Thursday, 26 December 2013

How I got over

(or how I stole the Christmas from the Grinch)

.

Bah, humbug.
Humbug, bah.

The only thing that made this Christmas bearable was the notion of some kindred spirits (aka friends) sharing my strong distaste for Christmas and everything that comes with it.

On paper this year should have been more decent than the past years' tortures: less meal to attend, less relatives to go visit, more time for myself. Yet, it's been heavy and quite stressful.

Last week wednesday I had to go a small surgery on one of my veins, so until Christmas Eve I ended every evening with a shot of heparin in the belly. I also have to wear a compression stocking for the whole day (and will have to do so for another whole week) and it's slowly but surely driving me mad.

Moreover I feel more and more stressed each time I return home. I'm not used at sleeping at my parents, dealing with their life style and at the same time trying to accomodate all the people I need/want to meet, the things I need/want to do.

And yeah, if you are a binge eater, Christmas at home with your parents stuffing themselves and then remarking you don't fit in your jeans anymore and you got a big backside, it's not the nicest time ever.

By Christmas Eve dinner I knew I needed a plan, an emergency exit to avoid a nervous meltdown.
And so I tried. The plan involved a lot of time spent knitting, reading my childhood books, sorting out my photos and living in denial.


letture di un certo livello 2

My mum put all my childhood books on some shelves in my former room, at kids eyes level: Sara read some of them already and Kipling tales are amongst her favorite, while she can't really digest "Kim" and "The silver skates":

"It's written by a old granpa, it's soooo boring!"
"No, it was just translated a long long time ago and you're not used to that kind of Italian"
"Was it any different when you were a kid?"
"No, Sara, this book was translated before I was even born"
"That old?!? How could it be possible???"

So with endless line of stockinette stitches, some photos and some good music, I managed to survive the food, the family, the kids playing with all the toys and the cartoon on TV.
And when everything else seemed to fail I resorted to the only available escape: a glass of sherry, full to the brink, so I could see the glass more than half full.

Today I met with Miky and Corra and they could see km afar that I was not alright. Surviving is a tough job and with consequence: trying to maintain a balance when I'm fundamentally unbalanced right now, it's a tiring way to spend my break.
I'm just happy that the worse is over. Or so it is until new year's eve. Help...

Wednesday, 18 December 2013

santo merchandising

Io non sono mai stata una grande fan della chiesa cattolica, non è un segreto. Come cittadina italiana, ho sempre trovato fastidiose le ingerenze e imposizioni esercitate dalla chiesa nella vita di tutti i giorni, dall'ora di religione a scuola allo spazio dato dai media a ogni dichiarazione di un qualsiasi prete, passando per l'otto per mille.

Una delle cose legate alla Chiesa che più mi danno sui nervi in questi giorni è il nuovo spot in circolazione sulle TV italiane. Solite immagini per suscitare commozione e sensi di colpa, ma di quelli leggeri che si lavano via con una donazione ai preti. 
Ed è lì che mi scatta l'attacco isterico, quando la voce melliflua informa gli spettatori che "per uno che sbaglia, ce ne sono migliaia che dedicano tutta la vita alla loro missione". E a me viene da aggiungere la postilla: "e ce ne sono ancora di più che l'hanno coperto, quello che ha sbagliato, con un velo di pesante silenzio e omertà".

Ma voglio essere buona (è pure sempre Natale, no?) e pensare che non questa parte non è stata tagliata con malizia, ma per ristrettezze economiche: insomma, i tempi sono quelli che sono, pure la chiesa deve tirare la cinghia, risparmiare qua e là e racimolare grana dove può.
A quanto pare devono essere proprio male se tutte le scuse sono buone per fare cassa: sembra che il modo migliore sia capitalizzare il ritorno d'immagine del nuovo Papa.
Ok, dopo Ratzinger anche un pezzo di legno può passare per un Papa moderno, ma bisogna ammettere che con papa Francesco la Chiesa ha "svoltato".

E quindi vai di merchandising selvaggio!


Papa Francesco raccontato ai bambini! 64 pagine tutte a fumetti e pure delle figurine adesive, alla modica cifra di 2,99€.

Non ho invece controllato quanto costasse il calendario 2014 di Papa Francesco:


Prego notare l'eleganza del negozio che ha piazzato il nostro eroe, accanto a un delizioso calendario di porcellini teneri e rosa.
Per ora ho visto solo questo, però, ogni volta che vado al supermercato, butto un occhio agli scaffali vicino alle casse per vedere se hanno messo in vendita gli ovetti sorpresi del Papa: ormai Francesco è l'unico che può contrastare il demonio in rosa.

Friday, 13 December 2013

Take away (show)

Need some good music to start the weekend, so here it is.

Big kiitos to Sami for introducing me to Tenniscoats.


Tenniscoats - Baibaba Bimba | A Take Away Show from La Blogotheque on Vimeo.

the Peppa Pig conspiracy

I do believe in a few things.
I believe that no chef can beat my mum's cooking.
I believe giving people a 3rd chance is a mistake too many.
I believe in coyotes (and time as an abstract).

I also believe in my new thesis, I finished formulating on Sunday: I believe Peppa Pig is the antichrist in pink.
And we need to do something about it. Fast.
We need to take action right now, before it's too late and Peppa and her brother George take control of the planet.

Here's a brief list of reasons why we should ban her somewhere remote, with no tv access:
1. She's annoying.
2. She sets a bad example for kid: she jumps into puddles of mud then refuses to take her shoes off before going to bed.
3. Not only she's annoying, she's also bossy and boring.
4. Only her brother George is more boring than her.
5. Have I mentioned how annoying she is already?

And I also got a list of reason why Peppa's parents should be stripped off their parental rights (admitting that fictional porks can actually hold parental rights over their offsprings to begin with):
1. They allow their kids to jump into muddy puddles.
2. Not happy with that entirely, they jump into the puddles themselves.
3. They're probably high on crack: for what other reason would they wake their kids at 1 in the morning to go and "look at the stars" at grandpa Pig's place?
4. Peppa inherited from them her being so annoying.

I got 2 nieces and 1 nephew. I thought Teletubbies had me ready for everything (kids) TV could throw at me: bring it on, Tinky Winky, bring it on.

I was wrong. I was so, so, so terribly wrong.

Peppa Pig is everywhere: I bought some clothes for my nieces as Christmas present. It was a struggle to find something not in pink and not Peppa Pig related: what kind of aunt do you think I'd be by letting my nieces go around town dressed like porks?!?!?

And it's not just clothes, merchandise is everywhere: tissue paper, biscuits, chocolate, glasses, shoes, I haven't seen any Peppa Pig toilet paper yet, but I'm going for grocery tomorrow, so I'll keep you posted on this.

Right now, in the moment I type, millions of kids over the planet are watching her cartoon. There's a brainwashing operation in progress: in few years time, something will happen, like a small "click" in the infinite universe and kids will snap, become pink, oinking Cybermen and take power and enslave the whole humanity before setting up on a war path that will eventually bring to the demise of our galaxy... something that needs to be stopped now and that should be high in the agenda of the people over UN.

I feel quite powerless: can you imagine the dB level my niece can reach if I turn off the TV while Peppa is on? What can I do?

Right now I just played around with a meme that is quite popular on the web right now. Hope Peppa doesn't sue me for this:

Monday, 9 December 2013

Sunday musings

I spent the weekend in Milan. Not a big news, given I live in Milan, but it was an important decision for me. December 8th traditionally marks the beginning of the Xmas period in Italy: at my parents' it's the day we set up the Christmas tree and the nativity scene.
Yeah, a brunch of atheist do that: we're not hypocrites, quite the contrary. We gladly embrace the consumerism of our society, it's all about days off, food and presents for us. It's just extra sweet because of my nephew and nieces. So in a way it could have been expected for me to sit on the train back to Torino late on Friday evening to spend the day with my family and friends. But what for? To have people then standing me up because they got other plans and having to wake incredibly early on Monday morning to go to straight to the office?!?
It sounds fascinating enough, but no, thank you.

I decided not only to stay put, but to not move until Xmas time. I received some texts from people that "expected" me to be in Torino, but I just told them I was in Milan. Invitation to join me here were met with silence... makes me feel so appreciated, geez, thank you guys.

So while one side of my bitter self was thinking about the pressing need to re-evaluate friendships as soon as possible and to further trim down my address book, another part of me joined the consumeristic people all around me for a weekend of Xmas shopping.

I spent Saturday afternoon with Flavia, a girl I met in a knitting group: we went to see a craft art fair. It was free, it was huge, it was crowded! Basically half Milan moved to the fair: I can positively say that we left the place quite dazed, and it was not for the mirto we drank. Also cause the sample we were given was so tiny, not even an ant could have ended up drunk with that!
The fair had exhibitors from all over the world and from each Italian region. I ended up buying food and alcohol, which I diligently packed, thus avoiding to fall in temptation and to empty the bottle before it reaches its intended receiver.

