Monday, 25 February 2013

un tranquillo lunedì da elettori.

Di oggi potrei dire molte cose.
Potrei raccontare di come la mia giornata sia iniziata malissimo, con una craniata contro il baule della Fiesta di mamma, che mi ha fatto vedere le stelle e mi ha donato un mal di testa e un diffuso senso di malessere per tutto il giorno.

O potrei parlare di come sia sempre incoraggiante tornare a Milano, accolta dalla supponenza meneghina. Forse avrei dovuto vedere tutto ciò come pericolosi segnali di allarme, ma la testa mi faceva troppo male, così ho semplicemente continuato con la mia vita.
Primo timbro sulla scheda elettorale nuova di zecca:

stamp

E poi lavoro, pranzo, lavoro, spesa, pulizia di casa...
Il mal di testa non se n'è andato, anzi è aumentato.
Il generale senso di malessere si è espanso fino alla punta dei capelli. Potrei parlare di tante cose, della sensazione di incredulità ma anche di deja-vu che mi ha colta, pensando ad altre elezioni, a una cena al ristorante cinese con Paoletta e Davide poco dopo il voto, quando io ormai mi rendevo conto che non avevo altra soluzione se non emigrare di nuovo, perché, pensavo, se gli italiani meritano chi li governa, io no, non ho fatto nulla di male!
E non ho cambiato idea oggi: non ho fatto nulla di male per meritarmi tutto ciò.

Potrei parlarne, ma non ne ho onestamente voglia. Così, la tv è rimasta spenta, ho gettato un occhio alle notizie su internet solo ogni tanto e ho passato la serata a bloccare il mio scialle, finito giusto giusto ieri.

haruni

E' stato un lavoro molto lungo e anche abbastanza difficile. L'ho dovuto disfare e ricominciare in vari punti più di una volta. Ogni tanto sono rimasta sveglia fino a notte fonda, salvo poi dover tornare indietro di diverse righe la mattina successiva.
Un lavoro lungo e difficile, ma ne è valsa la pena ora che lo osservo mentre si asciuga. Certo avrei potuto evitarmi tutte queste brighe comprandomi qualcosa di già fatto al mercato: costa meno e anche se si rompe che ti frega?, tanto l'hai pagato poco.
Ma le soluzioni facili mi hanno sempre convinto poco, mascherano troppo facilmente il prezzo che hai da pagare, e non mi riferisco solo alla maglia. 

Thursday, 21 February 2013

I'm on a (yarn) diet

About this time last year, the video "Shit New Yorkers say" went viral on YouTube.
Barely the time to finish watching it and the web was packed with similar video, all aptly named "Shit any random category of people of your choice say"

Needless to say, there was one about knitters too.
Aside the glasses and mention of an husband, that's basically me:



So, one of the things I find myself saying over and over is "I'm on a yarn diet". I repeat it like a Buddhist mantra. Hear me mumble: yarn diet yarn diet yarn diet I'm on a yarn diet.
Yarn diet works pretty much the same way as chocolate (or any other) diet does: it simply doesn't.

First of all, it seems that the biorhythm of my stash is doomed to be in a perpetual out of synch state with the biorhythm of my project queue. Then, when I travel, I like to buy some yarn, to support local products. Better than a fridge magnet anyway, especially cause my fridge door is covered by a wooden panel that makes fridge magnet a nice souvenir to give to my sis instead.

Just like chocolate diet, one thinks that proclaiming the yarn diet to the whole world is going to make it work. As if  by stating it out loud, people around you will immediately understand you. Magic!
Right. Have you ever said you were on a diet to friends and family? Noticed how once you said it to people, you get invited to parties, aperitif  and dinners or offered cookies and cakes in the office?
Yep, people do not understand. So in the moment you say something like you're on yarn diet, here's somebody showing you a new yarn or points you to a nice pattern on Ravelry.

The worse is that, just like with all other diets, when you break the rules, you break them bad. You go over the board. You wake up the day after in a daze, feeling guilty and locating the source of the guilt in 3 skeins of cobweb yarn on the kitchen table.

