Tuesday, 29 June 2010

Volta la carta

Poche ore alla partenza.
Sentimenti contrastanti.
Come ha ben sintetizzato Miky la scorsa settimana, non ho mai avuto un'espressione così felice eppure scazzata allo stesso tempo.

Penso a ciò che lascio e mi sento sollevata: la burocrazia, l'immeritocrazia, quella sensazione opprimente che se non conosci qualcuno, se non sei amico di, se non ti manda Picone non riesci a fare nulla. Quella sensazione di paese incagliato che ho provato qualche giorno fa su un autobus: un tamaretto al primo anno di superiori scherzava con i suoi amici sulle pagelle e a un certo punto però si è fatto serio e ha detto a uno degli altri tamarretti, "ma tu pensi davvero che dopo la scuola troverai lavoro? In Italia!?!".

Penso a ciò che lascio e mi viene il magone: Sara stamattina mi ha detto di prendermi cura del criceto, Davide ora è in cucina che chiede "cos'è?"; la ciclabile di Corso Stati Uniti è riparata dal verde degli alberi ora ed è un piacere usarla per tornare a casa, specie dopo essersi fatti il voragine-massaggio grazie alle buche delle ciclabili del centro. Mi sarebbe piaciuto andare un'altra volta dal cocomeraro di Piazza Massaua per una delle loro mega-super-macedonie.
Avrei voluto passare un'estate in giro per musei, a infornare canestrelli per le amiche, bere birra all'Imbarchino con pochi ma buoni e fidati amici.

Mentre scrivo, sul giradischi gira "In concerto", vinile rosso regalo di compleanno anticipato da parte di SViN. Anche questo 33 giri mi mancherà: scusa per tornare presto per riascoltarlo? O motivo per tornare solo a recuperare il giradischi e i vinili? Vedremo, per ora si volta la carta e si baratta il Negramaro con il Pimm's.

Red

Monday, 28 June 2010

brancher e l'impedimento

Fa così caldo che le mie braccia non se la sentono di cadere a terra.
Leggo dell'intervista rilasciata al TG3 da Brancher: «È indecente, non si è mai visto che l'Italia dopo aver perso i Mondiali se la prende con me».

Confesso che di Brancher sapevo poco o niente prima della sua nomina a ministro senza portafoglio con delega all'Attuazione del Federalismo Amministrativo e Fiscale, anzi no con delega alla Sussidiarietà e Decentramento, perché nel gioco del celocelomanca quel ministero c'era già e ce l'hanno i leghisti.

La pagina a lui dedicata dal sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri non dice molto sull'on. Aldo, quindi ho dovuto quelle notizie con la biografia che ho trovato su Wikipedia.
Uno con una carriera decisamente interessante, questo Brancher: da don a on. E in un certo senso ha detto qualcosa di vero: il mondiale di calcio è l'Occasione per commettere le peggiori porcate politico-economiche e rischiare di farla franca, perché i neuroni sono unicamente concentrati su Quagliarella e non notano certo che il primo atto di un ministro è cercare di sfangare i processi in cui è coinvolto.
Era già successo 4 anni fa con Calciopoli, perché non ritentare il colpaccio?!?! E invece no! I nostri hanno giocato come fossero pedine del subbuteo, immobili. Tutti a casa e tutti a cercare qualcuno con cui prendersela: Lippi? No! Brancher!

Comunque, amo pensare che in quel del Quirinale, Napolitano non abbia pensato a Lippi & Co. quando ha fatto sapere la sua opinione circa l'inapplicabilità del legittimo impedimento nel caso Brancher.

Ogni tanto invidio il facciatollismo di certa gente, la capacità di dire frasi così oltre qualsiasi livello di decenza senza provare un minimo senso di vergogna.
Sì, c'è qualcosa di indecente in questa storia: che un onorevole non pensi minimamente alle dimissioni quando è imputato a un processo. Che un onorevole non rifiuti una carica "offertagli" quando è imputato a un processo. Che un ministro pensi come prima cosa a cercare di sfangare un processo in cui è imputato. Che un politico pensi gli italiani così stupidi: ma ovviamente lui è stato frainteso... da noi stupidi.

World Cup and Indiana Jones


Thanks to the match between Germany and England, yesterday I had the chance to learn a lot about the Trajan's Aqueduct. It may seems a bit weird to learn something about ancient history during a 21st modern sport match.

Yet that's what happened, thanks to Gialappa's Band: in case you wonder, they are a trio of radio and TV commenters. They've had a lot of influence in Italian pop culture of the last 25 years. 
Their shows are basically commentary of football matches, music or tv events. They got a very satirical style. They brought in many changes: first of all, they never appear on their Italian shows. They would only use their voices to comment mistakes, behaviours and idiocies that would go on. 
Given that Italians take football more seriously than any other thing, it was a complete, refreshing viewpoint.
They normally broadcast their own comments for the European and World Championships. They would normally air from Radio Due, but given the pathetic situation (and director) the national radio is at the moment, no wonder they moved to a private network. The radio show is not impartial: they are supporters and they invite supporters for the other teams, foreigners that live in Italy, and some of them have been to many edition by now. 

Yesterday's match was a big match not only on the pitch, but also in the studio, with 2 of the most famous "gialappa's" supporters.

Representing Germany was Michael Wezel: this guy has been commenting for several years and it's the perfect poster man of how wrong stereotypes are. If you  believe Germans to be cold and collected people, here come tank Michael to trash all your preconceived ideas: he's loud, ironic, and likes to sing football jingle very loud.

