Wednesday, 27 June 2012

L'amico ritrovato

Sabato faceva davvero caldo a Torino. Invece di rimanere a casa a poltrire però io mi sono armata di eroico e stoico coraggio e sono uscita. Visto che dovevo uscire di pomeriggio ho pure fatto scorta di sana follia e smisurata incoscienza.
Armata di tutto ciò, dopo poco tempo che ero in centro a Torino ho capito di dover fare qualcosa: la soluzione si è presentata davanti a me sotto forma di Museo del Cinema.
Divanetto rosso, uno spezzone di "Riso Amaro" e  il frescuccio della mole mi hanno rimesso in sesto e dopo un po' ero pronta ad affrontare l'afa del centro e la gente in vasca pomeridiana.
Ed è lì che l'ho visto, in mezzo alla folla; un amico di vecchia data, lo conosco da sempre, sin da piccola, uno dei miei primi punti fissi che mi hanno ancorato alla mia città.
E' davvero famoso e rinomato a Torino ma, essendo anche essenzialmente, intrinsecamente torinese è anche la quintessenza dell'understatement in salsa gianduia... esageruma nen!
E' incredibile come riesca a comparire da dietro un angolo proprio quando tu stai pensando a lui.
E' l'Uomo Ragno? No!
E' Spiderman?! No!
Batman?! Acqua!

E' il toret!
L'acqua è più buona di quella del rubinetto, anche se viene dallo stesso acquedotto: sarà che è sempre fresca; sarà che il toret lo cerchi quando hai tanta sete, proprio come sabato scorso, quando non sapevo più cosa fosse peggio: il caldo o la sete. Saranno anche i ricordi: il toret non è elitario, è per tutti, per il bambino come per il pensionato, per il turista come per l'autista del bus. E' ovunque e comunque, in Piazza San Carlo come nei giardinetti di Borgo Vittoria.
Non so quanti toret ci siano per Torino, molti, eppure non si vedono sulle cartoline. Strano, perché sono importanti e, a modo loro, famosi.

Sabato scorso, dopo la sosta toret, ho fatto un'altra sosta, sotto i portici, dove c'era un tavolino del Comitato Acqua Pubblica di Torino.
Ho messo due firme e me ne sono andata. Ho pensato fosse meglio fare due firme lì, in quel momento che su due cambiali  per pagare l'acqua a dei privati nel prossimo futuro. Poi sono ritornata al toret e bevuto ancora un po', perché la prospettiva dell'acqua privata mette tanta, troppa sete




Saturday, 23 June 2012

non ci siamo capiti

(Alcuni nomi sono stati cambiati per proteggere gli innocente e perché, vista l'aria che tira, non ho bisogno di avvocati tra i piedi)


Squilla il telefono.
"Pronto?"
Nessuna risposta.

"Pronto?!"
Qualcuno si schiarisce la voce.

"Pronto!?!?!?!?!?!"
"Buongiò signò! E' la signora Rossi?"
"Signorina", detto in un modo tale che la Marchesini se lo sogna.

"Signò! La chiamo da Merdaset Premium. Ci risulta che lei non è mai stata nostra cliente..."
(Ma chi siete, la Stasi?)
"No, io..."
"Ecco io le voglio fare quest'offerta per guardare i nostri programmi"
"No guardi, a me non interessa e poi non guardo la TV...", la signorina Rossi cerca gentilmente di sbarazzarsi dell'ultimo arrivato del call center, fantozzianamente al lavoro di sabato mattina.
"Ma i nostri programmi si possono vedere anche su internet!", incalza poco entusiasta il prode operatore di call center.
"Ma a me i vostri programmi proprio non interessano!", ribatte la signorina Rossi; pietà l'è morta: una cosa è la solidarietà e l'empatia verso chi deve lavorare di sabato, un'altra è farsi chiamare signora e farsi pure trattare come un'idiota 2.0.
"Ok, vabbuò, allora richiamo", e sbatte giù il telefono.

La signorina Rossi sbatte giù il telefono a sua volta, ma proprio non ha capito se l'ultima frase fosse una promessa o una minaccia.

Thursday, 21 June 2012

Of the modern Olympics (lack of) values...

Yesterday evening I went to bed very late.
I could use some useful, predictable yet ever so true excuses such as: I got back home very late and by the time I had dined, cleared the kitchen and tidied the rest it was very late. 
Or: I didn't realize hunting a single mosquito from hell would prove so time-consuming and unsuccessful.