"WTF? That's the last time I'm on a yarn diet!", that's the silent yet solemn promise I made over and over to myself.
It contains one fundamental yet often ignored truth: no more diet because dieting is the wrong approach.
Just like moderation and exercise for our body, moderation and destashing are the way to go for knitting.
One should never diet, yet ends up doing it anyway.

Why am I talking about all this? Well, ça va sans dire: I'm on a diet!
I ended up doing it anyway, despite the fact I know I'm bound to fail.
But there's no other way to go for me at the moment. A big trip is planned for this year: it will consists of more than 2 days spent sitting on planes and around 2 weeks in the land of Vegemite.
It's going to be expensive and I'll have to cut here and there to accommodate the trip: less travels back to Torino, dropping it to once a month. Less dinner and drinks out. Where I can cut, I'll do it.

Obviously I had to put myself on a diet for this trip: so here I am, on a yarn diet. Have been for about one week and half.
Overall is going well. Overall I'm lying. I'm crappy and sour, well more than I normally am.

Good thing I can cheer myself a little bit by browsing through the pages of this book I just got myself:


Crap.
Need to start a book diet too! First thing... tomorrow.

Wednesday, 20 February 2013

Affissione abusiva


Affissione abusiva, originally uploaded by zia virgi.

Io personalmente avrei disegnato baffi e barbe, nei, rughe e cicatrici su tutte le foto dei candidati.

Sunday, 17 February 2013

all lost in the supermarket

I put some music on, made myself a coffee and sat at the kitchen table. Opened the laptop, checked e-mails, looked at weather forecast for tomorrow and then went to check the twitter feed.
There was a tweet by Billy Bragg with a link to an article on the Guardian.

The irony! Almost at the same time, as if by divine synch, Joe Strummer's voice filled the room:
"I'm all lost in the supermarket
I can no longer shop happily"


I clicked and went on reading: yep, another article about the horse meat scandal.
First time I read about it, my natural average-Italian reaction was: so what? A horse burger rather than a beef burger...
It's a common meat in many part of Italy and if you ever had low iron in your blood exams, horse meat  would have been the cure for it.
Back in high school, one of my classmate's dad run a horse-meat only butcher shop. When the mad cow disease hit, they become rich. People were queueing outside the shop on Saturday afternoon, much to the dismay of my classmate that had to give up to the afternoon disco to help his parents.

Obviously, the fact that horse meat seems "off" for English, pretty much like rabbit meat, is something I  came to terms with: it's the same with Korean and dog meat, it's part of their traditional food culture, no matter what we, as Western people, think of them eating Lassie or Rin Tin Tin.

With the passing of days, the scandal grew, news emerged making it look like a colossal fail on part of the UK government (but not only) to provide the citizens with a very basic, but apparently not very valued, right: health and safety.
Isn't it ironic? With all the craziness related to health and safety, all the "warning! This nuts may contains nuts" labels on nuts packages and similar, here we stand: unsure of what we're chewing, not sure whether we're taking in drugs, antibiotics or just (gasp!) meat.

Going back to the article Billy Bragg linked, I clicked on it however not because of interest in the story itself.
It was the picture. I couldn't understand what it was: I looked at it, tilted my head one side and then the other, got my face really closed to the screen, then very far.

Honestly: WTF is that???


I frowned at the image for a little while then I gave up: I clicked and went to read the photo tagline.
It reads: "A laboratory worker tests beef lasagne. Photograph: Pascal Lauener/Reuters"

Beef lasagne??? You're telling me that "thing", for lack of more fitting word, is a frozen beef lasagne?!? Seriously??
It's so nasty to look at, I felt a little wave of nausea hitting me. 
I can understand the burgers: a burger is a burger, it looks like a burger, end of story.