To counterbalance on the English side there was Ted O'Neill. Not as loud as Michael,  the 2 shares a love for beer. And it's thanks to Ted that I learnt about the Trajan's Aqueduct. He has a documentary production company that focuses mainly on Italy and its culture. 
While doing some filming about another aqueduct, Aqua Alsietina, Ted and his father Michael came to discover something amazing: the source of the Aqua Traiana, the aqueduct built around 109 a.d. by emperor Trajan. I don't remember what I had this morning for breakfast, but I still remember the whole chapter that was dedicated in my middle shool history textbook to Trajan and the Nerva Antonine dinasty (after all, my sister's name is Adriana, just like the emperor): obviously the story had my complete attention and as he was talking about it, I went on to read what the encyclopedia says about Trajan.

The news of the discovery has been published on specialist website and in newspapers in Italy and abroad.
Yet yesterday Ted talked on the radio about the problems he was having with trying to protect and preserve the site: you may think that such a discovery would interest the local and national public organizations that should preserve Italian heritage.
Ah! Think again! In a country where the government property administration is prepairing a list of what to sell (and here you can look at some photos of the possible "items for sale"), do you think this is the type of discovery that may interest politicians and administrators?
The land where the site is is owned by a farmer, who's refusing to let the archeologists in and has cut down a fig, whose roots where basically holding up the structure, now in danger of collapsing.

On their Vimeo page you can have a look at the video they shot:


The Source of Trajan's Aqueduct from MEON HDTV PRODUCTIONS on Vimeo.


and you can read more about it on Ted's blog.


It was very disheartening to hear Ted talking about how it felt as if Italians were not caring or worrying about something that belongs to them. 
Seeing that in order to have something like that discovered we had to wait for 2 English videomaker to come to Italy feels like a cruel and mercyless mirror of the general (and collapsing) situation of Italian culture.

Saturday, 26 June 2010

this is why you're fat...

Once in a while, Liz posts an entry on her blog that could be filed under "and you still wonder why you're fat!?!?"
Well, yesterday evening I was killing some time on internet, waiting for the Spain match to start and googled "that's why you're fat".
I found out that there is a blog called "This is why you're fat", that host an interesting collection of "food", well, eadible stuff, let's put it that way.
Something like this:

(via This is why you're fat)

 In case you're wondering, it's a spaghetti and meatball loaf.
And that's almost nothing compared to other food posted on the blog...

Friday, 25 June 2010

Memories of love

I'm "slightly" hypochondriac, so no wonder if sometimes I worry a little about some minor aches.
Still, after yesterday evening, I started suspecting I got some severe kind of early dementia.
Something not so weird has been happening to me quite often recently.
Given that Torino is not such a huge city, it may happen I meet people I know by chance: most of the time I meet acquaintances, former schoolmates and colleagues.

The problem is that I don't recognize them. I look at them, think they look somewhat familiar, but can't place a name on the face. Then, after a while (that can go from 5-10 minutes up to 3 days), I remember who they are.

It happened yesterday too: it was St. John's Day, the patron saint of Torino, meaning that people are having a day off from work and in the evening there is a fireworks show in the city center. After the painful afternoon spent watching the football match, I went with some friends to Piazza Vittorio, crowded even more than the usual Friday evening happy hour and waited for the show to start.

As we were chatting and still talking about the match, I saw a guy not far from us. He looked familiar and for a while I tried to place him somewhere in my life: school? uni? work? 
I think he had my same impression, I saw a flicker of recognitin when our eye met. But the fireworks started and, even though they were not as nice as some other shows of the past, I was taken away by them and completely forgot the nameless guy. And I didn't think about him after, as my brain was sidetracked to the wonderful, amazing watermelon granita I got from Vasavasa.

This morning, while brushing the teeth, the iPod shuffled to "Dakota" by Stereophonics. The first few notes playing and then it all hit me.
He was not a colleague, we didn't attend any class together.
That was Luca.
And (many) years ago, I was completely head over heels for him, not just a tiny crush: I was in love with him. As any other teenager on this planet, I truly believed that he was the one-forever-and-ever.
It's quite a sweet and sad feeling.
I've been smiling the whole day thinking about it: how we were, what we've become and all the small memories; thinking of those sunny days, our promises, dreams, ideas, remembering what I was thinking, how I was feeling, the way life has changed and took me so faraway from where I thought I'd end up. Not that I'd would change anything, anyway.

Thursday, 24 June 2010

youtube, ads and world cup

I was watching this hilarious ads by VW:



It made me smile, just like a kid.
And made me wonder whether the slide is still in the station, because if so, I might want to take a short trip to Berlin to try it out. :-D

Then I noticed a small button on the video bar I never saw before: weird, it's shaped like a ball. What happens if I click it?

Answer: vuvuzela time!
Try it on the youtube page, it's a bit annoying but you need to have it a go at least once!

Volevo scrivere una cosa veloce e via!

Volevo farmi un giro in bici, spiegare a mio padre come si fa una videochiamata su Skype (mi sono preparata psicologicamente e tecnicamente alla valanga di domande che so già farà), finire il bartezzaghi...

All'inizio volevo solo scherzarci su: "Marchionne è arrabbiato perché Torino ha scelto come patrono San Giovanni, con il solo scopo di far vedere la partita dell'Italia a quelli di Mirafiori".