Or I could be even more honest and say: "WTF?!?! How can it be that with more than 30°C outside, I'm sitting cross legged on the bed with a nice skein of Icelandic wool on my lap, trying desperately to figure out where math failed me and consequently I failed EZ's pi-shawl!?! Am I mental or what?!?"

I am "what", but also a bit mental, since that's exactly what I was doing yesterday evening. Literally sweating some sense in a round that didn't match the instruction. I was supposed to have 12 rounds of 24 stitches, and yet finishing 4 stitches short.
For about 2 hours yesterday evening I was quite calm and collected: *knit-knit-knit, rip-rip-rip* repeat to the end of the round.

I got to the point I was too tired and sweaty to figure out those 4 treacherous stitches (oh, but I will do get them, just wait and see). I showered yet another time, I was ready for bed and I just before switching off the light, I did what I normally do: last check of personal mail, rss feed, flickr and ravelry.

I shouldn't have: it was already way after my bedtime, I was tired and I ended up reading this: no good. No good at all.
If you can't read it because you're not on Ravelry (i.e. you're not a, mmmh, let's see... a Ravelette?), worry do not: it got some attention on other websites and reaction from people on Ravelry was quick and 360° on any social web.

What's all about? Well, during the 2 weeks of the Olympics, the Ravelympics will take place as well. 
What are the Ravelympics, you might ask? Well, it's an event for knitters, crocheters, spinners and weavers that takes place in that 2 weeks: it's about starting and finishing a project in those two weeks. It's quite a challenge. I'm not saying it's like running a marathon, but it's not exactly the same as watching TV in the evening. 
Now, the US Olympic Committee, that owns the Olympics, or at least its trademark, sent a cease and desist letter to Ravelry co-founder Casey because, ehm hem, let me get my glasses and adjust my voice as Perry Mason's district attorney, "using the name "Ravelympics" for a competition that involves an afghan marathon, scarf hockey and sweater triathlon, among others, tends to denigrate the true nature of the Olympic Games. In a sense, it is disrespectful to our country's finest athletes and fails to recognize or appreciate their hard work".
Right, nothing worse than spending two weeks knitting socks 2-at-the-time (as somebody might be tempted to do) to bring down the hard work of the athletes. Luckily there are some sponsors to cheer them up though.
In a way, it made me even a bit chuffed as, according to their legal office the Ravelympics:
(DistrictAttorney_Voice_ON) 
"may constitute trademark infringement, unfair competition and dilution of (our) famous trademarks" 
(DistrictAttorney_Voice_OFF)

Am I, Virginia, messy knitter with no grasp of lace knitting, clumsy baker, moody aunt extraordinaire, really posing a treat to the Olympics up to the point of being considered an unfair competitor?! 
My oh my! we need to get ourselves an entourage, and we need to start rephrase all our posts in majestic plural!

Amongst the many feelings this news caused me, I think sadness was the main one. Sadness as I see this whole story to be quite the perfect and depressing mirror reflecting our times: I enjoy knitting but make no profit out of it. I am not planning to finish a sweater and getting myself a nice Dalek softie during those week as a crafty way to show the finger to the athletes.
But obviously the USOC is not about Olympics values at all, it's about the values of sponsorship, the money they will get by selling the Olympics and their values.
Because if you thought that the values of fair competition, friendship amongst country and people, the message of peace and cease of hostilities that the name carries with it belong to humanity as a whole, you're dead wrong.
They are trademarked.
Now that I think about it, if you thought all of that above, you're probably and alien or a figment of my imagination, cause not even my 1-year-old-tomorrow niece believes in that.

Needless to say, to be completely honest, yes, I did got slightly annoyed by the petty misogynistic way knitting and crocheting are described, but I'm sadly used to hear that: reminded me of a former colleague, who use to make fun of my knitting, never really understood why, I guess envy and pettiness. 
End of the story for now is that USOC had to publish something resembling an apologies, stating that they just sent a standard cease and desist letter to protect their trademark. Once again a confirmation about values being universal(ly trademarked) and the weird idea that any standard letter the U.S. Olympic Committee sends out are not only quite downright rude, disrespectful and accusing letter, but they also as general standard rule, refers to knitting! And that's something that might make us talk like our beloved friend Liz, for quite some time. Now, let us get back to our shawl before we see to have some heads running...

