Wednesday, 28 November 2012

My first Christmas present


While people have started going all festive, Christmas decorations and advertisement have started popping up like mushroom, I made sure to be on the other end of the whole thing, the nice part where you get presents.

Yes! Not even December and I already got my hands on my first Christmas present.
It was a nice package delivered to my place beginning of this week. Oddly enough the Italian postal service didn't "misplace" it as they do sometimes for other parcels. One might wonder why...

I know why! Because it was a Marmite present! Zain saw it in a shop and I bet it didn't take him long to convince his ever-so-conniving-mum Beth to get it and ship it over to Italy.
Now I got a nice 2 teaspoons and 1 spread knife Marmite set, with 3 heart-shaped single shot of Marmite.
I will save the Marmite for better times: maybe for when Zain, Jamil and Beth visit Milan next time, or maybe it's really time to experiment with some Marmite baking, who knows!?

A clash of civilizations

And if you wonder whether I'm barking mad right now, well of course I am, but not cause of Marmite. The spread I love to hate is, in this case, a simple mean to remind me how lucky I got to meet such fantastic people in the UK. 

Tuesday, 27 November 2012

Porci e squali

Tornare a Torino è sempre bello.
E' bello perché è la mia città, perché ci sono gli amici di sempre e perché ora ho delle nuove amicizie, dei germogli che mi piace coltivare

In più tornare a Torino è un tuffo a piedi giunti in quell'oceano di surrealismo balengo in salsa gianduia che solo la mia famiglia sa offrirmi.

Succede sempre qualcosa di assurdo o strambo. La scorsa settimana sono arrivata a casa dei miei per l'ora di pranzo e la prima cosa su cui mi sono caduti gli occhi è stata questa:

perle ai porci


Non bastava il fatto che i miei si fossero comprati un porco di gesso, adesso era pure vestito!
"Mamma, perché il porco di gesso ha un tuo cappello?"
"Primo: chiamalo maiale, ché porco è offensivo e ci rimane male..."
"Ma è un porco di gesso! Con un tuo cappello!"
"Ma-ia-le di gesso. Secondo, così non prende freddo."
"..."
"Non trovi gli doni?"

Poco più tardi, mio nipote sta giocando a un gioco sull'iPad in cui fa lo squalo cacciatore.
"Guarda nonna!"
"Davide, lascia stare le meduse che ti irritano! Piuttosto, mangia il surfista"
"Così!?"
"Amore di nonna, che bravo che sei!"

Tutto normale sul fronte famigliare.

Sunday, 25 November 2012

Enrico, mi manchi

Io di Berlinguer ho ricordi televisivi e scolastici.
Di Berlinguer mi è rimasta un'idea in bianco e nero, frutto di foto dei libri e dei giornali, spezzoni di comizi e interviste.
Mi sono rimasti i sospiri dei miei genitori, ogni volta che si parla di politica. Rimpianti per quello che sarebbe potuto essere e che invece è stato altrimenti.

Ieri sera ero a casa dai miei. Mio padre parlava di andare a votare alle primarie.
L'ha detto storcendo la bocca. Poteva essere un effetto delle medicine post chemio, ha sempre la bocca un po' schifata papà da quando è in chemio.
Oppure è una reazione all'idea di andare a votare e scegliere fra il meno peggio e il meno meno peggio.
Oppure tutte e due.

Su RaiTre, Blob proponeva spezzoni di Berlinguer e delle primarie.
Mia mamma ha commentato: "Si sta rivoltando nella tomba".

Mio padre stasera è sdraiato sul divano. Non è andato a votare perché non stava benissimo oggi. Sta guardando la TV: a LA7 hanno appena presentato la "musa della sinistra italiana", Alba Parietti.
Per evitare problemi legali, non descriverò le reazioni, specie quella di mia madre.

Di lui ho ricordi televisivi e scolastici, ma stasera mi manca tanto, l'Enrico.

Lezione di economia da tram

Ieri sera la via del ritorno dal centro verso casa è stata piuttosto lunga: manifestazioni varie ma anche e soprattutto la GTT ci hanno del messo del loro.
Quando l'autista del 15 ci ha scaricato alla fermata di Corso Trapani per aspettare il tram successivo, è scattata la rivolta popolare.
Oddio, la rivolta popolare sabauda.
"Oh, ma insomma!"
"Oh, ma basta"
"Minkia oh! Cioè no, niente allora, ma che cazzo ho pagato il biglietto a fare, oh! devo andare al buling oh!"

