti e poi al massimo usi una pila per andare da un piano all'altro.

Un po' come in Inghilterra, in Olanda la visione dell'interno della casa è aperta a tutti. Puoi confrontare gli stili d'arredo degli appartamenti contigui, guardare che tipo di cucina c'è (se c'è, diciamo che la gastronomia non è il piatto forte di questo paese), se hanno la bici parcheggiata in casa o meno, se c'è un giardino sull'altro lato della villetta a schiera. Puoi anche sbirciare e vedere cosa danno in TV, visto che gli olandesi le tende le usano poco.



I tendaggi, più che completi d'arredo, sono un concetto metafisico, ecco.
Magari le hanno le tende, ma le tengono legate agli estremi delle vetrate, nessuno sembra usarle. Ma, dopo quasi quattro anni fra Gran Bretagna e Olanda, io non ho ancora capito perché. Perché?!?



E' semplicemente un modo per farsi vedere? Uno show-off?
"Guarda! Forza, guarda che casa stupenda che ho, mentre tu torni a casa e ti trovi con una cucina senza spazi, una sedia da scrivania scomoda come un sedile della suocera e due piante d'appartamento con tendenze suicide."

O è un tentativo di fare entrare più luce?
Ma allora, fosse davvero così, non converrebbe usare delle lampadine da 100W invece che quelle da 15W?

Thursday, 12 January 2012

I knit...


shadow in progress, originally uploaded by zia virgi.

...so I don't kill people.

Maybe I should remind this basic notion to some colleagues of mine.

I'm not a very patient person by nature, I'm just back from holiday, I wish I didn't have to leave Italy, and I got very pointy knitting needles.

Not the best moment to pull my legs, I'd say...
Now, back to knitting.

La giostra cromatica

Un soprannome che ogni tanto usiamo per Angela è "BBS", ovvero sia Bianco Burro Satinato. E' il colore del bianco della sua cucina, da non confondersi con il bianco ghiaccio del soggiorno.
Dopo aver scoperto dell'esistenza del "bianco balena" e del "bianco uovo struzzo", non so quanti altri bianchi possano esistere, ma ne posso aggiungere un altro paio : il "bianco bianco" e il "bianco gioioso".
Arrivano direttamente dal catalogo colori della Panda dei miei.


Papà ha deciso di rottamare la MdM, ovverosia Macchinina della Morte, come noi chiamavamo affettuosamente la sua 600. Poverina, non era colpa sua se il giorno dopo averla comprata, Rai3 ha fatto vedere i filmati dei suoi crash test!
Comunque, papà ha riconsegnato la sua 600 e al suo posto è arrivata una Panda. Colore? Squilli di tromba e sventolio di bandiere: beige spumeggiante!


Gira voce che i nomi dei colori Fiat siano scelti da Lapo, nono so se sia vero o una leggenda metropolitana, non solo quale delle due opzioni sia da preferire. 
Comunque oltre al beige spumeggiante, il bianco bianco e il bianco gioioso c'erano pure questi colori:


blu bastian contrario
giallo birichino
giallo ottimista
azzurro volare
mirtillo monello
verde eccentrico
grigio perbene
grigio sfrenato
rosso arzillo
azzurro settimo cielo
nero provocatore


Cazzeggiando in giro per la rete ho scoperto che non sono soli. Sembra che ogni macchina Fiat abbia una sua particolare gamma cromatica. Infatti esistono in circolazione sulle strade italiane Fiat color "bianco santarellina" e "grigio bel tenebroso... Giorgino Clooney, sei tu?

Tuesday, 10 January 2012

Gym and fotoshop

This afternoon I hit the gym after work.
And the gym hit me back.


Anyway, I really needed the workout: my knee is aching again, getting back into work routine is proving tougher and tougher and well, let's face it: 2 weeks in Torino, with my mum's cooking and the availability of nice restaurants and "piole" increased my derriere size, so that the above mentioned derriere is so big it looks like it might be able to sit in 2 different time zones.
One of the thing a new year brings with itself is the increase of gym subscriptions: people start with a lot of good resolutions and round belly, hit the gym for some weeks and later on forgets about it.


I personally use the gym as a stress relief, but I doubt it will have big impact on my body shape and size: I'd need a personal trainer, a faster metabolism and a miracle for that. Still part of my irrational self still hopes to go to the gym, get in with my body, run and do some weight and leave with the body of Tyra Banks.