Not happy with this burst of shopping, on Sunday I went to the Milan city centre for the "obei obei". It's supposed to be the traditional Milan Christmas fair, but times are changing and now it looks like yet another market: lot of stalls with food, flowers, Christmas decoration, magical spot remover and super-whatever-peeler.
I ended up not buying a single present there, I made up for those after the fair by taking a stroll through the city centre.
I just used the fair as an excuse for taking a stroll, having a pancake, drinking some mulled wine and buying some dried ginger. In the meanwhile I also took a look around and came up with one question and one thesis.

The question is: why would anybody think that an overcrowded busy fair in a cold and foggy winter day is the ideal way to spend time with his/her family, when it's plainly obvious that  the family is highly dysfunctional and nobody can tolerate each other?
I basically live 2 hours door-to-door from my parents.
I got plenty of issue of my own and so everybody else.
Aside when I had surgery and some other random events, nobody from Torino ever came to visit me. So I am painfully aware of the amount of time, money, patience, physical and psychological endurance you need in order to keep relationship going. I'm letting friendships dying right now, because I can't take it any longer and it looks not everybody is ready to share the weight with me.

But yesterday, walking around the fair, I saw something different. I saw people that live within a family, people that are not alone. Yet they looked more miserable than I am.
They looked trapped in the same kind of loneliness that surrounds me: I kept bumping into upset, angry people. Husbands running away from their spouses, parents forcibly dragging their kids, people swearing and cursing the day they met each other.
"Idiot!"
"Why did I marry you?"
"Move you stupid."
"You stupid little f****r, I wish you weren't born"

If you know you're going to get upset or angry with your family, wouldn't it be better to try and do something less stressful?
You don't need a Nobel prize to know that after one hour out a 3-year-old child will be tired and will want to be picked up by one of the parents: so why would any person sane of mind go to a fair, without a stroller just to scream to the kid "move or I leave you here"? Why not going to the park close to home instead?

The contrast was sharp: Christmas lights and decorations all over the place, decorations and traditional sweets on sale, the atmosphere was set for Christmas, yet the mood of lots of those people was quite miserable.

I have been thinking a little about the possible reason why: I spent the last 8 years envying people that got both job and family close, but it looks like they're not really aware of what they got.
I wonder if they envy me. To be honest, I'm not really sure of what I got either.

(as for the thesis, I'll tell you about another day: I'm tired now and it can wait).

Wednesday, 4 December 2013

cuteness and breakfasts

At 5 in the afternoon Milan is pitch dark.
It's cold outside. In the morning, I have to pay extra attention stepping out of the metro station as the curb is inevitably frozen.

It feels weird, partially because I can't shake off the ghost of the holiday. Not the ghost of holiday future, but the ghost of holiday past.
This year I had to wait quite a long time before my vacation started, but it was worthy.
Less than a month ago, this time I was still in Australia, now I'm in Milan. The contrast is sharp, the match almost non existent.
Sydney vs Milan.
Rats & cockroaches vs. koalas & parrots.

I feel like I'm not really awake, maybe this is all a dream and I'll soon wake up in my hotel room in Sydney, ready for another day of wondering and wandering around.
I look at the pictures I shot and wonder if I'll ever manage to sort them out. I wonder when I'll snap out of this weird state of stupor I'm currently in.
As I don't like to spend too much time on questions I can't answer, I can share with you one or two things I'm pretty sure about.

Koalas are not cute.
Koalas are über-cute. You browse a dictionary and the word "cute" got a koala picture associated to it.
I got about 70+ photos of koalas sleeping on trees and they all look basically the same: there's a koala, it's on a tree and it's sleeping, just like this one:

daily dose of cutiness

I haven't managed to delete a single one of those picture, except those blatantly out of focus, because each time I see one I go: "awww, it's soooo cuuute!"
That's how koala managed to survive thousands of years, I think:  predator tries to hunt koala down; predators sees koala, predators goes "awww, it's soooo cuuute!", koala runs away. Mmmh maybe "slowly walks away" is a more likely option.

Another sure thing is that food is amazing in Australia: the different type of food we had in 2 weeks is something that is basically impossible to get in Italy.
And yeah, I know that Italian food is great etc. etc., but it's not the only kind of cuisine I like and it's amazing for me to be able to be presented with a choice.
Vietnamese, Malay, Korean, Japanese, African, Greek, Chinese, Indian, Nepalese... such a variety of flavors and cultures has been one of the best part of this travel.
And honestly, nothing beats a flat white and banana bread to start off a day: my new ideal breakfast!

Sunday, 24 November 2013

Every little (step) helps

It all started back in Madrid, during the meeting of my team: we're all quite geek at different level, so no wonder than sooner than you could imagine, we started "comparing apps".
Have you tried app A? Did you play with B? Man, you should really try app C,

Then d_c innocently showed us his walking stats: he had been using a step counter apps that makes use of the M7 motion coprocessor of our phones.
The step counter is up to date and the number turns from red to green once you hit your daily goal.
Somebody laughed, somebody raised the eyes to the sky,  but we all did download it.
This is quite weird: given the daily average food intake during our team meeting (let alone the beers and wine at dinner), we're barely able to roll using our stomaches, let alone walking.

One hour and few steps later, we were all hooked and started counting and comparing our steps as if there was no tomorrow.

The whole walking thing has apparently spiraled out of control. It's spread all across our team, in all continents and when I arrived in Barcelona, quite jet-lagged for the travel back from Sydney, I felt like I landed into a step-counting parallel universe, where we all walk, compare and try to beat each other, even if this means walking like an idiot up and down the office hallway.

And now that we found an app connected to Game Center, I think there's no turning back.
Unless, well, the stepping backs count for reaching the daily goal.
Moreover, because of the need of tracking every single step, there's no chance I'm going to spend every morning rummaging through my flat looking for my phone, as it'll surely be in my pocket!

Friday, 1 November 2013

in ferie

Gira che ti rigira...
Cincischia tu che cincischio io...

I mesi sono passati, la valigia è quasi pronta e io devo ricordarmi di buttare la spazzatura prima di chiudere a quadrupla mandata casa e prendere la via per l'aeroporto.

Ho fatto partire l'ennesima lavatrice, stirato, surgelato la verdura avanzata ed ora sono (quasi) pronta: è ora di ferie.

Pensavo di non farcela e di crollare prima che arrivassero le mie vacanze, ma alla fine eccomi qua: molto stanca, il cervello in pastella e con il carica batteria della macchina fotografica dimenticato dai miei genitori due settimane fa.

Già, perché come tutta le volte, i miei tentativi di partire in maniera organizzata e "cool" sono andati a farsi benedire. Come tutte le volte, uscirò da casa come una lasciata indietro pure dall'armata Brancaleone!

Quindi la cosa logica, ora come ora, sarebbe di finire le pulizie per poi chiudere casa e invece no!
Mi sono vista una puntata della signora Fletcher e poi ho appeso il mio nuovo specchio:


Personalmente lo trovo spettacolare. Senza fare troppo la melensa, ché sono di famiglia diabetica e potrebbe risultarmi fatale, quando Daniele e Valentina hanno detto che potevo tenerlo e riportarlo a casa dall'ufficio era davvero felice: è una frase bella, attiva e positiva in cui rispecchiarsi, in tutti i  sensi.

Sunday, 27 October 2013

Erase & Rewind

"Yes, I said it's fine before 

I don't think so no more 

I said it's fine before 
I've changed my mind 
I take it back 
Erase and rewind 
'cause I've been changing my mind"

(Erase & rewind - The Cardigans)

Yesterday I decided to finally put some order in my stash.
I'm normally quite messy and my stash have been suffering because of it.

By tiding it up, I regain one whole box: what barely fit into 4 boxes, it is now comfortably snuggled into 3 boxes plus a "swatch-yarn-bowl". I got a whole empty box and in less than 5 days I'm flying to Australia. Nuff said.

I am also 2,37€ richer (in 5 and 2 cents coins), got 2 extra crochet hooks and one USB stick I thought lost.
While I was separating skeins and balls of yarns, putting them into new ziploc bags and than in the boxes, I came across a good number of UFO, unfinished objects. UFO of the worse kind, actually: project I didn't like to begin with, but started anyway and came to loathe midway through the knitting, yet couldn't admit to myself I made a mistake; because of that I couldn't bring myself to frog them and I start hiding them into the stash, rather than keeping them with the other work in progress I have.

Out of sight out of mind, right?
Well, yesterday morning I had to look at them, peering through the project bags, looking so miserable and abandoned.

And I thought, so what?
So what if the shawl didn't worked out as I wanted to? So what if the designer put a completely wrong gauge info on the pattern, so that the cardi would fit a real whale, rather than just a overweight human?
So what if the sweater that I liked on the magazine is ugly to watch when I wear it?

It is a cruelly honest mirror of many side of my life: fear of not being accepted for what I am, need to feel loved, my hunger for love had me hanging to many things, behaviors and situation that I knew wrong, but that I couldn't let go of out of fear and cowardice.
I'm becoming aware of this now and it's scary. I don't want to put to much meaning into objects, I spend already too much time thinking about the meaning of words and actions, I am not sure I got time for pondering about the hidden symbolism of material things. Still, in that moment, those things matched exactly how I felt inside about many things: I don't want to do them, I don't really enjoy them, yet I drag along in fear of other's people reaction. How stupid can I get?
And that's when it hit home. I've been a moron, even more than usual.