Fino a quando una voce si alza, quella di un signore anziano: "Questi giovani! Andassero a manifestare sulle rotaie del tram!"
Una serie di occhi al cielo dimostrano una certa unione transgenerazionale.
"Bisognerebbe mandarli in miniera, ecco! Bisognerebbe mandarli tutti a zappare la terra in miniera come si faceva una volta!"

Ecco, non sono arrivata a casa prima, ma forse ho capito uno dei problemi alla base della crisi del settore minerario...

Wednesday, 21 November 2012

Dantes inception

The other night I was thinking about "Inception", the movie by Christopher Nolan with Michael Caine and Leonardo Di Caprio.
This movie holds 2 unshakable truths to me.
The first one is one of the line of the movie: "An idea is like a virus. Resilient. Highly contagious. And even the smallest seed of an idea can grow. It can grow to define or destroy you."

The second one is that Christopher Nolan should seriously reconsider the length of his feature films. I loved "Memento" and kept up with "The Prestige", but the whole Batman thing was too much for me to process while keeping awake at the same time. 

Anyway, before loosing track of what I meant to say, the quote about idea being viruses is true. When a notion gets implanted in my brain, it just sticks to its cells: a dangerous situation given my slight inclination towards obsessive-compulsive behaviours. The only idea or suggestion I proved quite resistant to is "Isn't it about time for you to iron all that stuff on your chairs?"
My brain quickly process an answer that sounds more or less like a "Yes, maybe, perhaps, nah, I'll do it tomorrow", before dismissing the whole idea and going back to what I was doing before.

So last Saturday afternoon, sitting at the Triennale with some other girls, we were complaining about how impolite and rude waiters are there: I mean, man, slow down! You're a waiter not a model, so don't look offend if I don't compliment you on how cool you look today but I ask you for the menu instead.
Not sure how it happened but the topic of conversation switched from the George-Clooney-wannabe to childhood readings.

We all agree on one point: our parents were out of their mind! Can you give a 10 year old kid such dangerous material like Dickens or Alcott?!?! You allow me to read and dissolve into a pool of tears for orphans reduced to slavery by cruel masters, kids dying of poverty, hunger, scarlet fever... And then you didn't want me to watch Japanese robot anime, because they were too violent?!?!

Then we moved to some other books we read at that time, the adventure novels: Verne, Salgari, Dumas.
Here again. Muuuuum! I could read freely about Michael Strogoff's being blinded with a hot blade and yet war movie could impress me and give me nightmare!?!
It's your lucky day, I'm feeling kind enough to not call the child social service, dad!

Thinking about Dumas, I immediately thought about my favorite book by the French, "The count of Montecristo".
I have strong feeling about that novel and even stronger feelings when it comes to that pages being translated into a film. I am sure it was not a simple coincidence the fact that on Sunday, while battling and losing against a nasty cold, when I turned on the TV to search for a movie to watch I ended up looking at a beardy Jim Caviezel: we meet again, Monsieur Dantes.
So I sat, knowing I was not going to like it and at a certain point I got terribly upset and start arguing with Caviezel on the screen (I blame it on the anacin).
"You see, you're doing it all wrong! This is not what you're supposed to say!"
"Nooooo! That's not what you should do! Jeez, no, no and no again! You don't believe me? Wait and I'll show you"

I got up and spent 20 minutes looking through the books for my copy of the novel, only to realize that:
1. The book is still at my parent's place.
2. Ringing them to ask if they could send me the book via courier sounded mental to me as well.
3. I was talking to a bloody TV set! (still blaming it on the drugs in my blood)

So I sat, grumpy as ever, on the sofa, mumbling about projects of grandiose vendetta against Hollywood screenwriters while looking for an e-book on the laptop.
I kept wondering whether there's ever been a movie or tv-series that didn't put Dumas into a industrial spin. The idea was planted in my brain and it kept growing for the whole week, so that now I got a quite extensive culture on TV series based on Montecristo around the globe.
This summer I watched again the musical parody by Quartetto Cetra, with Walter Chiari as Faria.
I remember watching another TV-series inspired by Montecristo and set in Italy, in Naples and some years ago there was a French version as well.
Revenge is turning into Dallas, but inspiration is clear.