Today I stumbled on a possible solution for this problem.
Fotoshop by Adobé is a video made by Jesse Rosten and it's available on Vimeo.




Sunday, 8 January 2012

Coraggio



I minuti, i giorni hanno accelerato in maniera esponenziale dopo il Capodanno.
Così, oggi pomeriggio, ho riaperto la valigia, riempito la valigia, chiuso la valigia, pesato la valigia.
Ho fatto il check-in online. Ho controllato di avere documenti e chiavi di casa.
Poi mi sono seduta sul letto e ho lasciato che l'angoscia, la tristezza e la depressione facessero il loro sporco compito.
Come al solito, il rientro è duro. Non ho nessuna voglia di tornare in Olanda.
Oh sì, c'è la crisi, i musi sono lunghi, il futuro è un buco nero qua in Italia.

Ma cosa trovo ad Haarlem? Il lavoro, quello sì c'è e paga abbastanza per permettermi di far fronte allo stratosferico affitto che pago. Poi? Le amicizie? La famiglia? I nipoti? L'atmosfera di Torino? La bellezza di Torino? No. No. No. No.No.

Ancora una volta mi ritrovo sbilanciata, triste, avvilita. E arrabbiata, perché le solite domande sull'emigrare, sul tornare, sul resistere si fanno pressanti ma, come al solito, non trovano risposte.

Mi auguro di trovarle, queste risposte, quest'anno. Per ora controllo di nuovo se ho il passaporto, leggo un po' del libro di Gram & Fruttero e penso al prossimo rientro.
Coraggio, Virgi, Coraggio.


Friday, 6 January 2012

Ma come ti vesti???

Ma saranno fatti miei, giusto?
E invece no! Durante queste vacanze di Natale, crudelmente sempre più vicine al termine, ho imparato molto su ciò che conta a questo mondo. Il tutto grazie all'elettrodomestico preferito dagli italiani: la televisione.
Anche se io preferisco di gran lunga la lavastoviglie, ma vabbè, ne parliamo un'altra volta.

Qui parliamo di tivvvvvù e della mole di boiate che sono ora a portata di zapping grazie all'arrivo del DTT, digital terrestrial television, da non confondere con il DDT, anche se entrambi arrecano danni severi alla salute dell'uomo.

Nei momenti di cazzeggio più profondo, quando il divano è il mio regno e l'unico dispendio calorico è dovuto alla pressione del pollice sul tasto "Ch. +", ho scoperto un mondo nuovo, parallelo.

Un mondo di gente che una mattina si sveglia e decide di dover comprare o vendere casa. Un mondo di imprenditori edili, avvocati divorzisti, giornalisti e truccatori delle dive che prossimi al matrimonio, o divorzio, o pensione, decidono che un cambiamento di residenza è in ordine.
Vanno dalla Marella, una donna dalla criniera bicolor come quella di Mirco dei Beehive e le dicono: "Guarda, ho bisogno di una casa functional alle esigenze della mia famiglia, senza però venire meno alla mia life philosophy. Non chiedo molto, solo un attico/loft/villa con 3 camere, 4 bagni, cucina abitabile, studio, dépendance, giardino di 300 ettari mi-ni-mo e piscina. Il mio budget è un fantastiliardo di euri. Lo farei io stesso, ma sono troppo impegnato con le mie attività di uomo/donna modern, trendy e very impegnato".
Non c'è problema! Ci pensa lei, la Marella; seguita dal suo architetto di fiducia seleziona tre case da far vedere, di cui almeno una "un po' sopra il vostro budget, ma ci tenevo personalmente a farvela vedere per darvi un'idea di ciò che offre il mercato". Ovviamente è una proposta con trattativa riservata e ovviamente è talmente al di sopra delle richieste già stratosferiche che potrebbero aprirci un hotel, dal numero di stanze e buche da golf che ospita.

Quando si tratta di vendere invece, la casa non è adatta, è vecchia, ha bisogno di nuova vita. Niente paura! L'architetto è lì per questo, insieme al suo amico egiziano, il re del carton-gesso, per infondere nuova linfa architettonica alla casa: ci mettiamo una parete grigia che contrasta con la cucina dipinta in bianco balena/burro satinato/uovo di struzzo. Poi ci aggiungiamo un bel soppalco e una cucina all-functional.