Ma poi mi sono messa a leggere le pagine on-line dei quotidiani. Onestamente c'è ben poco da scherzare.
Sono rimasta stupita dalla percentuale di no. Onestamente capisco la seccatura di Marchionne. Ha puntato la pistola alla tempia degli operai e gli ha chiesto: "Scegli, cosa preferisci? Vuoi mangiare o no? Vuoi lavorare o no?"
Insomma, quando il sistema ti piglia per fame, è ovvio che i sì vincono.

Adesso vedremo quale destino attende lo stabilimento di Pomigliano. Forse però Marchionne e tutti gli altri alti papaveri dovrebbero fermarsi a pensare a quello che ha detto un operaio intervistato ieri: "Il sì può anche vincere, Pomigliano può produrre Panda, ma se la gente guadagna una miseria, la Panda chi se la compra? Marchionne?"
Forse Marchionne no, ma Lapo sì?

Wednesday, 23 June 2010

Resto di stucco, è un barbatrucco!

In Inghilterra ogni tanto mi capitava di impappinarmi: passavo buona parte del tempo a parlare in inglese, a volte pensavo pure in inglese, così ogni tanto mi venivano a mancare parole elementari. Mi sentivo parlare e mi vergognavo di me stessa: ma sono davvero io? Com'è possibile che parli un italiano così povero?
Con una famiglia premurosa e comprensiva come la mia, inutile da dire che sono stata presa per i fondelli a non finire. 

Ora, dopo 7 mesi di vita in Italia, alle porte del rientro in Inghilterra, non corro più questo rischio, visto che i miei nipoti hanno provveduto ad azzerare qualsivoglia residuo di lingua italiana.

Già, grazie a Sara e Davide, aizzati amabilmente nelle loro peggiori intenzioni da nonno Cicci, sono arrivata non solo a parlare italiano come se fossi tradotta in tempo reale da Google Translate, ma pure a un livello di balenghitudine che nemmeno nei miei peggiori momenti ero arrivata anche solo a sfiorare.

Non dico più la parola "no", manco fossi in Giappone, perché a Davide non piace quando questa parola viene pronunciata in maniera troppo perentoria: colto da una crisi mistica, prende la rincorsa e va a dare craniate al muro. Quindi devo aggiungere qualcosa che alimenti l'amore per il dramma del piccolo: "ohhhh nooooo!", declamato come in un film dell'epoca dei telefoni bianchi; oppure "oh oh oh, ma no, no e poi no, mon dieu!", e poi ci aggiungo un po' della canzoncina della pantera rosa, che lo calma.

L'amore per il dramma non è prerogativa solo di Davide: al momento Sara non conosce altri segni di interpunzione che non siano il punto interrogativo e quello esclamativo. A cinque anni è ovvio che debba porre domande su ogni minuscolo dettaglio di questo mondo:

"Noooonnna!!! Perché se tiro troppo forte le piantine si staccano dal vaso?"
"Sarabruttabestia, rimetti a posto il basilico, subito!"
"Ok!"

"Zia! zia! perché vedo rosso?"
"Hai di nuovo mangiato la pizza rossa, vero?"
"Sì! ma sai che non bisogna rispondere a una domanda con un'altra domanda?"

"Papà! papà! perché percheeeééé? uhm non importa! ho scordato!"

Il problema è la sovrabbondanza di punti esclamativi e la totale assenza di pause! "Zia! zia! ma sai che oggi..." e qui parte una descrizione di quello che è successo all'asilo, di quello che ha mangiato all'asilo, quello che non ha mangiato ma le sarebbe piaciuto ci fosse in mensa, con chi ha giocato, con chi non ha giocato e paragone con i giorni precedenti, senza prendere fiato, tanto che dopo l'ultimo punto esclamativo si ferma, fa un respiro profondo e sbuffa manco fosse Maiorca che riemerge da un'immersione.

Adesso ho iniziato a parlare così: non ho la capacità toracica della nipote, quindi le mie frasi sono più brevi, ma termino con punto esclamativo buona parte delle mie frasi.

Poi c'è il problema vocabolario. Se dico "Guarda che bella Olga", voi capite che mi riferisco a una nuvola?
No?!? Questo perché voi non avete mai letto quella pietra miliare della letteratura della prima infanzia che è "La nuvola Olga e il tulipano".



Per la stessa proprietà transitiva, la parola "ippopotamo" è stata sostituita dalla parola "potòm-potòm", potòm per gli amici. Tutti i conigli si chiamano "Tippete" e le mucche "Connie".
Saluto la gente come fossi un teletubbie, evitando solo le tante coccole! Anche perché la parola "coccole" è normalmente sostituita da "cara-cara".

Ora che torno in Inghilterra, posso sperare di migliorare un po' l'italiano, ma l'idiozia continuerà a regnare sovrana. 
Qualche settimana fa ho scaricato un'applicazione per l'iPod su ordine della nipote: una specie di tamagochi, con dei criceti virtuali. Bisogna scegliere un tipo di criceto, farlo mangiare, bere, dormire, coccolarlo, vestirlo...
Sara ha quindi creato il suo criceto ("un po' come Camillo! Il criceto che avevamo all'asilo! Solo che poi lui è morto! Ma non siamo stati noi a morirlo, sai zia?!"), anzi, la sua criceta. L'ha chiamata Marina, le ha messo gli occhiali a forma di cuore abbinati alla ghirlanda di fiori. Poi ha voluto che spedissi una foto di Marina a mia sorella.
Al momento attuale, per giunta, Adri credo sia una delle poche persone sul pianeta a non avere la casella di posta elettronica intasata da proposte di matrimonio di procaci ragazzotte russe o vantaggiose offerte di televisori cinesi. Sono io la sua principale fonte di posta in arrivo: sfondi di Toy Story e fatine da nomi allucinanti creati da Sara, link di video con potòm ballerini e Cricchetto che spaventa trattori, disegni fatti da Sara sull'iPod e poi, come detto, la foto di Marina:


Dopo aver spedito la mail, Sara mi ha guardato con i suoi occhioni perfidi e mi ha chiesto: 
"Ma zia? Ora che tu vai via, chi farà cara-cara a Marina? Chi le darà da mangiare? Perché non mi lasci l'iPod?"
"Perché no!"
"Quindi te ne occuperai tu, giusto!?!"