Saturday, 16 June 2012

il caffelatte del rientro

Barbara ha scritto da poco un post sul suo blog che parla di viaggi in aereo.
Lei li descrive in maniera molto più poetica di me, i viaggi in aereo, ma credo potrebbe fare altrettanto anche nel riferirsi a una bolletta della luce.

Anche i suoi amici descrivono i viaggi aerei in maniera più poetica di me. Un po' li invidio: ritardi, attese e cancellazioni, code ai controlli di sicurezza e molto altro hanno scalpellato via quelle sensazioni che all'inizio provavo pure io, o così mi sembra di ricordare.
Forse non è mai veramente successo, chi lo sa; eppure credo di essermi trovata un giorno d'inverno, magari di un'altra vita, su un aereo diretto a Madrid: io sopra le nuvole, il sole che tramontava sotto di loro le infuocava. Stavo scrivendo una delle mie lettere settimanali a Franceschina, ho posato la penna e mi sono sentita mancare il fiato: perché quello che vedevo era oltre il concetto di bello o poetico, era qualcosa che toglieva il respiro e le parole.

Un tempo così c'è stato, ma non puoi davvero goderti appieni lo staccarsi dal suolo, la testa che si fa leggera per lo sbalzo di pressione, se il volo l'hai quasi perso grazie alla flemma degli impiegati Alitalia in non-servizio al transito di Heathrow.

La poesia è facilmente uccisa dalla praticità bieca.
Altre cose rimangono, invece, nonostante tutto.

Mi rimane la sorpresa che ancora arriva a interrompere i pensieri. Sorpresa quando vedo la costa irlandese scomparire sotto di me. Il primo giorno guardavo le colline intorno all'ufficio, cercando di dare un senso a tutto quel verde e alla sua intensità: un verde così verde come quello irlandese non si trova da nessuna parte per davvero. Dopo tre giorni dii pioggia incessante, anche io ho iniziato ad avere qualche idea sul perché e percome di tale condizione di verdeggiante verditudine.

Rimane la nostalgia un po' velata quando vedo Cork diventare Londra: rivedo il Tamigi, piccoli piccoli, vedo i treni della South West Train andare avanti e indietro. Vedo le Shard che mi è cresciuto sotto gli occhi: io l'ho lasciato a metà e lui, come la vita e gli altri, è andato avanti nonostante tutto e nonostante me. Vedo i Kew Gardens, Chiswick, vedo un città che nel bene e nel male mi ha cambiato e che ho amato e odiato al pari di poche.


Poi tutto cambia di nuovo e non mi rimane poesia per l'ultimo tratto di viaggio. Milano mi accoglie afosa, poco disposta a parlarmi. E io con le orecchie tappate e che fischiano ho poca voglia di starla a sentire.

Quando ero piccola mia mamma preparava sempre un caffelatte al rientro da un viaggio.
Poi sono cresciuta e ho iniziato a viaggiare per i fatti miei; lei mi ha lasciato andare senza dar troppo a vedere le sue paure: io partivo, lei aspettava e veniva a prendermi in aeroporto. 
Se il ritorno era serale, arrivate a casa, metteva su un pentolino di latte e, nel tempo di una doccia, il caffelatte era pronto. Al tavolo della cucina, le raccontavo a grandi cifre cos'era successo, chi avevo incontrato, cosa mi era piaciuto. Lei mi stava ad ascoltare, ritirava la tazza quando avevo finito di bere e continuavamo a chiacchierare fino a quando la stanchezza aveva la meglio.

Sono tornata a casa e non c'era nessuno. 
Mi sono preparata un caffellatte, anche se non avevo fame, perché anche se molte cose cambiano, anche se la poesia perde smalto, è difficile rinunciare a certe sensazioni o, per le meno, all'illusione che ci siano ancora e che certe cose non possano e non debbano cambiare mai.

Thursday, 14 June 2012

light on the past

The problem is that when you book a flight what you read is KLM and what you see is the KLM logo.
No, the real problem is that, no matter what you see and what you read, is that you should know better: you should know it's Alitalia.
You should know that the flight is going to be delayed, you should find yourself running through Amsterdam airport thinking what made you chose this torture.
You should know that and you curse yourself for your idiocy but there's really little one can do about it.
Actually, right now, in an hotel room in Cork, after a night at the pub with some colleagues, chatting and laughing, well, airport misfortunes sound almost funny. Almost.