Una volta che hai la casa, la TV non ti abbandona mica, no no. Ecco che arriva la ciamporgna di turno a insegnarmi come arredare casa. Probabilmente diplomata all'istituto "Colla Vvvinilica" insieme a Mucciaccia, Barbara si differenzia dal paladino di Art Attack per l'utilizzo, al posto della colla vinilica e della carta igienica, della colla a caldo. Barbara saltella sullo schermo con idee stratosferiche: avete presente quel bel cassettone di vostra nonna? Bello, sì, ma vecchio! Allora noi gli infondiamo nuova vita incollando con la colla a caldo... 3000 matite!
Poi facciamo una bella composizione floreale con i tubi da idraulico. O una lampada con 15 mila fogli da fiorista. E che ne dite di una bella lampada realizzata con gli attaccapanni?

Poi però, il nostro eroe, entra nella sua nuova casa che gli è costata un fantastiliardo di euri (senza contare quel migliaio di euro per comprare le matite), si guarda intorno e sente che c'è qualcosa che non va.
Non sa bene cosa, ma è sicuro che il fengshui della casa è completamente andato. Il tapino non sa quale sia la fonte del problema. Ma non tutto è perduto! La TV sa dove si annida il nodo della questione: sei tu! Tu sei vestito talmente male, senza gusto e in maniera così antiquata che non fun-zio-ni, tesoro! Ecco che arrivano Enzo e Carla a salvarti.
Ti prendono per mano, ti sfottono al punto giusto, si disfano del tuo intero guardaroba e poi ti danno una somma che ora non mi ricordo per comprarti 3 completi che rispettino il niu-iu.
Un niu-iu che è trendy, alla moda, che indossa i vestiti più in. Come, scusa? Ah, non ti piacciono? Ma questo non è il punto! Il punto è che devi vestirti come dicono Enzo e Carla, perché loro ne capiscono e non importa se poi il tuo stile personale viene completamente annientato e sei uguale ad altre 3000 persone compresse sui vagoni della linea 3 della Metro.

E' un mondo parallelo dove non c'è crisi: è l'espressione massima della televisione da evasione. Non si presenta mai un signor Brambilla che gli dice: "Sto cercando un due camere e cucina, magari in una zona non troppo inculata della Brianza che mi costringa a un pellegrinaggio di due ore su tangenziali e autostrade". Perché in questo mondo ideale il signor Brambilla non esiste.
Al massimo esiste il commendator Brambilla oppure il fashion designer Brambilla.

Quello che accomuna tutti questi angeli custodi dei niu-iu, ricchi, affermati, con case funzionali ma stylish e con un look da-ur-lo! (non so perché, ma è tutto un sillabare in questi programmi: non so se vogliano dare più risalto a ciò che dicono o dare sfoggio dei loro massimi culturali), oltre a un totale diniego della realtà italiana, è l'ampia gamma cromatica.
Quando l'imbianchino chiede al signor Pautasso di che colore vuole le pareti, la risposta del signor Pautasso è: "Le voglio bianche".
Se è l'architetto che fa un lavoro che più che un lavoro per lui è una passione e una missione, la risposta che arriva è qualcosa sulla linea del: "Allora questa parete me la fai in una nuance grigio nebbia brianzola, che mi contrasta alla perfezione con la nuance bianco balena che voglio imprimere alla zona living".
In questo mondo di sogno che non conosce la crisi, a me il dubbio però rimane: ma non è che il bianco balena mi ingrassa?

Thursday, 5 January 2012

A volte ritornano

Un tranquillo pomeriggio invernale.
Il sole batte sul tavolo del tinello, sono prossima ad addormentarmi sul citato tavolo, quando il mio dormiveglia viene interrotto da un lancinante grido di allarme. Ah no, è il telefono.
"Rispondo io!", urlo al nulla: papà sta scovando le differenze su una vecchia settimana enigmistica, mamma sta giocando al computer, possibilità che si muovano anche di un solo micron sono inferiori allo zero.
"Pronto-Virgi-c'è-mamma?Me-la-passi?Le-devo-fare-una-domanda,anzi-no-chiedo-a-te-che-sai!"
Adri ha questo brutto vizio di non prendere fiato quando parla al telefono, quindi bisogna essere pronti e attenti, perché si corre il rischio di perdere concetti ed informazioni chiave non ascoltandola bene e da subito.