Fregata. Già mi immagino, su in Inghilterra, intenta a dar da mangiare e ad accarezzare un criceto di pixel... 

Monday, 21 June 2010

One cherry leads to another...

In Italian we say "una ciliegia tira l'altra" meaning that one cherry leads to another: cherries are so good that you can't possibly have only one.
You need to get one more.
And another one.
And another one.
And why not taking one more?
Another cherry, what harm could there be in it?
Can you possibly die for eating too many cherries?
You could, but what a sweet way to go.

In case you haven't noticed I truly like cherries.
I wanted to take a photo of the cherries my mum got me today, so I put some of them in a white bowl, put the white bowl on the coffee table and shot some photos of the bowl.

That's the best I could come up with:

cherries

Anyway, I remember putting more cherries into the bowl. Wonder what happened to them...

una tira l'altra

Sunday, 20 June 2010

My World Cup Afternoon

This afternoon, I packed up a chocolate cake straight out of oven and went to Stefania's place to watch the match Italy "played" against New Zeland.
Using the verb "to play" to describe that pitiful and patethic display of pure rubbish that was the Italian team is already saying too much; I can just hope they improve in the next 4 days.
But I can't even say I watch the game that much.
44 minutes into the game and there was a problem with the main signal repeater center: all the Rai channels were not available due to a huge blackout in almost the entire Piemonte region.

The blackout continued for the whole second half and on. Needless to say, we were just one inch close to the civil war. Italians can stand to have the right to strike taken away from them (thanks to Fiat blackmailing), but heaven forbid they can't watch our National football team!
As for me and my friends, we managed to watch the second half online: a dozen people crammed over the display of a 13" MacBook, and we had to reload the page several times as there were some problems with the buffering (I guess it has to do with the huge increase of traffic on the website).
Now we are getting ready for Thursday's match: we're making sure to have a bigger computer monitor ready!

a beam in the eye

Josè Saramago passed away on Friday. Not even the time for his body to be cremated that here comes the Vatican vultures.
The "Osservatore Romano" published an article by Claudio Toscano about the Portuguese Nobel Prize, penning him as an anti-relious ideologue and populist extremist and so on, in a very cruel and viciously satisfied tone.

José Saramago was very outspoken when it came to his atheism and him being a communist; he was not a slave of the powers and he never wrote at the service of any Communist (or other ideologically inspired) regime. He voiced his own belief as human being, felt a human connection with the poor and the victims of society and stood his ground against Vatican.
The last point being what bothered most Vatican entourage ultimately: oh, if we were only 200-300 years back in time, when they could have used their power to burn him alive on the public square!

It almost looks as if the newspaper just waited for him to die to publish the article. It made me sick.
No matter what his own ideas were and no matter whether one agrees or not, he's no more on this earth to reply to the attack (not that he would mind them that much). This is called being a coward.
What it's more disgusting is the lack of pietas, of compassion of the article, something that should be like a second skin for people that (say to) believe in Jesus.

In a moment in history where the Vatican should busy itself with a thorough exam of its own conscience and, at the same time, make sure that all the crimes are punished by the laws of the different countries where they were perpetrated, they seem so eager to lash on a dead man because he bothered the Church when he was alive.

Saramago once said that he respected the people that believed in Christ but had no respect for the Vatican. And how can one disagree with him?

Thursday, 17 June 2010

La fu mamma Radio2

Normalmente cerco di trattenermi quando scrivo dall'esternare le mie emozioni e i miei pensieri in maniera eccessivamente scurrile, ma in questi giorni sono di nuovo ai minimi storici della pazienza, sono nervosa e la lettura e visione di una qualsiasi notizia sembra voler fare di tutto per farmi uscire dai gangheri.
Detto ciò, dopo aver letto la notizia della chiusura anticipata (dall'oggi al domani, manco fosse una società americana) di "Grazie per averci scelto", l'unica cosa che mi sento in tutta onestà di dire è: e-che-cazzo!!

E' da un po' che avevo l'impressione che mamma Radio2 fosse diventata un po' matrigna. Ora assomiglia pericolosamente alla signorina Rottenmeier.

C'è stato un tempo, non molto lontano, in cui gli aRissogatti lasciavano sempre in pace le manopole della radio: non ce n'era bisogno, visto che si ascoltava da mattina a sera Radio2. A che pro cambiare, quando c'era già tutto su un singolo canale? C'era satira, musica, concerti, informazione e cultura. 

Poi il nuovo direttore (direttamente dal MinCulPop) ha deciso che bisogna svecchiare, perché a quanto pare a Radio2 c'era bisogno di "aria fresca".
Aria fresca?!?! Non c'è problema, ce l'ho io una soluzione! Aprite più di una finestra così sì che la corrente rinfresca! Visto, c'era mica bisogno di un direttore nuovo per scoprire l'acqua calda, mi chiamavate e vi davo la soluzione così, gratis!