I stared at that miserable pile and told them: you! I don't like you, you're not completed and I'm never going to finish you anyway.
As insane as talking to some wool may sounds, trust me, it's highly therapeutic.

I felt better, I felt a heavy weight has been lifted off my chest: is it really that bad admitting that I enjoy reading EZ's books, but I find her patterns quite atrocious?
No, it's not so bad, I bet I'm not the only one in this world.
Will somebody wait for me after work and beat me into a pulp because of my dislike for the pi shawl?
The simple idea of a knitters' duel with DPNs in the depressing surroundings of Cologno had me laughing and made me realize that yeah, it was a silly thing of me to hold onto this.

So today I frogged them all: shawl, cardigans, gloves... they all went through a complete deconstruction. Now they're ready to be used again, but not immediately: next time I'll knit them with more wisdom and more respect, but always with the notion I might not like what i see in the end and take them back through the yarn winder.

erase & rewind

Sunday, 20 October 2013

Tema: Racconta la tua settimana

Svolgimento:
Ho passato la scorsa settimana a Madrid per il team meeting semestrale.
Il mio team è un misto di nazionalità, età, storie e personalità. Siamo spalmati su 3 fusi orari europei, 8 paesi e 10 città.
Non siamo una barzelletta, almeno fino a quando non entriamo in un bar. Cosa che abbiamo fatto molto spesso nelle serate della scorsa settimana! Abbiamo trovato il solito pub irlandese vicino all'hotel e lo abbiamo eletto a nostro "local", dove andare a concludere le nostre serate a base di chiacchiere, pinte di Murphy e strani miscugli a base di drink energetici.

Dopo un anno e mezzo sono abituata ad avere i miei colleghi a portata di tastiera, ma non di scrivania, ma poterli vedere faccia a faccia è diverso e sempre divertente. Le nostre tempistiche e il nostro modo di interagire gli uni con gli altri è diverso per via delle distanze, il che rende queste settimane passate insieme particolari: non essendo seduti nello stesso ufficio, non abbiamo momenti comuni come la pausa caffè o la pizzetta improvvisata una sera. Però dall'altro lato, ci risparmiamo le piccole discussioni e irritazioni che nascono dal condividere uno spazio comune.


D_c ha chiesto ad Enric se prima o poi uno dei nostri "team building" non prevederà cibo consumato spesso in larghe quantità. Enric ci ha pensato su una frazione di nanosecondo prima di rispondere "no".

Il che è in parte falso, perché quest'anno il nostro team event è stato una gita a Toledo.

Cartolina da Toledo

Da Madrid abbiamo preso il treno: come una classe in gita, mentre il capo comprava i biglietti, noi ci disperdevamo in ogni direzione ad Atocha, lasciando poi ad Enric il compito di raccattarci tutti.
Abbiamo fatto un giro guidato per tutta la città, dall'Alcazar al vecchio quartiere ebraico e poi... siamo andati a mangiare! Che altro?!?!

Una sera siamo andati al ristorante italiano e, nel pieno spirito dello scambio multiculturale, gli inglesi mi hanno fatto assaggiare il "coke float": dicesi coke float una bevanda fatta di Coca Cola e gelato. Una breve ricerca su internet il giorno dopo mi ha fatto scoprire un intero universo di bevande simili, basate su bibite gassate e gelati.

Coke float

Ok, lo scambio panna cotta contro coke float non era esattamente alla pari, ma alla fine il float non era poi così malaccio, anche se l'aggiunta finale di gelato alla fragola (con tanto di pezzetti di frutta) gli ha rovinato un po' il gusto. Nel complesso, un gusto che sa tanto di chimica. Non penso sarà un'esperienza che rifarò a breve, ma intanto posso dire di aver sperimentato qualcosa di nuovo.

Ho provato come mio solito a dare una mano all'economia locale comprando della lana ma non ho avuto molto successo: i colori flou erano davvero belli, ma la lana era tutta acrilica (oppure 70% acrilico e 30% poliestere) e solo a osservarla mi sembrava facesse scintille.

Fluo!

Sono tornata molto stanca, con un ordine per un cappello e le orecchie che fischiano di nuovo: spero che non sia nulla di grave, perché ora è ufficialmente iniziato il conto alla rovescia per le mie ferie! E subito dopo le ferie, rivedrò i miei colleghi per un nuovo giro di incontri. Magari per allora sarò pronta a riassaggiare il coke float...

Wednesday, 9 October 2013

Picot yoga

Take a standard "bad day", one of those days when by nine o'clock in the morning you've already reached the painful conclusion that you should have stayed in bed and don't bother with the world outside.
Imagine getting up quite late for your standard working week schedule. You are taking some medicines that induce sleepiness and drowsiness so, even though you slept some good 8 hours, you've not woken up rested at all.

On the way to work you feel you can make it through, the power of music is telling you so. Music is obviously lying as things just crumble all over at work.

Everything that could go bad goes even worse and, when you leave the office some 10 hours later, the MacBook in your backpack is basically a heavy paperweight.

You return home just to discover that 2 floors above you there is a "Hoarding - buried alive" flat: this at least explains why a colony of cockroaches are playing the macarena at the entrance of your building.


What to do?!?
Wishing you kept on sleeping in the morning is not doing any good, and given you got still some days to go before the weekend it's not very wise to drink yourself into stupor.

So maybe some yoga and relaxation could help.
That's what happened to me yesterday and that's what I did. Kind of.

For the past 4 weeks I was quite busy with a mystery KAL (as in knit-along): you basically buy a pattern but instead of getting it in one go, you receive it in weekly parts, as if it were a XIX century French feuilleton.
The westknits KAL occupied a lot of my spare time in the past month and the result was a gorgeous shawl, if I can say so myself (and being my blog and my shawl I'll bloody will do so!). The result included also hundreds over hundreds of stitches in need of a bind off. How many? I decided to live in denial and just erase that number from my consciousness.

The pattern left me with 3 different possible BOs (as in bind-off) and I went for the picot one.
The picot bind off requires you to cast on a certain number of stitches and subsequently bind off the double of the casted on stitches.
Before knitting this shawl, I had promised myself I was never ever going to use the picot bind off for anything, not even a potholder.

But it really fits the shawl, so I resigned myself to this pantagruelic task: completely tired and generally upset towards everything, I decided to bind off stitches by casting on other stitches. 

And so it started: cast on, cast off.
Cast on... Ommm
Cast off... Ommm

And again!
Cast on... Breath in.
Cast off... And breath out.

Time slipped by, the tension in my shoulders started dissolving.

And one more time... 
Cast on, 1-2-3!
and 6-5-4, bind off, 3-2-1! 

I start feeling more relaxed, less pained and troubled. The borders of my shawl started taking shape too.

Picot edge



Knitting is the new yoga or so I've been told: sometimes I doubt it, judging by the amount of either manic or downright aggressive knitters I sometimes stumble over the net.
But no matter what I think that the picot school of yoga did me quite good yesterday evening, that's why I'm about to start another meditation session.
And also cause it's not phyically possible to bind off so many stitches in the span of one single evening... ommmmmm!

Tuesday, 8 October 2013

Back on the chain gang

"...
In the wretched life of a lonely heart
Now we're back on the train
oh, back on the chain gang..."

Q: Can a person survive a whole work day in a lonely, gray, sad office listening to just one single song over and over, while retaining at the same time her own sanity?
A: Depends on the song, oh oh oh oh...


Nothing really triggered the 80's nostalgia spree, but recently I've found myself more and more unable to listen to the "new" and going back to the past.

I haven't browsed the newly released section in the music stores in ages and anyway I bought only vinyls in the past 2 years.
Some time ago I started worrying: am I really growing (so) old?
It made me felt bad and sad at the same time in a way, especially when I realized I got no radio at home: the one I had broke during the moving from Haarlem and I never replaced.

How did it happen? I was a radio girl! I listened to it non stop: during breakfast, going to school, at work, studying, jogging, having dinner in Surbiton... radio has always been there and now I just stopped listening to it: I can't bear it, I can't bear the noise coming out of it.

The worse is going to the gym and forgetting my old faithful iPod shuffle home: this means being subjected not only to the pain of exercising without any visible results, but also to one good hour of trash music. It makes the whole experience even more agonizing.

So maybe I am really growing wiser and to avoid any further pain to my ears (other than the one caused by the ear infection of last week) I need to resort to some music I know I can trust.

And that's why this morning I was smiling quite happily on the way to work, singing along with the Pretenders. 

Looked from the outside, people could have assumed I was high on drugs.
It was cold and miserable, I was walking in a post-industrial depressed suburb and, not only I was smiling, I could also be seen skipping to the rhythm of the music playing through my headset... especially on the oh-ah! part of the chorus!

If only i knew what a shitty miserable day was in front of me, I would have hit the repeat button... which I did about 20 minutes later, but more on this topic another day.