Nelle migliori tradizioni delle feste e della mia famiglia, mia sorella aveva una domanda molto semplice da farmi: "Ma senti, quando ti viene la varicella, agli inizi, le bolle sono bianche o rosse? E prudono"
"Doh, Sherlock! E certo che prudono! Prudono da cane! Ti sarà mica venuta la varicella?"
"No, non ho la varicella, io..."
Meno male, penso.
"Però credo che Davide se la sia presa, la varicella."

Ah ecco. Fantastico. Il pupo di mezzo ha la varicella e Sara oggi ha voluto essere sicura che non fosse colpa mia: "Non è che gliel'hai passata tu? Perché tu hai avuto la varicella!"
"Si, ma l'ho avuta due anni fa tesoro, non sono stata io"
"Mmmh, va bene, mi fido per ora. Vuoi sapere che ora è? So leggere l'ora sai? Sono le dieci e due quarti!"

Così per l'ennesima vacanza natalizia, ecco che arriva una malattia dell'infanzia a tenerci compagnia e a scombinare tutti i piani... la vita sarebbe troppo noiosa altrimenti! E non profumerebbe così tanto di talco mentolato.


Wednesday, 4 January 2012

Se 5000€ vi sembrano pochi

Mi ricordo il mio libro di educazione civica delle medie: era in prestito d'uso, non molto spesso e senza colori, diciamo che puntava sui contenuti, ecco.

In quell'arcobaleno in scala di grigi c'erano scritte molte cose interessanti. Già undicenne, sentivo che quelle due ore di educazione civica erano l'equivalente del varcare la soglia di un universo parallelo.
Un mondo strano in cui la politica era l'arte del governo della società e non la sceneggiata da mercato rionale il martedì sera da Floris.
Un mondo assurdo in cui ai parlamentari veniva concesso lo stipendio sempre e comunque perché loro era il compito di portare avanti la nostra democrazia: se gli onorevoli non li paghi e loro devono mandare avanti la bottega, ovvio che poi non vanno alla Camera ma a lavorare (e no, mazzette no! perché sul libro di educazione civica di tangenti e corruzione non si parla) e allora poi va tutto a ramengo.


Ecco, a quel mondo migliore, così diverso da quello che mi aspettava fuori dalla scuola media Saba di borgo Vittoria, io sono rimasta affezionata. Spero sempre che un giorno decida di materializzarsi fuori dalle pagine del libro di educazione civica.


Sperare non costa, ma a volte mi causa forti emicranie, a causa dell'attrito fra questi due mondi: quello ideale e quello reale. Nel mondo ideale i parlamentari sono i nostri rappresentanti: portano avanti le nostre idee, le nostre aspirazioni, si preoccupano delle nostre necessità e difendono i nostri diritti. In quello reale, i parlamentari non hanno meglio di cui parlare se non dei loro stipendi e della necessità che si facciano sacrifici (da parte nostra, non loro, mi sembra quasi inutile precisare).
Sorpresa delle sorprese, gli stipendi dei parlamentari sono alti, ma, si difendono Scilipoti & Co, per lo meno non sono comunque alti quanto gli stipendi di altri colleghi europei.
Ora, è quasi come sparare sulla croce rossa ricordare che certe indennità in altri paesi non sanno nemmeno cosa sono e che se viene fuori uno scandalo su ciò che si fanno rimborsare i parlamentari, in altri paesi i parlamentari come minimo perdono il posto, vengono letteralmente costretti alle dimissioni.
E so anche fin troppo bene che i parlamentari sono un'esigua percentuale rispetto alla popolazione complessiva della penisola. Ma è una percentuale fin troppo elevata se pensiamo al loro apporto alla ricchezza non solo economica, ma pure morale e sociale del paese. Non ci sono abbastanza Rita Levi Montalcini per tirare su la media!
E' una percentuale che andrebbe dimezzata. E a cui andrebbe comunque falciato lo stipendio, perché per il lavoro svolto, il livello di vita italiano guadagnano troppo. 
Nessuno si illude che uno stipendio più giusto risanerebbe i conti in rosso del paese, ma tutti si aspettano un segno di dignità e responsabilità, un atto di maturità preso in maniera indipendentemente. Oppure in maniera forzata tramite un veloce e indolore decreto legge. E se questo dovesse alienare certa gente dall'arte di governo della società, beh lo potremmo sempre considerare come un lato positivo della crisi.