No, a quanto pare nel nuovo dizionario della dirigenza Rai il bisogno di svecchiare e dare aria agli studi radiofonici è sinonimo di rincoglionimento.
A che pro mandare in onda programmi intelligenti e interessanti come "Alle otto della sera" o "Dispenser", quando si può rimbambire la gente a forza di radio-reality e stronzate simili.
D'altronde la prima cosa da fare per avere una radio moderna e gggiovane è chiudere il forum dei podcast della radio: vuria mai che la gente si scambiasse libere opinioni e idee!

"Grazie per averci scelto" non era un programma che ascoltavo spessissimo, più che altro perché a quell'ora non ho mai ascoltato radio, ma se ero a casa allora sì, perché no, lo ascoltavo volentieri.
E' stato chiuso perché Santin avrebbe ricordato che nel pomeriggio sarebbe andato in onda su Radio Deejay e RTL per le trasmissioni legate ai Mondiali. Non avendo sentito la frase incriminata, non so con quale tono abbia ricordato agli ascoltatori che nel pomeriggio avrebbe seguito i mondiali da due radio rivali.
E poco mi interessa del fatto che la rete gggiovane abbia sostituito i vecchi Gialappi con due primuline come Abatantuono e Chiambretti.
Ma chiudere una trasmissione (che sarebbe già dovuta terminare a luglio) da un giorno all'altro, senza alcun preavviso o spiegazione logica, palesando l'evidente ripicca mi fa uscire dai gangheri. E la spiegazione addotta fa acqua da tutte le parti e brilla della maturità di un bambino dell'asilo; anzi no, sono più che convinta che mia nipote sarebbe riuscita a inventare di meglio.

E allora che si fa? Petizioni, blog, gruppi su facebook di protesta per ciò che una volta era la cara Radio2.
Poi ci si può preoccupare del destino dei conigli e di Caterpillar per la prossima stagione. Ma è estate, sono italiana e ci sono i mondiali: ci penso più tardi, ora torno ad ascoltare la Gialappa's Band su RTL 102.5...

Sunday, 13 June 2010

new shoes

I wish I were brave enough.
I wish I didn't mind other people's reactions (too much): what does it matter if they think I'm weird? They would be closer to the truth than they think.

Few days ago I thought I had gathered enough courage.
I saw her. I started walking in her directions.
10 m, I can do it.
8 m, no harm in asking.
5 m, yes! I can!
3 m, see? It's not as hard as I thought! I can do it!
1 m... no, I can't do it! S**t! Duck now!

I've chickened out.
Once more.

How hard could it be to ask that girl I saw at the metro station: "Those shoes are lovely, can you tell me where you bought them?"
Now, in Italian, this question does not evoke any pathetic pick-up line, so there is not even the danger of being considered a lousy molester.
And moreover, it's one of the few sentences I can remember in Japanese!
Yet, I let her walk on by.
Even more tragically, her lovely sandals walked away too! Oh, if only I could turn back time.

I wanted to get a new pair of sandals, so I was on the lookout for something that was not my usual choice, the Birkenstock.

Now before venturing into the recount of my past few weeks life, let's make it clear. Shoes  follow one very simple, basic, universal rule: a girl will never ever have enough shoes (cf. Imelda Marcos for cross-reference).

Shoes and shoe-shopping are somehow imprinted in any XX human being's DNA. I don't think of shopping as something I happily do and I'm quite agoraphobic: in a society built upon shopping malls, I struggle to not give up before starting when I have to buy something.
Still, I feel the pull to stop in front of each and every shoe shop windows.
It doesn't matter that I walk by the same window each day.
It doesn't even matter whether I need or not a new pair of shoes, because the shoe-shopping flowchart is quite clear about the concept of "needing new shoes":



(yes, I'm a geek)

Easy, right?
Not really. As usual, translating a flowchart into reality is messier and harder than it looks like. Why? Well, because a flowchart considers the world as a straightforward, unambiguous place, where nothing comes in between you and your shoes.

But in the real world, something horrible happens: fashion trends.
It's obvious that a good number of designers vehemently and passionately hates women and their twisted and perverse plot is to create ugly and uncomfortable shoes.
In this plot, they're aided by a secret society of masochistic women, that happily buy and wear the above-mentioned shoes.

So here I am: I need and want a new pair of shoes. What can I do?
Step #1: Check nearby shops.
Step #2: Check markets and supermarkets.
Step #3: Extend research to online shops and catalogues.
Step #4: Start looking in small cities nearby.

I've been around several shops, walked a lot, was about to check if there was any class to learn how to make shoes by myself... nothing
I had to deal with many attacks of gloom and desperation: "Oh no! I will never get the shoes I want. I will die alone, forgotten and shoeless!!!".

I couldn't see any solution. However, as one of my friend Miky's colleague once said: if you can't see the light at the end of the tunnel, you just have to settle down for a while and start decorating the tunnel.
I started decorating then and by pure chance, as I was moving a pile of magazines, I found (and bought) these:

my new sandals

Virgi, happy ever after... or until the next pair, at least.

Friday, 11 June 2010

Ti conveniva prendere la Clio

E per il momento "WTF" di oggi... la FIAT!