Wednesday, 2 October 2013

Hospital Wednesday

Today was my last hospital Wednesday: no more lunchtime knee injection from now on!
Well, at least for one year, if I have to believe what the doctor told me.
I felt incredibly happy about it, not only because infiltration are slightly painful and my knee swells, but also because it means going back to normal routine.

Because my office is in the middle of nowhere, I'd waste half of my day traveling to and from for something that normally shouldn't require more than 20 minutes total. So the only reasonable thing to do on a hospital Wednesday is that I work from home.

Over the year, I came to seriously dislike working from home: it feels I start at 8 in the morning and stop only when it's past 9 in the evening. Why should I stop? I got no long walk to the station to do, no train to catch, no waiting at the bar, I can just fix a salad in the kitchen and lunch is served.
The coffee break consists of me starting the coffee machine, going back to the Mac, work till the coffee machine starts mumbling and grumbling.

The only moment I stop working on hospital Wednesday is when I walk to the hospital, put some stamps on the documents, get my injection and slowly walk back home. That's it.
Oh. so. exciting. I can barely refrain my enthusiasm at how enthralling my life sounds right now.

Well, if possible, my life got even duller today.
The doctor was running a little behind the appointment schedule.
Ok, how "little" is this little? Can you define "little"? Quantify it?
"Oh, just a little". Just.
I waited just 5 minutes. 10 minutes. 15 minutes.
Little was looking longer and longer by the minute and it expanded to just a little more than one hour.

I wasn't the only one feeling this way:

Waiting room


Obviously, since I had gone with the idea of not spending more than 10 minutes in the waiting room, I was almost completely unprepared: what's the point of taking 1 kg of Murakami's 1Q84 (a literary and literal heavyweight) if you're planning to barely have the time of sitting and taking in the surroundings?

Good things I had a little gauge swatch with me to knit and by the time I was called I had finished it. Not only that: nothing best to pick the attention of the ladies sitting in front of me. I was (again!) asked whether I was Italian-Italian as it's still unusual to see Italians knitting in public. We chatted a little, they told me some memories of their mums and grandmas working socks on DPNs and by the time I left them they were all still sporting some nice nostalgic smiles. 

But I like this photo better, to remind me to be constant with my physiotherapy from now on. And also to not complain too much about weather, distance, chavs on the metro next Wednesday while commuting to work.

Monday, 30 September 2013

Caffeine apple

This morning I looked like a zombie.
My mood was as cheerful as the one of somebody who's just risen from the dead and found out her body has been rotting away.

My backpack resembled the one of a sherpa, if not in shape, in weight for sure.
I was feeling sick because of this ear infection I got yesterday and the lack of sleep.
To top it all, it also started raining.
I got to the train station with enough time to get my second shot of caffeine for the day. 
The guy at the bar served me this macchiato:

Apple in my coffee

An Apple? 
For me? Seriously?

It made me smile. 
I still looked like a zombie. 
With the passing of the hours, tonight I also feel like one. Yet I smiled once today. I'll thank the barman next time I'm at the train station.

Thursday, 26 September 2013

Tetris effect and other obsessions

It all started yesterday, after dinner.
Washing-up done, kitchen clean, mmmh should I iron perhaps?
I sat at my desk to check whether I had mail and an odd thought brushed my mind.
Out of the blue, a small voice asked me: "How about playing a game of Tetris?"

Now, anybody who ever played Tetris knows it better. There is no possible way to play a game of Tetris.
A friend of mine used to say that the sentence "how about having a beer?" is incorrect as there is no way you're going to have a single beer.
The correct sentence should read "how about having some beers?"
There! Plural form is not only correct and honest, but also do sound better.

Same goes for Tetris: you don't play a game, you play some games, normally to the point your fingers fall off your hands and the shoulders crack.

When I finally stooped playing, the clock hands were telling me "What the hell are you doing still up??!? Don't you know what time it is? Well, it's past one in the morning and it's a good thing not too many people work in your office or you'd scare them all to death with your zombie appearance tomorrow!"

So, after playing Tetris for a "little bit" more than 4 hours (let's not overkill this post with some pointless and too specific details), I took the eyes off the tetraminos but the tetraminos wouldn't take their eyes off me.

The Tetris effect hit me pretty hard and I started to see colored bricks about everywhere.
I went to sleep with the image of them falling down, I dreamt about them.
This morning I hallucinated them piling up to form my breakfast, I observed them forming the metro line route on the coach panel, I saw them on the pavement leading me to the office.
They're everywhere.

I still see them now as I type, finding their way to stack in between the keys of my keyboard and I need to refrain myself from trying to command their direction with the arrow keys.
I can either go back to play or try to finish part 2 of the mystery shawl I'm knitting.
What's wiser?
Succumb to an obsession or knock it out by substituting it with another obsession?!? 

Saturday, 14 September 2013

sorprese nella borsa

Un po' di tempo fa ho comprato una "borsa nelle borsa"; in pratica si tratta praticamente una mini-borsa, una specie di "tasca" in cui metto tutte le cose fondamentali che devo portarmi in giro: chiavi, portafoglio, occhiali da sole, burro cacao, penna e agenda, fazzoletti i di carta, biglietti del tram e così via.

È comodissima perché quando devo cambiare borsa mi basta prendere la tasca e trasferirla. Senza stare a togliere ogni cosa pezzo per pezzo.
Ce ne sono tanti modelli in giro, qualsiasi compagnia aerea ne ha in vendita una sulla rivista di bordo. E anche negozi come Muji le vendono.
Io però sono di parte e sono convinta che la mia borsa nella borsa sia più bella (ed economica, con tutto che me l'hanno spedita dalla Corea).

C'è però un fattore, un elemento importante che bisogna tenere in considerazione: l'ordine. Bisogna evitare il disordine, perché appena qualcosa va fuori posto è la fine.
Io non è che sono proprio disordinata: solo che il mio concetto di ordine si adatta a una mia visione molto personale e probabilmente farebbe impazzire la maggior parte delle persone, tutto qua.

Così succede che metto qualcosa nella mini borsa e poi finisce che magari me ne scordo e mentre tiro fuori il portafoglio per pagare la spesa: "Toh, un marcapunti/le pinzette per le sopracciglia/una pila/il rossetto/un bottone! Ecco dov'era!"

Questa settimana ho svuotato la borsa e mi è preso un colpo quando ho visto cosa c'era dentro, insieme a delle caramelle gommose, una forcina (eh?) e tre aspirine:


Sono le mie forbicine da cucito ma non solo, normalmente le tengo sulla scrivania, in un barattolo che fa da porta-uncinetti. Probabilmente le ho messe in borsa una volta che sono uscita per andare a un incontro di maglia e me le sono dimenticate lì in borsa. Mi piacciono molto perché sono belle taglienti e resistenti: le ho da qualche anno ormai e sono ancora affilate come il primo giorno.

E allora, qual è il problema? Nessuno, tranne il fatto che quelle forbicine hanno passato i controlli di sicurezza di non uno, ma due aeroporti. Gli stessi aeroporti che mi fanno storie perché non ho messo il burro cacao nel sacchetto con i liquidi. A tutta sicurezza...

Tuesday, 10 September 2013

The September Special Event

I normally don't blog about work that much. Work in this blog is normally put into a corner (vacated by Baby on purpose), a quick note about how busy and stressed it keeps me.
Or maybe it's about people I met at work and later become my friends. Or some funny story that happened in the office.

Most of the time it's the reason why I travel and then post about the place I visited.

That's about it. Work takes over so many hours of my life, why granting it space on the blog as well?
With the years, I acquired this skills that allows me to automatically divide the 2 things pretty well: work on one side, blog on the other.
Gaining the same level of separation between work and private life so far has reached less than striking and positive results but still, I improved quite a lot though!

So that's why when some people today mailed me today, asking me about the Special Event in Cupertino, I was about to send a reply: "What, I didn't know you knit! Yeah! New Brooklyn Tweed collection of pattern comes out today, so excited about it! Do you think it's out already?"
Then I realized that the person teasing me about the special event was an Italian straight man and, given the extremely progressive state of Italian society, you can simply imagine its reaction at me linking him to a "feminine craft", god forbid! So I just acted dumb -it comes quite natural to me- and avoided answering his question.

I waited a little bit and finally the time arrived. BT 13 is out! I couldn't share my joy with my geeky friend above, but I'm sure there are other people that understands it anyhow.
My never-ending Ravelry queue is going to expand pretty soon as some of the pattern there are truly amazing, like this one, that I'll probably knit as a big scarf rather than a wrap.

© Brooklyn Tweed/Jared Flood 
But now, sorry, it's almost 19:00, 10 o'clock Cupertino time and it's time to pay attention to another event...

Monday, 9 September 2013

esercizi di stile

Sabato ho acceso la TV mentre mi preparavo il pranzo.
Per mia somma sfortuna, nessuna replica di “Law & Order” e nessuna traccia della "Signora in Giallo”. Uffa.