Tuesday, 3 January 2012

The Dude, Sara and the wristwatch

I think cinema can be very bad for your health. Take the Coen brothers for example. The Coens are very bad for my health sometime.
Everytime somebody mentions the world "bowling", my brain immediately relates to the Dude in "The Big Lebowski". Every time, in my mind the images of the movie pop out in my mind... "Oh, the usual. I bowl. Drive around. The occasional acid flashback."
Anybody living in Torino, upon knowing where I'm staying over the holidays, will say that: "Ah, next to tamarrolandia". And that's because, when I have to better explain where my parents live, I normally say: "At the end of Via Monginevro, very close to the bowling alley".
Tamarri are a "human type", for lack of better definition: somehow similar to the Midlands chavs, the boys normally sport orange skin, sharpened eyebrows, jeans way below the knees so to sport their Asterix boxers. Girls are orange too, normally wear clothes one size smaller, so that the love handles can better stand out. They are united by a common hate for Italian grammar that they like to torture with every sentence they utter.
The bowling alley is the haven of the tamarri teenagers, the sanctuary where they gather every week, expecially on Sunday or during their holidays.

This afternoon saw me stepping into the wilderness of "tamarrolandia".
Given my parents moved here when I was 17 and I saw waves over waves of this tamarri coming and going, so it's not that I grew over-interested into anthropological studies.
And I'm not masochist or suicidal. It's only that Sara wanted to spend some time with me and her mum. And to play bowling.
So bowling we played and to the bowling alley we went.
I used to go to the bowling alley once in a while during uni to play pool, and now I go normally twice a year to play bowling with my niece. And everytime I wish that I could see the Dude in the lane next to ours, but no, normally it's a bunch of tamarri.
I don't mind the lack of a Dude.
And, to prove how patient I've become, I normally don't mind the tamarri as well... I  I just wish to reduce them to subatomic particles when they butcher Italian; and when they make fun of Sara: she's six and trying to throw a ball that is half her weight, so obviously her technique is not as refined as Fred Flinstone's one. She holds the bowling ball with both her small hands and kind of throws it on the lane.
Or when they make fun of Sara and butcher Italian at the same time... like they did this afternoon. Pity I couldn't let any bowling ball fall on the kid's feet (not that I ever did before...), but hey, at the end of the game, I had a look at the points and Sara beat them square, she had more points than the one that won their game, ah ah ah!
She collected some more points on her "bowling card" so she could get a  wristwatch: a small children wristwatch, with a small orange strap dotted with small butterflies.
She was very happy about it. She couldn't stop staring at it and beaming: the battery was still not connected and the hands weren't moving; yet I couldn't help asking:
"What time is it, Sara?"
"8.30!!"
"And now?"
"8.15!!!"
"Are you sure?"
"My watch says so."
"But time can't go backwards, sweetie"
"Says who?"
"Mmmmh, the Doctor?"
"The doctor?!?"
"Yeah!"
"Auntie, I love you, but sometimes you're soooo weird..."

Monday, 2 January 2012

Enjoy the silence

Una sonnecchiosa domenica pomeriggio nel centro di un'operosa e fredda città del Nord.
E poco importa se la città del Nord sta attraversando un inverno piuttosto blando e mite e una stagione produttiva che molto operosa non è più da molto tempo.
E non stiamo nemmeno a sottilizzare troppo se, fra passeggiate post-abbuffata, musei gratuiti e gente semplicemente in giro, della sonnecchiosità del primo pomeriggio dell'anno nuovo rimane ben poco.

Anche i luoghi comuni hanno diritto ai loro quindici nanosecondi di celebrità e non sarò io a negarglieli.
Io non ho passato uno dei Capodanni più spumeggianti a memoria di donna e non ero la sola a sentirmi leggermente scazzata con la vita, l'umanità e l'universo intero. Anche Francesca aveva da dire e ridire su come si erano svolte le ultime ore.
Le opzioni a questo punto erano due: non fare nulla e continuare la fase di arrabbiatura con tutto e tutti oppure fare qualcosa per ricominciare a sorridere. Fra le due ho optato per la seconda e sono per l'appunto andata a fare una passeggiata in una Torino che poi così sonnacchiosa e fredda non era.
Il centro brulicava di vita quando io e Francesca siamo sbucate dalla stazione della metro. La passeggiata ci ha dato il tempo di sfogarsi, arrivare al Nazionale e comprare due biglietti e prenderci un tè prima che iniziasse la proiezione di "The Artist".