Se l'altro ieri sera vi trovavate alla fermata Marche e avete visto una pazza su un vagone della metro ridere come una matta, mentre gli altri passeggeri la guardavano con un misto di sconcerto, paura e "ah, dove andremo mai a finire, povera Italia", sappiate che ero io.
Stavo leggendo "La soavissima discordia dell'amore", uno degli ultimi romanzi di Stefania Bertola (ovvero chick-lit al gianduja) ed ero arrivata a questo punto:

Prima di separarsi, Rocco le disse: " Ti conveniva prendere la Clio. Questa perde i pezzi". 
Agnese scosse la testa: "Io compro solo Fiat".
"E vantatene, anche".


E la Fiat è tornata pure oggi, verso l'ora di pranzo. Appena finito il telegiornale dove si parlava fra l'altro di Fiat, Pomigliano, Termoli, Marchionne e via dicendo.
La prima pubblicità che parte subito dopo la sigla è della Fiat. Non pubblicizzano una macchina (tanto finiti gli incentivi statali, a che pro?), parlano del piano aziendale. Lo spot è nella migliore tradizione della bambina che raccatta il gatto rognoso sotto la pioggia e una volta rientrata a casa viene bastonata per il ritardo dai genitori.
Il collegamento non lo metto apposta, ma, se siete curiosi, lo trovate su youTube se siete curiosi; oppure preparatevi al bombardamento mediatico che di sicuro subiremo in questi giorni sulle tv, alle radio e sui giornali. 

Lo spot si conclude con un rassicurante: "le cose che creiamo ci dicono cosa diventeremo". Mi sono cadute le braccia.

Ora, soprassediamo per un secondo sul fatto che si vede lontano 100 miglia che sto benedetto piano aziendale e la rigidità di Marchionne alla trattativa sono dovute al puro e semplice fatto che hanno comunque deciso di trasferire la produzione in posti meno cari e con meno sindacalisti a rompere. 
Parliamone, dal punto di vista creativo e di immagine: se le cose che creiamo ci dicono cosa diventeremo, cos'è la Fiat, altresì nota come la mamma della Duna?!?! (Il padre è incerto a quanto si vocifera: nessun designer sembrerebbe pronto a farsi carico delle responsabilità!)

Wednesday, 9 June 2010

cervelli o muscoli?

Quando arriva l'estate mi accorgo in maniera più prepotente che esiste il gossip.
No, non mi riferisco al tg4 o a Studio Aperto, anche se... Mi riferisco più in generale a tutte quelle notizie che finisco in un modo o l'altro per sapere, leggendole su un giornale gratuito in metro, o quando apro le pagine web di grandi portali o quotidiani.
Sono normalmente quelle notizie che generano in me la reazione: "ah. Ma un bel e-chi-se-ne-frega non ce lo vogliamo mettere???!!!???"

Oggi però una notizia ha spezzato la mia normale catena di azione e reazione, lettura a somme righe e sbuffo stizzito.
Interessante la notizia proprio non è, spiazzante caso mai.

Stamattina ho aperto l'homepage di Yahoo per ritrovarmi di fronte a questa notizia:



WTF?!?!
Uno ha cervello, l'altro muscoli?!
Anche solo a vedere le due foto, capisci che la trota in carpione in quanto a muscoli non è esattamente preparato, un po' ripetente insomma. Il che fa capire che caratterino-facile Balotelli è quello con i muscoli.

Ora, già che Balotelli per il suo modo di porsi riesce ad apparire abbastanza antipatico, ma pure dirgli che ha meno cervello, insomma, dai!

Ma soprattutto chi diavolo è Eliana Cartella? Dovrei rimanere ancora on line e cercare su Google chi è la pulzella al centro della tenzone o infilarmi le scarpe e uscire?

Ciao ciao...

Tuesday, 8 June 2010

Nel mentre che metto le Peroni in frigo...

Arrivano implacabili a cadenza biennale. E sì che io cerco di far finta di nulla, fischietto indifferente, ma loro subdolamente si infiltrano ovunque e comunque: pubblicità, film, documentari, speciali alla TV... e quando arrivano siamo tutti come un povero daino fermo sulle rotaie con la gucciniana locomotiva che si avvicina: senza scampo. Sto parlando di Olimpiadi e Mondiali di calcio.
Nulla da dire di per sé sugli eventi, anzi!
Alla fine tutti amano i mondiali di calcio: i politici li adorano così distraggono i cittadini da tutte la emme che gli stanno rovesciando addosso.
Le TV sanno come riempire la programmazione estiva, altrimenti regno incontrastato di Rosamunde Pilcher.
Noi comuni mortali, orfani del commento della Gialappa's Band su Radio Due, li adoriamo anche solo per poterci ritrovare con tutti gli amici a guardarli: spaghetti in cottura, familiare di peroni gelate, tifo indiavolato e rutto libero! di fantozziana memoria.

Solo che i Mondiali (e le Olimpiadi) si portano dietro un bagaglio di puro terrore in salsa pop: le canzoni ufficiali.
Ogni evento ha la sua colonna ufficiale, con collaborazioni più o meno riuscite, stelle e stelline del panorama musicale e testi "formaggiosi", per usare in maniera più tristemente letterale l'inglese cheesy.
Facendo una ricerca su internet ho scoperto che quelle delle Olimpiadi sono dette "inspirational songs". 
I testi sono più o meno sempre gli stessi: siamo tutti fratelli, volemose bene, inseguiamo i nostri sogni (e dopo prendiamoli a randellate), costruiamo un mondo migliore, cuore-onore-amore, bla bla bla.

L'unica differenza fra i due eventi è che quando arrivano i Mondiali non ci sono solo le canzoni ufficiali  (quest'anno mi pare ci sia Shakira), ma pure quelle nazionali.