Arrivata al momento di grattugiare le carote, con lo zapping ero finita su Real Time. Ora, io di mio sapevo che avrei dovuto cambiare canale, ma ormai era troppo tardi. L’ultima volta che ho grattugiato le carote e ho perso la concentrazione per un solo millesimo di secondo, ho finito pure per grattugiare metà dell’indice destro. quindi nessuna distrazione, massima concentrazione e resistenza a tutto ciò che la TV ha da propormi.

In questo modo ho scoperto l’ennesimo, atroce, incredibile pseudo-reality, “Mia figlia è una cheer-leader”. Il titolo racconta tutta la trasmissione: mamme schizofreniche seguono passo passo la carriera sportiva da cheerleader delle figlie, età compresa fra gli 8 e gli 11 anni. Età anagrafica per le figlie, mentale per le mamme.

Se per un nanosecondo ho pensato, e forse pure sperato, che quello fosse il peggio che quel canale potesse offrirmi, è arrivata la pubblicità a riportarmi alla realtà: ho avuto la conferma di un programma di cui avevo letto su internet, ma a cui continuavo a rifiutarne l’esistenza.
La versione di “Guardaroba perfetto” per bambine e teenager.

Quella Rottelmeier tinta della Paola entra nelle case italiane e aiuta tutte queste povere e disperate mamme italiche, che non sanno proprio come vestire le loro figlie.

Grazie a Paola avranno un guardaroba con un abito adatto per ogni tipo di occasione, suppongo anche in relazione alla loro classe sociale e posizione nella società.

Magari suono un po’ sarcastica. Devo ammettere che la mia prima reazione è stata leggermente diversa, più compassata ecco: “Ma siete completamente cretini?!? Vi siete fatti i gargarismi al cervello col Viakal?!”
Quali occasioni può avere una bambina di dieci anni da necessitare un abito apposito? Una soiree alla Scala, che purtroppo le coincide con la cresima della cugina? Davvero a 12 anni devi passare del tempo davanti al tuo armadio per scegliere come vestirti per andare a buttare la monnezza?
Poi scusate, mamme: ma l'avete vista questa come va in giro vestita??? Siete cecate o irresponsabili?

Poi c’è anche lo scoramento. Ah già. Sei una bambina. Gene XX, è quella doppia x a fregarti, lo sai vero? Ammesso (e non concesso) che tu da grande non cada in una relazione abusiva e non sia uccisa dal tuo compagno, devi imparare ad occupare il tuo posto nella società: quello della bella statuina, che impiega il suo tempo e le sue poche energie mentali a scegliere quali scarpe abbinare al vestito.
Devi imparare sin da bambina che ciò che conta non è quello che vuoi fare, essere e diventare.
Quello che conta è saper abbinare i colori, sorridere e stare zitta.

Devi imparare sin da bambina che il tuo valore non è correlato alle tue capacità e a ciò che tu puoi dare alla società, bensì al tuo look, alle tue misure e al tuo taglio di capelli.
Più che aspirare alle stelle di Margherita, plastificati in una Barbie.

Penso alle mie nipoti e mi preoccupo: cresceranno con la massima aspirazione di sposare un calciatore? Penseranno che il loro valore dipende solo da come appaiono dal di fuori?
Ma mi preoccupo anche per Davide: anche lui è destinato a crescere in una società dove le sue sorelle sono considerate così? E come tratterà e si comporterà con le sorelle degli altri?

Ma alla fine di tutto penso alle mamme cheerleader e a quelle che non si fanno problemi ad apparire in TV per rimestare il guardaroba delle figlie. E' lì che parte il problema?
Ho riguardato lo spot ed è solo dopo che l'ho rivisto che mi è venuta in mente un'altra cosa: saranno tutte ragazze madri? Non c'è l'ombra di un padre nello spot che pubblicizza la trasmissione! Dove sono i papà???
Non le vestono le loro bambine al mattino per portarle a scuola? Non si interessano a loro perché sono già al lavoro a quell'ora del mattino o perché sono inutili? E chi è ad essere inutile? Le figlie o i padri?

Le possibili risposte che mi sono venute in mente per giustificare l'inutilità dei padri in queste famiglie finora sono tre: prima possibilità è che hanno fatto un casting mirato a famiglie in cui i genitori si spartiscono i compiti sulla base del sesso dell'erede, quindi i padri non servono a questa trasmissione.
Seconda possibilità è che per i figli maschi non sia così importante come si vestono, quindi che se ne vadano pure in giro coperti da un sacco di iuta, l'importante è che sappiano tirare calci a una palla e saper fingere bene quando si cade.
Terza e ultima possibilità è che Real Time abbia già nel cassetto un'altro programma, questa volta condotto dall’amico di Paola, il wedding planner con pantaloni da acqua in casa: "L'eleganza del maschietto" o giù di lì.

Sai com'è, Virginia, in questo paese ci sono già così pochi pregiudizi e le discriminazioni sessiste scarseggiano pure, che qualcuno ci dovrà pur mettere una toppa: ma tu non sforzare troppo il cervello, ché il gentil sesso non sopporta le fatiche troppo intense.
Non pensare. Nuoce gravemente alla saluta, quasi più di passarsi un dito sulla grattugia.

Saturday, 7 September 2013

Giallo da Oscar

Ieri ho letto una notizia che mi ha messo di buonumore e i cui effetti si stanno protraendo nel tempo. Si tratta degli Oscar alla carriera: fra i premiati della prossima edizione c'è pure Angela Lansbury.

Mettiamo subito in chiaro una cosa: dire che adoro Angela Lansbury è un tipico understatement  sabaudo. Per me lei è unica, fantastica e super, in più è praticamente una di famiglia.
Insomma, come qualunque persona che, dagli anni Ottanta in poi, abbia visto anche solo dieci minuti di televisione, io sono cresciuta con Angela Lansbury. Anzi con la signora in giallo,  J.B, Fletcher, professoressa di lettere, scrittrice dalle nefaste capacità di capitare in un posto tranquillo e far spuntare omicidi come funghi.

Quando ridanno un episodio de "La signora in giallo", vale a dire sempre, la mia reazione è "ma come, la trasmettono di nuovo?".
Normalmente questa parole le pronuncio a voce bassa, mentre mi accomodo sul divano e interrompo tutto quello che stavo facendo in precedenza. Non dico quante volte, ma il numero di volte che sono arrivata in ritardo oppure ho dovuto correre per non perdere un treno perché volevo vedere la fine di una puntata della signora Fletcher è preoccupantemente alto. Sfiora il livello patologico.

Ma non solo, visto che Angela nella mia memoria è anche la bambinaia spia de "Il mistero della signora scomparsa", l'allieva del corso di stregoneria per corrispondenza di "Pomi d'ottone e manici di scopa", la regina Anna ne "I tre moschettieri" e chi più ne ha più ne metta.
Ora mi sembra una cosa normale, ma io ancora me lo ricordo lo shock che ho provato quando ho capito che la regina Anna e Jessica Beatrice Fletcher erano la stessa persona!

Oggi non sono stata molto a casa e l'unica cosa che mi spiace è che non sono riuscita a trovare nessun canale che trasmettesse una replica della "Signora in Giallo". Ma c'è sempre domani per tutto ciò.

Thursday, 5 September 2013

Kimchi amarcord

Una decina di giorni fa mi sono trovata reduce da un paio di giorni e situazioni spiacevoli e deludenti.

Ci sono molti modi per reagire a tutto ciò: modi negativi, come ricadere in comportamenti autolesionisti.
Fatto.
Un altro modo è trasformare una brutta cosa in un'occasione per fare qualcosa o migliorare.
Fatto pure questo.

Così, dopo una settimana passata in bilico fra sensi di colpa e binge, domenica scorsa mi sono trovata seduta sul pavimento del soggiorno: lo stomaco un crampo unico, la pelle sembra esplodere, un tornado di sensazioni fisiche che avevo praticamente scordato.

Mi guardo intorno e penso che la mia casa mi rispecchi: anche lei è pesante e appesantita. Troppa roba inutile, troppe cianfrusaglie e ciapa puer. Mi sembra sia un unico immenso muro, uno di quei brutti muri di periferia, non con un graffito di Bansky, ma con qualche scarabocchio di un graffittaro sgrammaticato. Che tristezza.
Dev'essere stata l'immagine del tamarro di periferia, scommetto pure irrispettoso dei congiuntivi, che mi scrive in casa a farmi reagire. Ah no! Non scherziamo! Accetto tutto io, sopporto tutti quanti io, ma i congiuntivi non si toccano!!!
E così scatto in piedi, figurativamente parlando, si intende. Già non sono propriamente ginnica, domenica scorsa poi... comunque, scatto in piedi e in men che non si dica mi trovo con un enorme sacco per la spazzatura in mano.

Servizi di tazzine, magliette, borsette, foto, cd, appunti, cartoline, post-it: prima del tutto vuoto, il sacco pian piano inizia a riempirsi ed assume la forma delle mie delusioni. Piuttosto sgraziate, le mie delusioni.