But it wasn't enough so I digged more on YouTube, read reviews, discovered musicals and cartoon and, after seeing some kind of soap opera, I might even have learned  to hold less of a grudge towards Hollywood screenwriters.

Monday, 12 November 2012

San Martino

Qualche settimana fa sul monitor appare un tweet, un cinguettio fra i tanti che appaiono ogni giorno sulla rete. Sarebbe potuto scorrere via come molti altri, invece no.  Quelle parole le ho riconosciute subito, dal primo verso so già il nome di chi le ha scritte. So già che dopo il punto finale il nome che i miei occhi incontreranno, il mio cervello processerà e il mio cuore accoglierà sarà il suo, quello di Cesare Pavese.

C'è stato un momento in cui il tempo scorreva lento, il lavoro mi stancava, e una raccolta di poesie di Pavese era sempre nella mia borsa.
La mia preferita era "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi".
Già solo dal titolo, qualcosa mi affasciava e mi teneva legata e avvinghiata a quelle parole. Rotolavano impetuose, scivolavano languide. Le leggevo e rileggevo in una voce non mia.

Cesare lo leggevo, spesso non lo capivo, altrettanto frequentemente lo comprendevo fin troppo bene e mi spaventavo. Leggere le poesie di Pavese mi stordiva, troppe emozioni e sensazioni in un solo verso e mi trovavo indifesa.
Io e la poesia non abbiamo mai avuto un buon rapporto, non la capisco sempre, anzi quasi mai: alle superiori e all'università mi guardavo intorno e mi domandavo cosa avessero queste persone che si emozionavano alle poesie, che le scrivevano o recitavano. Le invidiavo e mi domandavo come mai non potevo avere la loro stessa sensibilità.

Poi ho iniziato a leggere Pavese e Pavese mi ha insegnato che è ok, va bene non capire la poesia, perché la poesia non deve per forza essere capita (anzi, non mi fido di chi capisce tutte le poesie sempre e comunque, a meno che non sia un liceale interrogato dal prof di italiano, e in quel caso è una bugia al fine della sufficienza).

A rileggere quelle parole sullo schermo, ho provato nostalgia. Una sensazione dolce e amara a pensare a un periodo differente, quando tenevo Cesare in borsa, avevo un abbonamento mensile della GTT e pensavo la vita mi avrebbe portato in tutt'altra direzione.

Nostalgia per la mia città, che è così bella e che mi manca così tanto, ma dove ormai non posso che tornare ogni tanto, anche se mi ritengo fortunata perché posso tornaci più spesso di quanto potessi un tempo.

Ho ripensato alle parole di Cesare, seduta sul treno che mi riportava a Milano. Ancora non mi riesci di scrivere casa e forse non ci riuscirò mai.
Escluso il viaggio da e verso l'ufficio, il Milano-Torino-Milano è il mio itinerario più frequente.
Avanti e indietro. Indietro e avanti.

Leggo, faccio a maglia, dormicchio, guardo fuori e vedo Milano trasformarsi lentamente in pianura e la pianura lasciare il passo a Torino. E viceversa

Rimango a Torino per un weekend di solito, se ho fortuna qualche giorno di più.
Questa è stata una di quelle occasioni. E' l'estate di San Martino. Io non avevo molti piani.

Il weekend lungo è passato felice e veloce.
E' iniziato con pretzel e weiss bier a "La Deutche Vita", risate e chiacchiere con amici di lungo corso, quelli che anche se non li vedi da 4 mesi ti sembra di avergli detto arrivederci solo l'altro ieri :

La Deutsche Vita

Poi la notte di venerdì è scivolata tranquilla via e si è trasformata in sabato, e io mi sono ritrovata da "Wool Crossing", per una giornata di chiacchiere, risate, sferruzzio e nuove amiche.

Domenica ho cercato di battere il record di ore domenicali in pigiama, ma alle 4 e mezza mi sono dovuta cambiare in abiti di servizio, visto che era giunto il momento di espletare i miei incarichi istituzionali di zia.