Gli inglesi hanno messo in campo i New Order nel Novanta (World in Motion)? E noi abbiamo risposto con le notti maggggiccheeeee (inseguendo un goooool), tiè!

Anche se il miglior inno (se pure non ufficiale) che abbia mai accompagnato la nazionale, a mio avviso risale agli europei del 2000, ed è, ça va sans dire, di Elio e Le Storie Tese (Mangoni Remix!):

Monday, 7 June 2010

step on my old size 9s

Just Enough Education to Perform è stato uno degli ultimi CD comprati da Maschio.


Nella mia memoria rappresenta una sorta di linea di confine. Molte cose stavano cambiando nella mia vita e a Torino, così quelle canzoni nella mia mente si legano a molti ricordi di ciò che è stato e non è più: abitudini, persone, cose buffe, fatti tragici. Mi viene sempre da sorridere a ripensarci.


"Step on my old size nines and I'll take you round."





So long, Stuart.

Sunday, 6 June 2010

Bike pride!

When asked "what's the most dangerous thing you've ever done?", a former colleague said rafting. I met people who jumped from bridges, climbed mountains, went ape and many other activities that require some degree of courage mixed with a pinch of madness and a good dose of love for danger.
As for me, the answer would be "cycling in Torino, after having spent one year cycling in China". Many don't believe that cycling can be listed as "dangerous", but that's pretty opinable from my point of view.

Since my first few days immersed in Beijing traffick, I learnt that, no matter what women say, size do matters: buses and trucks being bigger than any other vehicle on the road are the masters. They don't brake for anybody.
Then it's the turn of cars and minicars. Bicycles and motorbikes come next and if you're a pedestrian well, tough for you buddy and watch out.
Traffic lights were perceived as items of decorations: green for pedestrians was not that important. The key to cross a road was not in waiting for the green light but to gather a lot of people and then cross together. Forward, to the crossing of the popular masses!

Somewhere I still have an old photo I shot back in 1999. I was trying to cross the road and I managed to find the only moment there was nobody else crossing. I ended up walking in the middle of a busy road for about 300 metres.
Another time I  saw a bus hitting a car waiting at a junction and send it on the other side of the cross road (told you they don't brake). The fact is that back then I didn't give any thought about it: a huge red and yellow Soviet manifactured bus #454 had just sent a Volkswagen Santana on the other side of Chengfu Lu and that was ok for me, as long as I had enough space to cross the road.

That said, you can imagine that cycling was quite interesting too. I used to overtake on both the left and right side, cycle in between buses, cut diagonally the junctions... Not very sensible of me. But that was fine as long as I was within Tsinghua's walls or on the large Beijing bouleveard, as people were all driving and cycling the same way, and we knew how people would behave and Beijing surely has decent cycling lanes.
It became dangerous when I came back to Torino and forgot that most of  Italian car drivers don't aknowledge and respect any 2-wheels vehicle (whether the engine is fuelled by petrol or legs).

Years have passed and I got back to normal law-abiding cycling, but the dangers are still there, and there are times I still do believe that cycling is one of the most dangerous thing one can do in Torino.

I had the chance of thinking about it once more this afternoon, when I took part to the Bike Pride 2010: a demonstration to focus the attention on bikes, their importance in finding a solution for pollution and traffic.
But also a way to focus the attention of the problems cyclists deal with each day: unrespectful drivers and the disgraceful situation of city streets.

It may sound very similar to the Skyride (formally Freewheel) held in London, but it's quite different and now that I took part to both of them I can even tell you the difference. The Skiride is more of an event and, let's be sadly honest, better organized: maybe it's because of the huge sponsorship behind it and the fact the TFL and Mayor of London invested heavily in promoting cycling in London.
People were all aware of it taking places and even if they didn't they wouldn't be able to drive across it, because the route was sealed with tape and there was police to avoid problems at the junction.

This afternoon, in Torino, there was some police here and there, but not enough to prevent drivers trying to break through the event.
As for a sealed route where I could go and hit the 30/kph, umpfh, wishful thinking. The state of the streets of the cicy center is so shamefully dangerous that one has to brake carefully here and there (and everywhere) to avoid holes and cracks!

As much as I enjoyed this afternoon, it was very disheartening to see these drivers getting off the cars, shouting insults to the cyclist that had just told them they've been authorized to cycle there and this time around the cars were not admitted. I guess it says a lot of their IQ that, after being told over and over about authorized cycling event some of these people had the guts to menace: "I'm calling the police!"
Do it then! Do it, because today was supposed to be an ecological Sunday and no cars were supposedly allowed in the center of Torino and I would love the police to check your permit to be where you shouldn't be allowed.

God forbid that Torino gives up on cars for less then 5 hours! It would put in danger the balance of the whole world, in a butterfly effect that would put an end to the entire universe!

I could talk for hours of the coulple of morons with their effing white Fiat 500 that wanted to pass anyway and kept insulting everybody and almost run me over. But they're only morons (as previoulsy stated): I already told them off in Piazza Vittorio and there's nothing else I could add here in the event they find this post, since their shared neuron proved unable to understand spoken Italian, I'm sure it would stop completely when trying to read in English.

So, let's not talk about it. The afternoon has been really nice and I hope there will be a second edition next year and it will become a nice tradition.