Ma in mezzo a tutto questo ciarpame, ho ritrovato cose che avevo scordato e che mi hanno fatto sentire meglio.
Come le foto di un barbecue a casa di Robert a Waterloo e un sacchetto di lavanda di Mayfield; una cartolina che mi aveva spedito Gill. "L'arte della guerra" di Sun Zi in mezzo alle buste paga inglesi, ecco dov'era finito il maestro Sun! Ma meglio non sprecare troppo tempo a domandarsi come, quando e perché il libro sia finito lì.
Il box-set dei successi di Wang Fei... E pure il box-set di "Lovers in Paris"!!! Me l'avevano recuperato a Shanghai Miky e Corra, dopo che io gli avevo fatto una proverbiale capa tanta su questa fantomatica soap opera coreana.

Era iniziato tutto a Düsseldorf: mammaMoto mi ci aveva spedito in trasferta per un mese intero, senza rientri nei weekend. Nulla di cui lamentarsi sul serio. Lavoravo in settimana e nel weekend prendevo un treno a caso: Bonn, Colonia, poi più lontano, fino a Francoforte. Non era male. La sera dopo cena me ne andavo in giro per la città oppure stavo in camera a leggere o guardare la televisione: tv negli alberghi non è mai il massimo, ma io non ne guardo comunque molta già normalmente, quindi non è esattamente un problema.

In quelle sere guardavo la CNN e mi domandavo come fosse possibile che a New Orleans stesse succedendo quello che vedevo e nessuno facesse nulla. Per riprendermi, finiva che facevo zapping (saltando doverosamente Rai International) ed è così che in uno di questi girotondi fra i canali sono finita su CCTV-non-mi-ricordo-più-che-numero. Trasmettevano questa soap opera coreana con sottotitoli in cinese. Beh, è un'ottima occasione per mantenersi in allenamento con la lettura, mi sono detta.

Non so esattamente dopo quanto tempo leggere i sottotitoli fosse diventato una semplice scusa per poter vedere "Lovers in Paris". Poco tempo, sospetto.
Il fatto è che un dramma coreano è così assolutamente e completamente diverso da un suo corrispettivo americano o italiano da risultare non solo incredibile e divertente, ma pure affascinante. Ai tempi, è stata proprio quella differenza, il contrasto rispetto a tutto ciò che avevo visto fino ad allora a renderlo speciale, a farmelo sembrare surreale e al tempo stesso unico.
Non avevo nessun problema ad ammettere che mi piaceva, per quanto strano fosse e per quanto così diverso dai programmi che mi piacciono di solito: anzi, mi sembrava impossibile non parlarne ed è stata una bella sorpresa scoprire che non ero la sola ospite dell'hotel ad esserne affascinata. Avevo conosciuto Phil, un ragazzo canadese in trasferta e anche lui era diventato un devoto fan della soap-opera; e da questo si capisce il potere della trasmissione, perché Phil non parlava una parola di cinese e men che meno lo sapeva leggere.

In quei pochi giorni ho imparato alcune delle alcune regole fondamentali del k-drama; ad esempio l'ampio uso di pedane rotanti per girare scene di baci: bocca appoggiata, occhi della protagonista spalancati a pesce, il ragazzo di solito alto venti cm più della ragazza così da doversi abbassare per baciarla e mantenere una certa distanza di sicurezza, e niente lingua, schersuma nen!; poi ci sono le ubriacature a turno a base di soju: perché ci vuole che uno dei due riporti a casa l'altro, alcolismo responsabile! e l'abitudine piuttosto compulsiva del protagonista e del suo antagonista a prendere la protagonista per un braccio e strattonarla a destra e a manca manco fosse un sacco di patate.

"Lovers in Paris" era diventata una droga, tanto che, quando ho lasciato Düsseldorf, la serie era a metà e io sono entrata in piena crisi di astinenza una volta a Torino. Ecco perché ho chiesto a Miky di recuperare la serie in DVD: credo che me l'abbia comprata per pura disperazione, e per paura che avrei continuato a ricordarle del k-drama ogni sacrosanto giorno.
Il cofanetto mi ha fedelmente seguito nei vari traslochi, ma negli ultimi mesi me ne ero completamente scordata. Era finito nella fila posteriore  di DVD e CD, nascosto fra Woody Allen e Mel Brooks.

L'ho spolverato per bene, l'ho guardato per un po', persa nei ricordi di quell'estate:



E poi l'ho guardato ancora un po'.
Sono alla terza puntata. Stay tuned... 

Wednesday, 4 September 2013

gatti e ninja


- Per favore. Come ti chiami? - domandò al gatto. - Senti, io mi chiamo Coraline. Okay?
Il gatto sbadigliò lentamente e con attenzione, rivelando una bocca e una lingua di un rosa sorprendente. - I gatti non hanno nome - disse.

- No?

- No - disse il gatto. - Voi persone avete il nome. E questo perché non sapete chi siete. Noi sappiamo chi siamo, perciò il nome non ci serve.
(Coraline - Neil Gaiman)


Il gatto rosso di Barbara non è di Barbara. E' del vicino di Barbara.
Ma il gatto rosso del vicino di Barbara non è del vicino di Barbara, perché un gatto non appartiene mai a un bipede.
Il bipede può appartenere al gatto, casomai.

Premesso questo, al gatto rosso piace molto passare a fare un saluto a Barbara se trova la porta aperta, cosa abbastanza probabile in estate.
E' un gran chiacchierone, gli piace far sentire la sua, specie se riesce a fiutare odore di cibo. Ama essere coccolato ma solo se è lui a prendere l'iniziativa: manteniamo le distanze, suvvia.

Il gatto rosso non credo sia davvero rosso, si tratta di un travestimento. Secondo me è nero come un ninja: passa da una stanza, lieve e silenzioso all'altra senza fare alcun rumore.
Lo vedi sdraiato sul letto e cinque minuti dopo torni in camera e non c'è più. Passa un'altra mezzora ed eccolo che rispunta dalla porta principale come se nulla fosse.

Oggi ho lavorato da casa, perché dovevo fare un'infiltrazione al ginocchio giusto all'ora di pranzo e, fra andare e tornare dall'ufficio, ci avrei messo una vita. La porta del soggiorno era aperta: non passa un mare di luce, ma i suoni della via entrano abbastanza prepotenti. Macchine, campanelli di bici, bimbi che piangono, altri che ridono, ambulanze e clacson.
Ho ripensato al gatto ninja, penso sia stato carino da parte sua adottare Barbara; anche a me piacerebbe essere di nuovo adottata da un gatto, ma qui intorno non ne ho ancora visti, quindi mi accontento del surrogato in acrilico: curioso come un gatto vero, più silenzioso di un ninja.


Monday, 2 September 2013

Note

Sabato pomeriggio mi vedo con delle amiche. Appuntamento al "Luna's torta", che già solo per il fatto di chiamarsi così, mi fa sentire molto più trendy e anche un cicinin più intelligente: saranno tutti i libri intorno, la musica non troppo invasiva, il tè allo zenzero, ma tutto complotta a nostro favore, così il pomeriggio scorre via veloce fra una chiacchiera e l'altra.

Dalla radio giungono note familiari.
O meglio io so che sono familiari ma non so bene il perché, non riesco a identificarle. Solo qualche anno fa avrei interrotto del tutto la conversazione e costretto tutte quante a prestare attenzione alla canzone fino ad identificare titolo e cantante. E avrei bloccato qualsiasi tentativo di riprendere la conversazione fino alla risoluzione dell'arcano.
Non sarei riuscita a funzionare altrimenti. In realtà è ancora così, il mio cervello va in corto quando non ottiene risposte a certe domande.
Ma sabato mi è bastato tirare il cellulare fuori dalla borsa e far partire shazam, discretamente, senza dare troppo nell'occhio: tempo cinque secondi ed ecco la risposta che arriva veloce e precisa.
Così ho messo via il cellulare felice e contenta e e sono potuta tornare a quella sana opera di taglio e cucito socio-semantico nota ai profani come spetteguless.

Le riflessioni musicali le ho tenute per dopo. Solo ieri mattina mi sono chiesta come ho fatto a scordarmi di Chris Isaak e di "Somebody's crying". Il cd deve avercelo ancora Adri, mi pare l'avesse comprato lei.
Che strano che l'avessi scordata, perché era la mia canzone preferita dell'album. La voce di Chris ha un ritmo ipnotico e mi ricordo che questa canzone aveva il potere di risollevarmi l'umore. Eppure non ha un testo propriamente allegro. O forse proprio perché il testo è malinconico: a 17 anni mi rispecchiavo in quelle parole, mi sentivo compresa, e non era una sensazione molto comune per me ai tempi.

Sul treno stamattina, guardavo l'autostrada a lato, le nuvole basse e mi veniva da sorridere. Il mio vicino ci trovava meno da ridere: credo che il mio canticchiare lo abbia disturbato molto.

Sunday, 1 September 2013

spoilers for the new season

The streets are quiet outside.
It's not too warm, nor too cold.

There's always something somehow sad and melancholic about leaving August behind.

On the other hand there's a poorly hidden sense of anticipation and happiness at the idea of autumn about to start.