E devo dire che ho svolto con onore il mio ruolo: filastrocche della pappa, ten, disegni e partite con gli squali che mangiano i pinguini (lunga storia):

Aunt time

World is a canvas

(Questa non è una manina sporca, bensì il modo in cui l'Artista esprime attraverso sé stessa e una scatola di pennarelli la sua personale visione del mondo. Ok, l'abbiamo persa di vista per un nano-secondo e questo è stato il risultato: quindi non ho solo una nipote artista, ma pure sprinter!)

Mi siedo sul treno, l'oscurità è già calata. E' ora di andare, di tornare a Milano.
Io penso a quelle parole, le recito mentre il treno lascia la stazione.

«Me ne vado perché è troppo bella Torino a quest'ora:
a me piace girarci e vedere la gente
e mi tocca star chiusa finch'è tutto buio
e la sera soffrire da sola»!
Mi vuole vicino come fossi un amico:
quest'oggi ha saltato l'ufficio per trovare un amico. 
«Ma posso star sola cosi?
Giorno e notte -l'ufficio - le scale - la stanza da letto
se alla sera esco a fare due passi non so dove andare
e ritorno cattiva e al mattino non voglio più alzarmi.
Tanto bella sarebbe Torino - poterla godere
solamente poter respirare». 
Le piazze e le strade
han lo stesso profumo di tiepido sole
che c'è qui tra le piante. Ritorni al paese..
Ma Torino è il più bello di tutti i paesi.
«Se trovassi un amico quest'oggi, starei sempre qui ».

Sunday, 11 November 2012

man vs. food

Grazie al digitale terrestre, l'incremento esponenziale delle peggio porcate televisive sembra non conoscere limite. Così ora se vuoi rincretinirti per bene puoi scegliere: il tg di Rete 4 o Italia 1 oppure uno dei vari reality show.
Chi cerca casa, chi non sa vestirsi, chi non sapeva di essere incinta, chi gestisce un negozio di pegni, chi scava tesori, chi guida camion in Alaska e chi ci spiega mille e più modi di tirare le cuoia.
Oggi, facendo zapping estremo, una specialità pericolosa e spericolata, altro che gettarsi giù dalla stratosfera, ho letto il titolo di uno di questi show "Man vs. Food"
E' un titolo un po' bislacco e subito ho immaginato uno duello da far west fra un presentatore tv e un cotechino. Non ci sono andata molto lontana.
Il riassunto della puntata di oggi era: "Adam è a Austin, Texas, dove sfida una ciambella da un chilo. Nella Don Juan Taco Eating Challenge riuscirà a mangiare otto tacos e a stabilire un nuovo record?"

Nulla di meglio... per farmi spegnere la tv e mettermi a leggere un libro.

Tuesday, 6 November 2012

Hate & Love

Love to hate you, #Marmite

Since the first time I took a bite of it on a buttered toast that Gill had made for me, I knew it was the foulest thing I ever tasted. I didn't feel like that again for a very long time afterwards: only when I tasted chou doufu in Shaoxing (word capital of stinky tofu), I remembered how I felt when I ate my first bite of Marmite.

Gill looked at me and asked "So how is it?", a big smile plastered on her face. Something in her eyes told me this was not the first time she was playing this trick on one of her foreign students. And she wasn't probably going to stop with me. True enough, less than 5 minutes later, Sandra, the Swiss girl, made her appearance in the kitchen and... "Sandra, how about some breakfast?"
If Sandra had taken a better look at my face and at the fact I was drinking water like a camel that crossed the Sahara, she should have answered in a whole different way.

They say Marmite is like that. You either love it or hate it. It's a comforting notion, if you think about it.
In a world where black and white blur into grey, what is right and what is wrong overlap and everything "just depends", Marmite offers a relief, a safe haven: it's a yes or no, on off state. Marmite appreciation is in binary code, 1 or 0.

It's something I never doubted about in the past few years. Marmite is bad, I don't like Marmite.
I even introduced some friend to the wonders of Marmite. The look on SViN's face when I gave him the Marmite cookbook was one of a kind. Or the replies I received when I shipped some Marmite to some friends in Italy.