But lasagne?!? 
First of all, the notion of buying frozen lasagne is downright insulting. Sorry, but that's how it is. 
Lasagne is an earthy meal that you don't simply shove in the microwave and that's it. It's a Sunday lunch, where much of the fun is in making it, comparing who makes the best lasagne (i.e. my mum) and then savour the leftovers at dinner by reheating them in a pan.
Secondly, if anybody ever made lasagne at home and then froze them, they knew for sure they don't look like that when you take them out of the freezer. They don't look as something made out of clay and then colored! A simple look at it should be enough to put you off eating them. And in any case, horse meat would probably be the last ingredient contained in them I'd be worried about eating.

la questione tuta

Domenica è il giorno del risveglio lento. Mi sveglio piano, ci metto di più a capire che ore sono, ci metto un tempo indefinito per percorrere i pochi passi che mi separano dalla cucina e dalla caffettiera. Stamattina, arrivata in cucina, ho dovuto accelerare il processo di risveglio.
Ho finito il latte.

Entra in azione il piano stilato dal dipartimento emergenze del centro mono-neuronale che prevede di recuperare soldi e chiavi di casa, infilarsi la tuta e mettersi le scarpe da ginnastica e fare una toccata e fuga al supermercato per comprare il latte.

Attività abbastanza facile, nulla di eccezionale che meriti di essere ricordato. Quante volte mi è capitato negli ultimi anni di essere convinta di avere qualcosa in frigo che in realtà avevo finito 4 giorni prima?
Troppe, ma è un problema di mancanza di fosforo e carenza di ossigeno che fa vivere le mie sinapsi in stato di costante tilt.
Eppure oggi mentre ero in coda al supermercato mi sono resa conto che c'era qualcosa di diverso.
Getto uno sguardo alle gambe e no, non sono uscita in pigiama e ciabatte, ho davvero messo la tuta e le Converse blu.
Controllo il cappotto: è ok.
La bottiglia del latte non perde... allora perché sento tutti gli occhi dei pochi avventori alla cassa su di me???
La ragazza in fila dietro di me sembra voglia usare la vista alla Superman per passarmi da parte a parte. Mi giro e mi accorgo che potrebbe al massimo gambizzarmi: sta guardando con sommo schifo la tuta.

Già, perché a questo punto devo precisare una cosa, anzi devo confessare una cosa: non è una tuta firmata.
- Generale mormorio di shock e sorpresa-
Non è una di quelle tute con le strisce sui lati o qualche altro logo riconoscibile che sembrano urlare "Ehi! Ho indosso almeno 60 euro di stile!".
No. E' una banale, vissuta tuta da casa. Comprata al mercato dai cinesi, lavata così tante volte che definirla sformata è un complimento, eppure comoda, la mia tuta sembra invece biascicare "Ehi! Non è che hai cinquanta centesimi perché ho perso il treno e devo telefonare a casa".

Quando è arrivato il mio turno alla cassa, anche la cassiera mi ha squadrato.
E io sono stata bravissima. Paziente come un monaco zen, non ho detto nulla ma ho interiorizzato e convogliato tutta la mia energia negativa in un vaffanculo cosmico che è poi esploso dalle mie labbra una volta tornata a casa.

Insomma, mica sono scesa alla latteria di via Montenapoleone vestita con un sacco di patate! Vivo a Lambrate, non esattamente il polo nazionale della classe e dell'alta società.
Che ti frega se non sono vestita all'ultimo grido?
Pensate davvero di potermi giudicare per come mi vesto di domenica mattina?

Poi pensandoci su, mentre bevevo il mio caffellatte, mi sono dovuta ricredere. La commessa e la ragazza in coda avevano tutti i diritti di giudicarmi in base a come ero vestita. Perché, ad essere onesta, io ho fatto la stessa cosa: per il modo in cui mi hanno guardato, io, senza conoscerle, ho fatto il mio personale due più due di stereotipi e le ho classificate come tipico esempio di italiote medie. Vacue e vanesie, bisognose di cose materiali per riempire il loro vuoto interiore.
Alla fine non siamo poi così diverse, anche se io ho risparmiato almeno 60 euro in stile.