Autumn to me is the beginning of all things. Maybe because all the things that are important to me seems to start in September: school and holidays, the moment I started wearing glasses and the moment I stopped wearing glasses.
Summer never holds that much in store for me and this year it proved quite dull.

I'm really looking forward this autumn because it's my first real autumn in Milan. Last year doesn't really count: between dad's and my own surgeries, work and cultural return shock, I barely had time for anything or for myself.
This year, though, I want it to be different.

I want to leave bad things and mean people behind.
I want to cherish those who truly matter.

I want to learn new things, I want to laugh, I want to cry.

I want to be moody and let other people be moody.
I want to spoil my nephews and be spoiled by my mum.

I want to keep in touch with people and to send people to hell.
I want to read, to write, to knit and to cycle.

I want to sleep until late and stay up all night.

It's quite an intense schedule for one season only, but let's make the best of it.

Di nuovo?

Oggi ho visto questo cartellone...


E subito ho pensato: sta a vedere che finalmente hanno deciso di restituire tutte quelle braccia rubate all'agricoltura...

Saturday, 24 August 2013

Aloe alea

aloe

Mia mamma ha il pollice verde. Oddio, è un pollice verde pallido a dirla tutta, perché le sue abilità di orticoltrice sono applicate in maniera molto selettiva.
Sembra che mamma, o quanto meno il suo pollice, provi una sorta di antipatia a pelle per piante come il ficus benjiami o il tronchetto della felicità, mentre il suo cuore sprizza gioia alla sola menzione della parola "papiro"; e "cusot".
Mamma per diversi anni ha applicato le 5 fasi dell''elaborazione del lutto alla sua intrinseca capacità di mandare al creatore un tronchetto della felicità nel giro di poche settimane.
Ora è arrivata alla fine del suo percorso di crescita e coltiva solo più piante che hanno la possibilità di sopravvivere più di 1 mese.

Anche io ho il pollice verde. Non sono nata con il pollice verde, non penso di averlo ereditato. Più che altro sospetto che sia una conseguenza delle radiazioni di Chernobyl. Il mio pollice verde è talmente radioattivo che quando l'avvicino a qualunque vegetale, l'effetto della Kryptonite su Superman assomiglia a un palliativo omeopatico.
Io le fasi non le ho ancora superate tutte, ed è per questo mio limite che ogni tanto continuo a tornare sui miei passi e cerco di far crescere qualcosa.

Gli esperimenti nell'appartamento meneghino per ora vedono un clamoroso successo del mio pollice contro la mia volontà e contro la voglia di vivere di: due piante di basilico (però una l'ho spennata del tutto per fare il pesto ben due volte prima che si arrendesse, quindi magari la facciamo contare di meno), una pianta di salvia, una pianta di rosmarino e una pianta di aloe.

Oggi ho preso e ho fatto il funerale alla pianta di aloe e onestamente non me ne capacito. L'ho sbattuta via. Era marcia, più vicina alla putrefazione che alla vita eppure io non l'ho bagnata una sola volta da quando l'ho comprata! Eppure stava esplodendo dalla troppa acqua!
Guardo la foto che le ho scattato il giorno che l'ho comprata e non me ne capacito: come ha fatto? Come ho fatto?

Penso ricomincerò a fare origami di rose e papaveri ed eviterò di comprare piante per un po'.
Mi rimane la consolazione che, nel caso la terra venisse attaccata da una spietata razza aliena vegetale della costellazione Aloe Centauri o dai crudeli Basilicoidi del pianeta Ross-Marinum, io potrei erigermi a paladina della Terra e far finire l'invasione aliena in un bagno di clorofilla.

Monday, 19 August 2013

All that I leave behind

I'm not completely sure how it started.
I'm not sure when it was I realized i was doing it and when it was I decided to keep doing it.

I think I can more or less tell when it started. More or less this time of the year, 12 months ago.
Dad was recovering from surgery, the heat was unbearable, I was overworked and fidgeting around, restless.
I spent the weekend home, train ticket for Monday morning: straight to work without even stopping at home to drop the suitcase. I was about to go to bed, on Sunday evening, when we had to call an ambulance. Dad was feeling miserable yet, headstrong as usual, refused to give in, he didn't want to "bother people, surely there were people worse off right now at the A&E". I told him I could easily beat him up to be a worse off people if necessary and then dialed the emergency number.

The morning after mum dropped me at the station before heading to the hospital.
I felt like everything inside, lungs, heart, stomach, liver had tied into a giant knot.
Around midday, I got a text. "Dad is fine, you left your watch on the bedside table. Mum."
"Ok, don't sell the watch, I'll pick it next time I come over", was my reply.

Sure enough, my mum didn't sell my watch to any thrift store and I collected it during the next visit.
Dad had been out of hospital for some days and it looked better, or at least less HomerSimpson yellowish. And that was enough for me.
I put the watch on when I left for the station but  forgot the necklace instead.
Mum texted me when I was about halfway through the journey.

The next time it happened with the sunglasses, then a book, mobile, headset...
I suspect it has a lot to do with dad: until last year, I never pondered about the fragility of human life and my father at the same time. But with cancer on the list, you need to start thinking about it.
It freaked me out; I think part of my brain associate going back to Torino to retrieve what I left behind during the previous visit to going back to see my dad getting better after the surgery.

So perhaps, that's the reason why I kept doing it.
I started noticing that sometimes I purposely leave stuff behind. I got space in the luggage, I am perfectly aware I can just put them in the backpack, but then I just "forget" them.
By the time I step out of the metro, I probably have already written a text for my mum and just waiting to send it once on the train.

This morning, I woke up, watered the plants once more, close everything and when I was about to leave, I changed shoes: put on a pair of sneakers instead of my usual Birkie. As I was about to bag the Birkie, I took a look at them, and put them back down on the floor.

I stared at them for a little bit than hurried out. I will take them back next time I'm in Torino. Simple as that.

I'm doing it more and more often.
I think I was a hoarder in the past, attached to everything in fear of being left behind.
Nowadays things changed, I changed and I am surprised sometimes but the ability I gained at it, at how easily it has become for me to let it all go: either be a pair of shoes, a feeling or a person, I don't think it's complicated.
Leaving stuff behind is not so hard, but you need to be sure about it: either be sure you can live without it if you can't retrieve it or be sure you can get it back.
So far it worked very well: my mum is an excellent keeper and I got back what I left behind almost every single time.
Every time I didn't get my forgotten things back I might have not been prepared for it, but I was ready to accept it and move on.

I'm not saying it doesn't hurt because it does. But I've come to understand it's a temporary ache, that will soften and eventually disappear. And that's a needed ache to save me from worse pain. This obviously if we're talking about people, relationships and feelings. Shoes are a whole different, more serious matter...

Sunday, 18 August 2013

the fiddler on the balcony

Having spent the last week working from my parents home in Torino, it's about time I head back to Milan.
This evening I watered the plants another time, threw the garbage out, emptied the dishwasher and double check everything was alright: I can't do it tomorrow as the train back to Milan is quite early.
I'm sitting outside, on the balcony.
It's the key feature of my parents' place. Since the first time I saw this flat, it was the balcony that got me: it's really big and since there's no tall building around you can see the mountains, the Alps, in the distance.
I spent a lot of evenings here looking out, enjoying the view, admiring the clouds in the sky and the storms in the distance.

Now I'm going to miss this balcony for something else. Somewhere, around here, there's a violinist.
Somebody that is currently practicing really hard at violin.
I started listening to him, or her, let's say the fiddler, last Monday: it was early Monday and it was a faint sound. The screams of the psycho that lives above my parents were covering any other sounds nearby.
When the psycho stopped screaming (and spraying with cleanser the window sills, but that's another story), then I started hearing the violin more clearly.

It's been the soundtrack of the past seven days: the things I loved the best was that it wasn't really planned. There wasn't a moment where i could be sure the fiddler would start playing.
It would come and go randomly, the music would make its entrance out of the blue and stop in the same way.
I'm going to miss the fiddler tomorrow and I want to believe that the last practice I heard this afternoon, sitting outside on the balcony, was the fiddler's "see-you-soon" gift.

Friday, 16 August 2013

A casa ad agosto...

Lavorare ad agosto non mi è mai pesato molto: già da piccola dovevo aspettare quasi fino agli inizi di settembre per partire con i miei per le ferie e, crescendo, le cose non sono cambiate. Amo pensare di essere sempre stata una persona controcorrente e originale, ma mento sapendo di mentire: la verità è che non ho mai avuto i soldi alle superiori o all'università per potermi permetter le ferie d'agosto.

Poco male, ormai sono abituata e l'idea di dover lavorare quando la maggior parte delle persone è via non mi pesa e in fondo mi piace così.
Solo che questa settimana il mio ufficio era chiuso: così ho lavorato da casa. Non era una sorpresa perché era già capitato l'anno scorso: spiegategli voi ai californiani che sì, tutto l'ufficio è chiuso e no, non posso davvero entrare nell'ufficio perché è tutto allarmato.
Quest'anno però visto che i miei non c'erano, sono anche riuscita a fuggire il deserto meneghino per rifugiarmi a Torino.

