Wednesday, 31 October 2012

Lessons in love

It was a warm, stuffy, early October Saturday.
It seemed summer didn't really want to give up on autumn and was clinging with all its might on the street of Torino.
It was a warm, stuffy, overcrowded Saturday in Torino.
The nice weather called out people to the street. They're walking up and down the city center streets, stopping here and there to look at the windows of the shops, queueing for an ice-cream.

I wanted to have a look at an exhibition, so I went straight into the Mole, had a look inside and spent some time laying down on the chaise-long, watching at silent movie extracts.

Coming outside the heat wave hit me pretty hard: as I walked slowly along Via Po. I didn't feel like getting on a bus to head straight back home, I might as well walk a little bit.
That's when I saw it. There's a shop in the middle of Via Po that sells notes and words: old and used books and vinyls alongside recently released CDs.
I saw in the window of the shop a vinyl and I couldn't help feeling surprised.
Glenn Hansard's "Rhythm and Repose" in vinyl! In a shop! In Torino. It's just so weird, I felt I fell into an episode of "The Twilight Zone". Or a surrealist painting.
I walked decisevely into the shop and got derailed. The stacks of used vinyl called me, treacherous mermaids. I thought I could just have a look around, then get Glenn Hansard off the shelf, pay and head back home. I was busy wondering what's the differences between the several type of metal (I get Viking metal got horns helmet, but what about Dark metal and Black metal?) when a voice reached my ears. A girl's voice. "Can I take it from the shelf?"
A sense of dread filled me as my peripherical vision showed me what I most dreaded: the girl going straight to the window shelf and picking "Rhythm and Repose" off it.

When I asked the shopkeeper if he had a second copy, I already knew that the answer would be "No". I wasn't prepared to the "What the hell is going on here?" look that came with the "no".
On the way back home, I kept repeating over and over in my head: "I deserve it. I feel so bad right now and tired and it's too hot and I don't have that records, and I deserve it all because I'm such a 'balenga'. Yep, that's why. I'm a balenga" (balenga is an untranslatable word in dialect. Oh yes the dictionary will tell you it means "stupid" or "silly", but it's not completely true, but I'll tell you more about it another time).

I let the whole episode mull over my head for over a week, then I decided I needed to do something, like keep looking for it, for example.
I couldn't find the vinyl in London. The man at the counter of "Rough Trade" looked at me weirdly: "are you sure it's out on vinyl?"
Yes, I'm sadly pretty sure about it and, by the way, why do people working at records shop, keep on looking at me as if I sprouted a second head when I ask such a question?
So I bought a Janis Joplin album instead and decided to go for the last resort: internet.

Bought it online, it arrived swiftly and with it, a Mavis Staple vinyl as well.

Glen & Mavis

Browsing through the store I saw another album I wanted to get for quite some time and never had the chance to.
At the end I learnt that you shouldn't pass up a chance, but at the same time you shouldn't beat yourself too much for that, because you never know what can come out of a mistake.

So yes, I'm a balenga as it took me longer than expected to get my vinyl. But at the same time it's not so bad being so, because I know there is a girl in Torino that is enjoying the same music that is filling my living room this evening and that once this music is over, it'll be time for Mavis to start.

Tuesday, 30 October 2012

50k

50K in a month.
No, no, sadly no real or fictional distant cousin of mine relocated to Nigeria and decided to leave me an income.

And it's not even one of those iron men competition.

50K in a month means an average of 1666 and repetitive 6 per day. Ok, let's make it 1667, easier, but less satanic.

It's the number of words I should write from November 1st to November 30th for the NaNoWriMo, the National Novel Writing Month
The idea is very simple in its absolute insanity: write a novel, 50.000 words in a month.

I'm not exactly sure why I did it. I was just browsing aimlessly through the web. It was late, I was feeling lonely and I thought "what the heck! If I got to have no social life, at least I can spend my time doing something interesting".

So, I signed up and I thought "what the heck were you thinking! A novel, 50000?!?! You got enough problems trying to put together a grocery list that makes any sense, imagine a novel!"
Anyway, I can't really turn back now, the die has been cast and all that jazz.
So, in 2 days time I'll be starting (gulp) writing a novel.
I'm setting up for big time failure because I got no idea, plot nor, I fear, time to materially put so many words together. Ok, I can use a random generator and a couple of monkeys, but that would defeat the purpose of the challenge, right?
I'll have to do it myself, I fear.

scrivere coi piedi

So, for now, I'm trying to defeat the tonsillitis that decided to show up now of all times and then I'll stack on coffee. Just need to write it down on the grocery list...

Monday, 29 October 2012

I've got a crush on you

I've got a crush on you, sweetie pie
All the day and night-time,
hear me sigh
I never had the least notion
That I could fall with so much emotion

L'amore inaspettato, al primo sguardo, quello che ti travolge all'improvviso e tu non sai bene che fare, come comportarti: mantengo la mia rigida e pragmatica serietà sabauda? O mi sciolgo come un gianduiotto al sole?
E' vano resistere.