I saw a lot of different people, of any age from 3 to 70, and a lot of nice bicycles too. Still, no matter how beautiful some of the bikes where, I'm more and more satisfied of having a bike like Elaine (it needs some work already, but it's more on the beauty side: I had some nice stickers I wanted to put on it, if only I could find them, and I was thinking whether or not to paint some daisies on it). 
I ate some strawberries in Piazza Castello while chatting with random people: bicycle makes people more easy going and relaxed, so I joked, discussed about politics and football, agreed with a guy giving out leaflets to tell all my friends about the Gay Pride 2010 (which will be held on June 19th). 

I tried to take some pictures while ciclyng, but multitasking on wheels is not my strong point and that's the best I could come up with:

pistaaaa!

When it was time to head back, I was lucky enough to get home just few minutes before an heavy downpour, and this made everything even better, because, even if I should wash Elaine, I had forgot the rain coat home!

Wednesday, 2 June 2010

Asini, muli, corvi e maiali

Sono le due di pomeriggio.
Non c'è quasi nessuno per strada: è primo pomeriggio, è il due giugno e buona parte dei negozi sono chiusi, quindi le strade che portano al centro di Torino sono diventate delle enormi piste ciclabili, anche se con buchi e voragini che potrebbero diventare simili a quella del Guatemala.

Scendo davanti a via Giolitti, lego la bici e mi avvicino all'entrata del museo. Guardo le gigantografie delle mostre in programma al Museo Regionale di Scienze naturali e un dubbio mi assale: avrò mica sbagliato museo?

Esploratori dell'Universo, Wildlife Photographer of the year, Fossili di Bolca...
Eppure sono sicura! La mostra "Asini, muli, corvi e maiali" dovrebbe essere qui. Poi, sporgo lo sguardo e la vedo, la gigantografia della locandina: non è insieme alle altre che fanno bella mostra davanti al portone, ma è spostata, solitaria a dieci metri buoni oltre l'entrata del museo.
Incominciamo bene.

Dentro le cose non vanno meglio: nell'atrio nessuna indicazione su dove si trovi la mostra, di dépliant informativi non se ne parla nemmeno.
Non dico tanto, ma almeno un foglio scritto a penna che dica dove cappero è sta esecrabile di una mostra!
E non mi si venga a dire che è appena aperta: inaugurando una mostra il 29 maggio, il minimo sarebbe avere già tutto pronto o quanto meno recuperare in 24 ore.
Proseguiamo altrettanto bene! Io però non mi arrendo: mi ricordo la sala dal servizio del telegiornale regionale e sono stata abbastanza volte nel museo per sapere qual è. Salgo al secondo piano e indovinate un po'? Di indicazioni nemmeno l'ombra!

asini, muli, corvi e maiali

A giudicare dalla prima (ma anche dalla seconda e dalla terza) impressione non sembra proprio che il museo ospiti una mostra su come la satira illustrata ha visto i rapporti fra Stato e Chiesa dal 1848 ai giorni nostri. Libera Chiesa in libero Stato, neh?
A voler pensare male si finisce forse per avvicinarsi alla verità: sembra quasi che non si voglia fare uno sgarbo a lor monsignori con una mostra che potrebbe dar fastidio.
Non c'è che da sperare che le cose migliorino nelle prossime settimane: la mostra termina il 31 luglio e di sicuro rifarò un salto.

Prima di tutto per controllare se hanno spostato il cartellone della mostra più giù sulla via. E poi perché ne vale la pena.
E' una mostra interessante e anche divertente! Mi sono ritrovata più di una volta a ridere delle vignette, e non solo quelle più recenti, ma anche (e soprattutto) quelle della nostra storia passata.

Incredibile ma vero, ma c'è stato un tempo, in questo paese, in cui alla satira si rispondeva con la satira e non censurandola o cercando di limitarne la libertà di espressione.
Niente politicamente corretto negli scontri fra laici e clericali quando si scontravano in punta di matita. Dichiaratamente e orgogliosamente faziosi e di parte, esprimono tutti una grande passione per le loro convinzioni politiche.

I tempi cambiano, i temi restano gli stessi, così non stupisce trovare una vignetta di Vauro insieme ad altre di un secolo prima e trovarla attuale solo perché il papà citato è Ratzinger.

Tuesday, 1 June 2010

Got milk?

Parafrasando il buon vecchio Leone, tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia di balenghi è invece balenga a modo suo.

Non c'è altro modo di spiegare il motivo per cui il caso abbia deciso di farmi piombare in questo conglomerato di folli che affettuosamente chiamo famiglia.

Un esempio. Qualche giorno fa vedo mia sorella che fruga nella sua ex camera da letto, ora riconvertita a studio.

"Che fai?"
"Cerco del latte."
"???"
"Sì, mi sembra di aver comprato del latte al supermercato prima, ma ora nella borsa non c'è più, quindi suppongo sia scivolato dietro il divano."

La conversazione si chiude qua, perché sto uscendo. Appena varcata la porta di casa, la bottiglia di latte perduta è presto dimenticata. A che pro stare a pensarci troppo? E' ovvio che Adri abbia continuato a cercarla fino a ritrovarla e se la sia portata a casa insieme al resto della spesa!

Ovvio.
Perché mia sorella è tutto fuorché una persona che segue dei ragionamenti ovvii. Ha pensato che tanto valeva comprarne un'altra, di bottiglia di latte fresco, e che prima o poi sarebbe saltata fuori.

In effetti è saltata fuori. Letteralmente.

Finita dietro al divano, la bottiglia ha fatto da incubatrice a un bel processo di fermentazione fino a quando non ne ha potuto più: ieri mattina è scoppiata, impestando tutta casa.

Reazione di mia sorella? "Ah ah, allora l'avevo davvero comprata! Ma pensa un po' tu..."