Then something changed. I think it was because of the cashew nuts. Cashew nuts are a soft point of mine, I just love them no matter what, even when they're Marmite-flavored. Apparently, my love for cashew nuts is stronger than my dislike for Marmite.
Not a big deal, I thought. But then it was the turn of the rice crackers and the chips. Then, thanks to Flavia and Sevan, I discovered the Marmite flatbreads and cereal bars. My heart broke a little when I couldn't find the cereal bar any longer.

Then, last time I was at Beth's place, we had Marmite cheese: it was quite lovely and it made me realize, perhaps with the help of one or two glass of Mavrodaphne, that Marmite probably for me is not so binary, maybe more of a ying-yang state of thing. It's a thin line the one dividing love and hate and, being the line coated in Marmite, it's quite easy to slip over it.
So yes, I still hate Marmite, but I love other Marmite-flavored food.
I still have some hope to find the cereal bars. I can't understand why they're not on sale anymore: I mean,  Marmite people, come on! What's the point of having people hooked on a new product, just to stop selling it shortly after!?!? You do want to be hated!

Sunday, 4 November 2012

gloom and tea

I like to believe it is because of the weather. I've been repeating that to myself for the past few hours.
"Yes, it's because of the rainy and gloomy weather".
Let's be honest: aside the Duomo and some other rare spot, this town is, for lack of more fitting description, plain ugly. Add this to the horrible weather, the medication I've been taking for tonsillitis, and you'll see I was not in my right mind this afternoon.

What happened is that, while sitting on the metro, looking around at the people around me, a blasphemous thought invaded my mind: "I kind of miss the Netherlands".

Ok, before friend like Flavia or Francesco call the ambulance and have me hospitalized into a mental asylum, let's try to be clear: I don't exactly miss the Netherlands, I do miss friends I left there (and those who left  the country like I did) and this afternoon I was missing the mint tea I could get there.

Having mint tea was really nice. In the office it was a must as the coffee there was pretty bad. Outside is what saved me over and over from losing my fingers to frostbites. I love getting into a coffee and order the mint tea: fresh mint leaves, a drop of honey and a pepperkakor on the side.
My favourite place for mint tea was the Openbare Bibliotheek, the central library in Amsterdam. It's a beautiful building: there's a piano in the hall where people can sit and play, there's a lot of space to sit (even though it's not the best place to write because it's quite noisy... Weird for being a library), it is open on Saturday AND Sunday and it's got a café on the top floor: I used to go there, order a mint tea, and look outside of the windows.

I was going to a knitting meet up and I thought I could get some nice tea there, maybe not the same type, but something similar. No such luck and no pepperkakor (and the apple cake was not so good, but never mind), and when I got back home I spent a  bit of time looking at my tea-box, only to realize that mint tea is not a dry leaf tea, it's made with the leaves freshly cut from the plant.

I am thinking of buying a mint plant soon. I'm just a little bit worried by the suicidal cactus in the office, I would be upset if my future mint plant decides to follow the same path to self destruction.

Friday, 2 November 2012

Mafalda, il mappamondo e la lavatrice.

Il primo novembre l'ho passato come buona parte dei giorni di festa: riprendendomi da un malanno. Come ogni anno ho avuto la mia dose minima di tonsillite: martedì ho causato l'ilarità generale dei miei colleghi durante una teleconferenza. La voce ora è tornata più o meno a livelli e frequenze accettabili, soprattutto perché ho passato ieri tappata in casa a bere tisana e prendermi cura di me stessa (che cosa strana, dovrei farla più spesso!).
E' stato comunque un giorno abbastanza fruttuoso.
Ho messo ordine fra le foto. Ok, ho iniziato un'altra volta a mettere ordine fra le foto (e prima o poi finirà pure di mettere ordine) ho aggiornato le foto di alcuni progetti su Ravelry.
Ho scritto, letto, guardato la signora Fletcher, ascoltato Chet Baker, Billie Holiday e Tchaikovsky.

Non ho stirato e mi sono completamente scordata della pila di roba che aspettava di essere messa in lavatrice.
Beh, mi sono completamente scordata di molte altre cose. Ho deciso di passare un giorno di oblio dai media: ho evitato giornali, tg, gr, qualsiasi cosa potesse ricordarmi che, là fuori, lontano ma non troppo dal mio soggiorno, c'è un mondo che tira a campare tra guerre, follie omicide e cambiamenti climatici.