Dire che mi sia piaciuto è riduttivo.
Visto che anche l'ultimo film che ho visto nel 2011, "Emotivi anonimi", è francese, sospetto che i cugini d'oltralpe abbiano una forte influenza sui miei stati d'animo.
Con la mia solita fortuna, le due signore accanto a me hanno continuato a chiacchierare di tutt'altro mentre il film iniziava. E' durato poco, perché un angelo custode travestito da spettatore ha tuonato minaccioso: "Chi è che parla, eh?!?!" e il silenzio è tornato.
Da quando le luci si sono spente e sono passati i titoli, realizzati nello stesso stile dei film della Hollywood dei tempi migliori, si capiva che quello che stavamo per vedere sarebbe stato diverso, speciale.
Nella sala è piombato il silenzio, un silenzio confortevole, dolce, la gente tossiva piano, per non disturbare.
Franceschina a fine film ha detto che si era sentita come se fosse stata la sola a vedere il film: una specie di proiezione privata. Il film ti prende per mano e ti abbraccia in una coccola di cinematografia e poesia.

Sono uscita dal Nazionale con un enorme sorriso stampato in faccia. Sono ritornata a casa di buonumore, e innamorata, del cinema e della vita.
Sono andata a cercare il DVD di "Cantando sotto la pioggia", perché morivo dalla voglia di rivederlo. Il film di Hazanavicius ha molti richiami e citazioni di film e personaggi dei film del passato e c'è molto Gene Kelly nel film, a partire dallo stile e dalle movenze di Jean Dujardin.


Il film segue le vicende di George Valentin, star del cinema muto, e di Peppy Miller che, con l'arrivo del sonoro, sale le scale del successo, mentre George le scende.
Jean Dujardin e Bérénice Bejo, gli interpreti di George e Peppy, i protagonisti, sono circondati da un cast fantastico, fra i quali Malcolm McDowell, con uno dei migliori cammeo degli ultimi anni.


Le musiche sono coinvolgenti e la fotografia stupenda. Nessun effetto speciale 3D eppure le inquadrature sembrano uscire dallo schermo, sono piene di vita.
"The Artist" è un film stupendo. E' una storia che non ha bisogno di parole per essere raccontata, perché va dritta al cuore. Fa ridere ma è anche malinconico.
E' un film sulle scale della vita: a volte le percorriamo in salita, a volte ruzzoliamo giù e possiamo rialzarci solo se sappiamo accettare l'aiuto degli altri.
E' un musical ma è anche un film muto. Quando diventa un film parlato, dona il momento più angoscioso, l'incubo di George, e uno dei più spassosi, il finale.
E' un omaggio al cinema, cinema nel cinema, o forse è meglio dire una dichiarazione d'amore per il cinema. E l'amore per il cinema si "sente" in ogni immagine, ogni sguardo, ogni gesto di questo film.

Sunday, 1 January 2012

2012

Ho passato Capodanno a casa.
E qualcuno dirà che c'è un modo migliore.
Niente cenone, niente botti, niente peppèpepppepppeppè e brisgittebardòbardò.

Sono rimasta nel tinello dei miei, ci siamo guardati "Il castello errante di Howl", "I promessi sposi" del trio, ho fatto un po' di maglia, risolto il Bartezzaghi, brindato e poi sono andata a dormire.
Basta così. Ah no! Ecco, ho anche visto il discorso a reti unificate del Presidente della Repubblica. Una tale iniezione di ottimismo che alla fine ho sentito il bisogno di dar fondo alla mia inesistente scorta di Prozac.

Stamattina mi sono svegliata senza mal di testa da dopo sbronza. Sto scrivendo ancora in pigiama e penso che oggi farò poco di più.
Ho ancora la lista dei buoni propositi da scrivere, ma sono anni che in realtà non la faccio e l'ultima volta che ne ho scritta una l'ho persa il giorno stesso.
E poi ho trovato questa vignetta e, come dire, penso che si addica alla situazione:


Il 2012 parte già un po' sfigato, con il calendario Maya che termina e così facendo, fornisce materiale a Giacobbo da qui all'eternità, o quanto meno fino alla fine del mondo.
Poi ci si mette la crisi, e lo spread che alza il colesterolo e affossa i conti dello stato, e l'euro, e il dollaro, e il crollo dei consumi e della produzione. Sembra incredibile che il sole splenda oggi!
Eppure c'è un bel sole a Torino oggi, quindi non rimane altro che goderselo.
Benvenuto 2012, nessun buon proposito a cui venire meno. Ma tu vedi di non sgarrare.