The past shines a different light on its events, so everything looks less rough and more gentle.
I clearly remember the hopeless sensation I got when I had the toothache before leaving for the United States, as if the pain would never ever end.
But if I think about that Saturday, I don't recall precisely all the feelings and sensation that went through my head and my nerves.

And I guess it's for the better: life's tough enough with every day problems, issues, pains that we wouldn't probably able to stand it, if we also added the memory of pains past. But we also have to be somehow aware of that, to enjoy even more the positive moments we might find ourselves into.
It's wiser to think about the bright and positive side of life. Maybe not that health, but otherwise effective, it's to try and mitigate the painful memory with a Guinness in a nice Cork pub...

Saturday, 9 June 2012

living on a jet-lag

"All my bags are packed, I'm ready to go
I'm standin' here outside my door
I hate to wake up at 4 o'clock
Yes the dawn is breakin', it's early morn
The alarm's waitin', it's still to blow his horn
Already I'm so tired I could die"


I'm tired, seriously, hopelessly, deadly tired.
Jet-lag should be over by now, but nope: I fall asleep late at night and at 1 o'clock in the morning I wake up. I go back to sleep, but only up to 3 a.m.
I manage to fall asleep again at 4 but by 5 my eyes are wide open again.

It's frustrating. I've always had a bit of insomnia in springtime, but it's a different kind of insomnia. When I'm sleepless in spring, I'm not that tired. If I can't manage to sleep, well, I still do something: I bake (an omen?), I read and re-read, watch the whole "Blackpool" series.

Now it's different, because I'm tired: I want to and need to sleep. To make things worse, there's a mosquito I haven't managed yet to slipper to the wall and it's making me look more and more similar to Altan's Pimpa.

But it's not just the jet-lag. Maybe it's partially its fault, but it's because I'm not home yet. Ok, I'm not in an hotel, the flat I'm staying for the next few weeks is nice, in central Milan, but it's not "home": there's not my morning mug, there are not my coffee machines, the vinyls I bought in San Francisco are waiting for my turntable.

As a consequence part of my brain (the working part, I presume) still thinks as if I was on a business travel, so I spend a lot of time working.

I just need to be patient, I tell myself, because soon enough I'll have a home, my coffee machines and I shall have a coffee while listening to Talking Heads' 33".
Right: patience, that's all I need. And maybe I could use a little nap.

Sunday, 3 June 2012

Carosello

Nelle ultime due settimane, uscivo dal lavoro stanchissima e la prima cosa che facevo, una volta rientrata in albergo, era crollare per dieci minuti buoni sul letto.
Dopo una giornata di lavoro intensa mi sentivo cotta e con il cervello decisamente in pappa.

Qual è allora l'unica occupazione che un cervello bollito è in grado di fare in momenti simili? Semplice! Guardare la TV.
Soprattutto la pubblicità.

Molti spot sono pubblicità comparative, il che vuol dire che ti dicono i nomi e cognomi dei concorrenti a cui sputano in testa: "noi non siamo mica come quegli altri puzzino che vi vendono i letti facendovi solo sdraiare sopra il materasso, no! Noi vi prendiamo le misure!"

La mia preferita è probabilmente quella del sito di incontri online cristiani: non sia mai ritrovarsi a uscire una sera, non solo con un perfetto sconosciuto che ha fornito informazioni non completamente corrispondenti al vero sulla loro pagina del profilo, ma addirittura con un perfetto sconosciuto non cristiano! No, no, ecco che la pubblicità arriva ad aiutarti e ti propone il sito perfetto per trovare l'anima gemella con cui condividere gli stessi valori cristiani (amen).

Poi ci sono le pubblicità dei farmaci: di solito durano due minuti buoni più delle altre pubblicità perché alla fine ti recitano tutti i possibili effetti collaterali e indesiderati.
"Compra la nostra pillolina blu! Siamo meglio del Viagra e abbiamo risultati migliori... ma se i risultati migliori proseguono oltre le quattro ore, è consigliabile consultare un medico".
"Una medicina contro la pressione alta come la nostra non esiste. Siamo il 35% più efficaci del nostro più diretto concorrente! Attenzione: l'assunzione della nostra medicina può causare effetti indesiderati, primo fra tutti la morte".


Fra uno spot e l'altro non so cosa ci fosse, perché il più delle volte mi addormentavo, ma ho visto una pubblicità per un film con quelli di Jersey Shore e degli squali: peccato perderselo.