Lavorare da casa a volte mi piace, anche se non è esattamente il mio ufficio ideale. Ogni tanto però è utile, ad esempio quando si aspetta il tecnico della lavatrice. Ci sono alcune cose importanti però da tenere a mente per lavorare da casa.
Prima cosa importante: vestirsi sempre come se si andasse in ufficio. Le prime volte che lavoravo da casa indossavo il mio tutine con i coniglietto. Il rischio però è quello di abbruttirsi, con il rischio che una mattina una si sveglia, fa colazione e si mette a lavorare, salvo poi realizzare a mezzogiorno che sta ancora indossando il pigiamone rosa con la scritta "sono la struzzina più bella del mondo" (ho davvero un pigiama simile: me l'ha regalato mia mamma ed è di una bellezza atroce).
Quindi lavorare da casa per prima cosa significa non solo vestirsi da ufficio ma a volte pure truccarsi.

Lavorare da casa significa anche mettere le sveglie per ricordarsi di prendersi delle pause e fare pranzo.
Vuole anche dire spegnere il Mac a pranzo per evitare di trovarsi a condire l'insalata con una mano e usare il mouse con l'altra: quindi per evitare di ritrovarsi a spruzzare la tastiera di aceto balsamico e affettare il mouse, è bene separerai le due cose.

Però lavorare da casa ti permette di fare la lavatrice quando ne hai bisogno, essere in casa quando il postino suona, evitare di aspettare per 20 minuti la verde a Cascina Gobba (la metropolitana a orario ridotto da estate è fra le cose più deprimenti che Milano sa offrire)
Lavorare da casa dei miei a Torino è molto più bello, perché casa loro è più bella di casa mia a Milano, perché quando ho finito posso vedermi con SViN e conoscere il Mistico bevendo una birra al Birrificio oppure andare al museo del cinema e perché posso vedere mia sorella e famiglia.
In più qua non corro nessun rischio di indossare pigiami francamente imbarazzanti...

Monday, 12 August 2013

Ba-da-bum!

Erano quasi dodici mesi che riuscivo a tenere le cose sotto controllo, che riuscivo a capirmi e prevenire gli attacchi. Questo weekend non ce l'ho fatta.
Mi sono ritrovata completamente impreparata quando le grane della vita mi hanno assalita e, invece che prendere le armi ed affrontare l'oltraggiosa fortuna, ho fatto una cosa che non facevo da più di un anno. Ho preso la scorciatoia e mi sono rifugiata nel binge eating. Anche per questo scrivo così tardi, ché quando sei piena come un uovo e non riesci a dare fuori, dormire risulta difficile.

E' iniziato come un giorno strano, sabato. Sospeso.
E io pure, sospesa.
Mi sono svegliata poco riposata: il torcicollo arrivava a fitte improvvise. Una alle due di notte, poi alle tre, di nuovo alle cinque: dormicchiavo, mi svegliavo per il torcicollo e tornavo a dormire. Alla fine alle sei e mezza non ce l'ho fatta più e mi sono rifugiata sotto il getto della doccia.
Ho preso il treno e sono tornata a Torino, ma tutto è rimasto così. Strano ed effimero. C'era qualcosa che non quadrava, ma non riuscivo a capire cosa.
Più ci pensavo, meno capivo come mi sentivo.
Meno capivo, più mi innervosivo.

Le cose sono addirittura peggiorate se possibile e domenica è stata ancora più dura, triste e nauseabonda.

Di questo weekend potrei decidere di conservare il ricordo della delusione, della rabbia, dei sensi di colpa, dello schifo provato verso me stessa e verso il genere umano. Ma no. Vaffanculo, no. Mi rifiuto; merito di più: più fiducia, più stima, più affetto, più comprensione, più tutto.

E merito dei bei ricordi.
Così, voglio ricordarmi di altre cose.
Voglio ricordarmi del mio porto sicuro, la Mole Antonelliana.
Lì a farmi compagnia, sabato sul tardi, ho ritrovato un vecchio amico:

Martin e la Mole

La mostra dedicata a Martin Scorsese merita più di una visita e probabilmente ci tornerò prima che chiuda. Ma se Martin la visitasse, scommetto si perderebbe nel resto del museo, fra le locandine, le foto e i cimeli della settima arte. Si metterebbe comodo su uno dei divani e guarderebbe in alto, la cupola che svetta e l'ascensore che va su e giù.

Così ho fatto pure io. Mi sono sdraiata su uno dei divanetti e mi sono vista gli spezzoni dei film: una visita al museo non è completa per me se non ho visto almeno una volta Silvana Mangano ballare con Vittorio Gassman.

Prima di tornare a casa, mi sono fermata a comprare un libro. Ho iniziato a leggerlo sul tram, usando il biglietto del museo come segnalibro.


Ho ridacchiato mentre il 15 arrancava faticosamente, cause guasto, lungo Corso Peschiera, e la gente arrabbiata fatta scendere davanti al deposito San Paolo probabilmente mi avrà preso per pazza. "Che avrà mai da ridere?"
Nulla, questa pazza non ha molto per cui ridere a dirla tutta.
Ma come fai a mugugnare e aggrottare la fronte quando sei a Torino, leggi Culicchia e ogni parola che leggi ti fa pensare alla Mole?

La Mole che è così bella, che è così tutto.

"Mi seguite? 
Afferrate? 
Acchiappate?
Comprenez-vous?
Lei in ogni caso né si piega né si spezza!
Svetta, piuttosto!
Regale, la mia Mole!
Anzi di più!
Verticale!"
(G. Culicchia, "Ba-da-bum!)

Esattamente così. E' lunedì: palla al centro che si ricomincia. Come la Mole, ho una corporatura di tutto riguardo. Come la Mole sulla mia strada ho incontrato e incontrerò difficoltà. Ma non mi piego, né mi spezzo.

Sunday, 4 August 2013

scenes from a Japanese restaurant

Fa caldo e le zanzare fanno più rumore del camion per la raccolta del vetro.
Sono le sette e mi chiedo perché ho già gli occhi aperti: è sabato e dovrei riposarmi, specie in previsione della domenica al lavoro che mi attende.
Ma fa già troppo caldo e la zanzara-camion sta cercando di parcheggiare vicino al mio orecchio.
Mi trascino giù dal letto e mentre sono sotto la doccia prendo una decisione.
Ambarabaciccicocco... faccio la conta e fra i laghi vicini a Milano scelgo quello di Como.

Raccatto due cose e via! in gita. Voglio vedere una distesa d'acqua e magari avere un po' meno caldo che a casa.
Cammino lungo il lago, prendo la funivia, mi guardo intorno senza nessun piano vero e proprio, finché non arriva un segnale preciso: lo stomaco borbotta e si fa sentire.
Così inizio a cercare un posto per mangiare e per puro caso finisco in un ristorante giapponese.
E' un po' fuori mano rispetto al centro di Como e non c'è nessuno per pranzo. Il cuoco mi chiede se sono da sola e mi fa accomodare.
Ordino del sashimi, lui si mette a prepararmi il pranzo e io mi perdo nei miei pensieri. Mi guardo intorno: arredamento minimal, niente maneki neko dai colori improponibili o altre carabattole.
Il sashimi è lo stesso: sashimi, punto e basta.
La musica arriva a basso volume e non riesco a distinguerla. Penso che in un certo senso è come essere sott'acqua: è tutto attutito, io sono temporaneamente in un luogo diverso, la realtà è fuori, è oltre.

Dopo pranzo, attacco bottone con il cuoco-cameriere. O forse è lui che attacca bottone per primo. Non so.
La cosa più dura dei pasti quando si viaggia da sole è che finiscono prima. Se non hai nessuno con cui chiacchierare, anche a masticare un boccone 120 volte, si finisce comunque in fretta. Ma alla fine è un piccolo prezzo che si paga per non gettare via al vento altre opportunità più preziose e importanti.

Se fossi rimasta a casa perché non c'era nessuno ad accompagnarmi a Como, non solo avrei sofferto al caldo e all'afa di Milano, ma mi sarei persa Yoshihide.
Abbiamo iniziato a chiacchierare e quando ho pagato e sono uscita dal locale mi sono resa conto che la nostra chiacchierata è durata quasi un'ora.
Non abbiamo parlato di massimi sistemi, ma di piccole cose di tutti i giorni: di viaggi, trasmissioni televisive, del problema di trovare del buon pesce fresco, dei ladri che entrano in casa ad Agosto e ti portano via un orologio che ti sei appena comprato, della cucina coreana.
Insomma di tutto e di niente; ovvero della vita.

Ci ho ripensato, in mezzo a casino dei ragazzini e le ciarle delle signore sedute accanto a me sul treno che mi riportava a Milano: il tempo passerà e qualche dettaglio di questa giornata sparirà dalla mia memoria, mentre altri diventeranno più confusi e sfocati. Ma resterà integro il ricordo di un sorriso e di una chiacchierata in un ristorante vuoto.