Could you coo?
Could you care
For a cunning cottage we could share?
The world will pardon my mush
'Cause I've got a crush, my baby, on you

L'ho visto su Ravelry, e mi sono innamorata.
Si tratta di Lucy Hat di Carina Spencer, pubblicato sull'ultimo numero di Knitscene.

© Knitscene

 Ho comprato la rivista e ora devo "solo" scegliere le lane, fare un campione e farmi il cappello. 
E' bellissimissimissimo. Lo amo.
E lui ama me.
E il primo che trova da ridire o ridere, gli faccio una bambolina voodoo a sua immagine e somiglianza e poi ne riparliamo (tanto per confermare che no, il romanticismo non è morto, ma non per questo io devo essere privata del mio regale titolo di "Maestra del Male")


 

Thursday, 25 October 2012

giornalismo (e) spazzatura

In questi giorni il lavoro non mi lascia molto tempo libero e quel poco che riesco a ritagliarmi cerco di dedicarlo a cose che mi piacciono e che non mi fanno stressare e/o arrabbiare.
Quindi la televisione rimane spenta il più possibile. Questo non vuol dire che mi sono chiusa a riccio, continuo a leggere e tenermi informata, ogni giorno leggo un po' di notizie da siti italiani e stranieri così la bile si accumula un poco alla volta.

Oggi, causa una serie di sfortunati eventi, la bile è salita oltre i livelli di guardia.
La mattina non è iniziata benissimo: volevo guardare le previsioni del tempo prima di andare a lavoro, e mi sono beccata quel bip di Sallusti che si erigeva a paladino e martire della libertà di stampa, con a seguire teatrino in parlamento su legge salva-Sallusti (ti lamenti che nessuno della procura ti è venuto ad arrestare? Sai dov'è San Vittore? Bene, vacci!).

Poi a pranzo la tortura continua al pub-bar, dove la televisione continua a punzecchiare la mia pazienza. Rientro in ufficio e ad aspettarmi c'è la cosiddetta goccia che fa traboccare il vaso: una mail di Antonio riguardo la manifestazione di sabato scorso per opporsi alla costruzione dell'inceneritore (pardon, il termovalorizzatore) del Gerbido.

C'era una manifestazione contro l'inceneritore? Davvero? Non ne sapevo nulla! E perché non ne sapevo nulla?
Eppure li leggo i giornali. Ecco è questo il mio problema. O meglio, il NOSTRO problema.
Perché i quotidiani italiani, invece di approfondire i problemi ambientali (a meno che non sia ormai troppo tardi e ci siano già inchieste giudiziarie avviate) preferiscono piazzare in prima pagina notizie come questa:



Già, la nazione si ferma, il panico sembra impossessarsi piano piano della società civile, mentre il silenzio cala su tutti noi, per lasciarci meditare in silenzio su questa notizia: Ilary Blasi, una donna che riesce a entrare a piedi giunti in una gamba dei miei jeans, potrebbe avere problemi di linea. 
Eh, già. Sono tragedie.

Quindi, vi lascio a riflettere sulle disgrazie della vita.

Di Gerbido possiamo riparlarne fra una ventina di anni, quando probabilmente avremo scoperto i suoi effetti sull'aria, ad eccezione della puzza infame che infesta buona parte della città quando il vento soffia nella direzione sbagliata. Possiamo fare finta che non succeda nulla, a patto di turarci per bene il naso.

Oppure possiamo fare la cosa meno comoda: possiamo scegliere di informarci sull'argomento, da soli, senza affidarsi a prosivendoli vari ed eventuali.
Possiamo iniziare da qui, il sito del Coordinamento No Inceneritore - Rifiuti Zero Torino: il modo migliore per avere notizie sulla situazione del Gerbido, sui motivi della protesta e su come si sta evolvendo la situazione. Non solo! In questo modo saprò della prossima manifestazione in anticipo e non quasi una settimana dopo!

Monday, 15 October 2012

la compraoro

Ho trovato il bigliettino nella buca delle lettere dei miei, insieme alle bollette, alle offerte dei supermarket e le pubblicità degli svuota-cantine.

Un foglietto giallo, scritto fitto fitto e senza immagini. Annunciava l'apertura di un nuovo negozio in zona: ora che la fioraia si è trasferita sull'altro lato della strada, il suo negozio è passato a Marinella, una compraoro.

(Apro parentesi.
 Marinella, la compraoro. "La compraoro": è un bel nome, mi ha fatto venire voglia di rileggere "La prosivendola" di Pennac. 
Chiudo parentesi.)

Insieme a quelli che vendono quelle strane sigarette a vapore per smettere di fumare, i compra-oro sembrano fra i pochi a prosperare davvero negli ultimi mesi.
Non credo si possano però chiamare semplicemente compra-oro, sembra si stiano trasformando in veri e propri banchi dei pegni.
In quello vicino a casa  mia, vari oggetti fanno mostra di sé in vetrina: due giacche di pelle, un paio di Jimmy Choo, una chitarra, oltre a gioielli vari ed eventuali.