A un certo punto ho provato una lieve punta di senso di colpa. Ma come? me ne sto qua ad ascoltare il concerto per violino mentre fuori, fuori... ecco visto che non ho la benché minima idea di cosa sta accadendo fuori?!?
Il senso di colpa non ha avuto vita lunga. Nel tempo che mi ci è voluto ad alzarmi dal divano e raggiungere il giradischi, mi è tornato alla menta un ricordo di pochi giorni prima.

Ho passato parte di domenica nella "stanza dei lavori" di mamma, la vecchia cameretta di Adri, riadattata da mia mamma a stanza per cucire, ricamare, stirare, leggere, guaradare la tv, chiamare su Skype e giocare ad Angry Birds e Orba.
Mamma era per l'appunto presa a passare tutti i livelli della versione di Halloween di Angry Birds Season (è fatta così: prima passa i livelli, poi torna indietro e ottiene il massimo dei punti possibili, tre stelle e golden eggs). Io ero seduta accanto a lei, la tazza di tè sul tavolo e un tomo appoggiato sulle ginocchia.
E' uno dei vari pezzi sparsi della vita passata che, per un motivo o un altro, è scampato alla prima ondata di trasloco verso Milano: è il libro che raccoglie le strisce di Mafalda.
L'ho comprato qualche anno fa, quando mi sono resa conto che i libri di Mafalda che ho sempre letto non erano miei e li avrei dovuti lasciare alla legittima proprietaria.

Lazy Sunday afternoon: Mafalda & tea

Domenica pomeriggio è passata così, con mia mamma che ogni tanto mi guardava con un'espressione che diceva "ormai l'abbiamo persa" e io che ridacchiavo su strisce che riesco ancora a recitare a memoria, altre che non mi ricordavo così belle, mentre io ero alla ricerca della striscia del manganello, una delle mie preferite:


Eh sì, Mafalda ne ha sempre capito più tutti e anche lei ogni tanto smetteva di preoccuparsi del suo mappamondo e si metteva ad ascoltare i Beatles.
Così sono arrivata al giradischi e ho deciso di continuare a vivere così per ancora un po': ho girato lato del disco e sono tornata sul divano.

Purtroppo così non può durare a lungo e sono tornata alla vita di tutti i giorni, a preoccuparmi del mappamondo. E della lavatrice. L'ho caricata e fatta partire stasera.
Fino a qualche tempo fa mi sarei preoccupata di usare la lavatrice tardi la sera, ma con le tariffe dell'elettricità non c'è altra scelta. In più a chi posso dare fastidio? Ai vicini bifolchi che litigano e urlano ogni sera, anzi ogni notte? Ecco, magari una seconda centrifuga ci sta tutta.

Thursday, 1 November 2012

caccia al tesoro

Mentre Glen Hansard sembra deciso a non lasciare più il piatto del giradischi, mi domando se ho tutte le rotelle a posto.
I due eventi non sono correlati in alcun modo, ma, ascoltando Glen, mi consolo pensando che magari non ho tutte le rotelle a posto, ma almeno ascolto della bella musica.

E' novembre.
Sono piena di lavoro che esplodo.
Ho una pila di roba da stirare che a breve la sedia su cui è appoggiata implorerà pietà.
Ho deciso di partecipare a una follia da cinquanta mila parole almeno.
Mi basta, secondo voi?
Certo che no! Le mie occhiaie richiedono che io dorma ancora di meno per mantenere il loro ideale stato grigiastro!
Quindi ecco che ho deciso di partecipare a un KAL (un Knit Along, ovvero sia un gruppo di sferruzzatrici/sferruzzatori, spesso giosamente ossessivo-compulsivi riguardo la maglia come la sottoscritta, lavorano lo stesso modello nello stesso arco di tempo).
Questo KAL è organizzato da "Unite contro il cancro" ed è una caccia al tesoro. Per ora sono usciti due indizio e oggi pubblicano il terzo. Di mio non solo ho realizzato il campione, ma l'ho pure fotografato!

red

Sono pronta ad altri giorni di intenso tutto, tanto sonno e poco riposo. Sabato si incomincia e non vedo l'ora: questo non toglie nulla al fatto che probabilmente non ho tutte le rotelle a posto.