E' il segno di molte cose, suppongo. Della crisi ma anche del nostro attaccamento agli oggetti. Probabilmente quelle scarpe sono andate a finanziare qualche altra spesa dello stesso tipo, un circolo vizioso come quello delle carte di credito dei negozi nel Regno Unito.
Non ho né il tempo né la voglia di fare falsi moralismi, non è un decadimento della società (che  ha ben altri problemi al momento). Per di più, in questa società consumistica io sono coinvolta fin oltre la punta dei capelli: mi ha dato da vivere negli ultimi otto anni, chi sono io per rinnegarla?

Il volantino però mi ha lasciato uno strano senso di inquietudine addosso e ancora non sono riuscita a superarlo, dopo più di una settimana di tempo.
Forse cose così ci sono sempre state ma io non ci ho mai prestato attenzione, sono famosa per la mia incapacità di notare tutto ciò che sta sotto il naso.
Fatto sta che, fra i tanti oggetti che il volantino suggeriva di portare a vendere, ce n'era uno che ha catturato la mia attenzione.


A parte i dubbi sulla roba rotta e le monete d'oro, ma insomma, dico io!
Capsule per i denti?!?
Capsule per i denti che non indosso?!?!
Capsule per i denti che non indosso e che tengo in un cassetto a casa?!?!?
E chi non ne ha almeno un paio, in un cassetto della cucina?

Monday, 8 October 2012

Metropolis

Saturday I went to the Museum of Cinema to watch the exhibition on "Metropolis", the Fritz Lang's movie, and the restoration of the movie starting from a 16 mm negative found in Argentina.
The exhibition in itself was great: as usual, the Mole provides the perfect setting for an exhibition.

(all we hear is...)

I cut the queue for the panoramic elevator ride and went straight into the museum. I took my time going up and up, watching parts of the movie, looking at photos and sketches.
I tried to remember when I did watch the movie. Must have been a summer, maybe the one between high school and university. I can't remember whether it was on Rai 3 or a VHS.
I remember I didn't quite understand it. And that the morning after I woke up with a huge headache (I'm pretty sure we had limoncello while watching it) and Freddy Mercury singing loud in my head.

By the time I reached the end of the stairs, while making my way for the chaise longue to watch some mute film from the museum archive, I couldn't help but admitting that pop culture is always there.

Or here, depending on your point of view. It's anytime, every time, anyhow.
It may looks nowhere to be found, but that's because we don't normally look for it where it can be found: in the back of everybody's mind. Or just in front of everybody's eyes.

Anyhow, it provided a awesome soundtrack for the afternoon:


Saturday, 6 October 2012

Autunno a Varsavia

Con il tempo strano che ci ritroviamo fra le mani, ho potuto indossare i sandali per molto più tempo del solito, un recupero per le ultime estati passate con gli scarponcini pesanti.
Lo scorso weekend comunque, mi sono goduta un tipico pomeriggio d'autunno; sono dovuta arrivare a Varsavia per poterlo fare, ma ne è valsa la pena. Ok, non che sia andata a Varsavia perché mi mancasse l'autunno; il motivo principale è il lavoro, ma per una volta sono riuscita a vedere qualcosa della città in cui mi trovo che non fosse l'aeroporto, l'hotel o l'ufficio. D'altro canto ho avuto molte possibilità di vedere e rivedere l'ufficio.

Varsavia mi è piaciuta, anche se lo trovata strana e non bella quanto Cracovia (che, a sua volta, mica è Ciriè).
Il mio albergo era un grattacielo di 43 piani che si affacciava sulla piazza con il Palazzo della Cultura e della Scienza, un palazzone che sembra urlare "Stalin!" da ogni suo mattone. Adesso è diventato un complesso di uffici e c'è un multisala all'interno. Di giorno non è un granché, ma bisogna ammettere che di notte ha un certo fascino.

Pałac Kultury by night

Passeggiando si passa da un estremo all'altro, da un tempo remoto a un futuro che deve ancora arrivare eppure lo stanno già aspettando per poi superarlo di gran carriera. Eppure il contrasto non si sente, rimane in sottofondo.

in the old town


Ci sono tutte le catene straniere, anzi inglesi, da Caffè Nero a M&S; le chiese sono piene, c'è una religiosità più sentita (forse più vera).
I grattacieli vengono su come funghi, mentre per le strade circolano ancora vecchie Trabant e autobus risalenti ad almeno cinquanta anni fa.

di corsa


Cielo blu, foglie ingiallite sugli alberi, aria frizzante, il camminare lento della domenica pomeriggio.
Famiglie che passeggiavano, bambini che correvano e si inseguivano ridendo, turisti che scattavano foto (io in primis).
Tanti bar e ristoranti, tutti pieni, ma i suoni mi arrivavano attutiti, o forse parlavano tutti a bassa voce.
Mi sono fatta trasportare dai piedi, piuttosto che dalla mappa. Non ho badato all'orologio, ma ho seguito le note di Chopin, che arrivavano a volte dalle fisarmoniche e dai piani dei suonatori di strada, a volte dalle panchine musicali.