Saturday, 16 February 2013

Ricordare

Mia madre è riuscito a chiedermelo ben due volte in una settimana. Suppongo lo trovi divertente, credo ami vedere la mia faccia contrarsi in una smorfia a metà fra "ma sei fuori?" e "uhmisignur" quando ciaciariamo su skype.
"No, non ho guardato il festival di Sanremo ieri e no, non ho intenzione di guardarlo nemmeno oggi."
E non solo, non ne voglio leggere nemmeno una riga a riguardo sui quotidiani. O su Internet.
Non è per snobismo e non è solo perché io Sanremo non l'ho mai potuto reggere.

E' soprattutto perché al momento il mio cervello non riuscirebbe a reggere tutta la fuffa che rotea attorno al festival dei fiori.

E' successo che martedì sera, mentre salivo al binario della metro con la scala mobile, sono arrivata a leggere questo passaggio. Poche frasi che hanno mandato in tilt il neurone.

"I nomi a volte ci aiutano o ci costringono a pensare e poi a ricordare.
Ricordare è oggi un gesto di educazione, una sfida personale alla dittatura del presente che ci fa tutti informati e distratti, condannati a oblio repentino.
Ricordare ci fa più solidi in un mondo liquido."
(Marco Paolini - "Ausmerzen - Vite indegne di essere vissute)

Le ho rilette una volta.
Poi un'altra.
E un' altra ancora.

Le ho rilette velocemente per poter ricominciare a leggerle un'altra volta.
Le ho rilette lentamente per poter soppesare ogni singola parola.

Le ho rilette sillabando le parole a bassa voce, perché temevo di esplodere, le avessi tenute dentro me.
Le ho rilette in silenzio, per non farle fuggire lontano.

C'è qualcosa, in queste parole, che le ha fatte attaccare alle pareti della mia mente e della mia coscienza.
Sono vive, materiali, mi sembra di poterne scorgere la forma davanti ai miei occhi, mi sembra di poterle afferrare, se solo allungo la mano.

Sono un invito a rimanere svegli, a vigilare su noi stessi e sugli altri, a non rifugiarci nei luoghi comuni della brava gente votata all'ignavia.
Portano con loro una verità semplice e rivoluzionaria, un invito a non accontentarsi delle bugie di comodo e soprattutto a non abituarsi.

Valgono per Aktion T4, ma non solo.

Una parte dei miei pensieri è ancora dirottata su quelle frasi; non riesco a smettere di pensarci: per me è un'esortazione a rifiutare l'ignavia che appare sempre così conveniente (almeno fino a quando non siamo noi a trovarci dall'altro lato del filo spinato) ed è paurosamente attuale nella situazione generale dell'Italia e del mondo.

love over scotland

There is a place I've never been in Edinburgh and where I don't plan to ever pass by.
No. 44 of Scotland Street.
Its residents and friends are the characters of a series of novel by Alexander McCall-Smith. I really like the novel and enjoy them tremendously: I like the way each single character is depicted and the poetic small pearl of wisdom that McCall-Smith enjoys scattering around the pages.
My idea of 44 Scotland Street is so much my own by now, that I can't bear the idea of confronting it with reality, with a real building made with bricks.
I'm pretty sure it wouldn't really disappoint me, but I'd rather keep it as it is, a building that comes to life only because of my reading the pages where it's described.

So last weekend I steered clear of the place. Not an hard task, to be honest. Time flies when you're having fun, you're in good company or you're in a place you love: checked, checked and checked.
When the plane left Edinburgh, it felt I had arrived only 2-3 hours earlier, rather than 3 days before.

What happened in the meanwhile? Well, Italy took a sever beating by Scotland and France took a oh-la-la-I-am-so-so-so-sorry beating from Wales; in the meanwhile we basically drank only Crabbie's.
Kidding!  There was also beer sometimes:

publife


Not to mention grappa and other type of ginger beers, but I wouldn't want to give the impression it was only about alcohol...

It was a much needed break, where for once I was not the only one doing the traveling. It was good to be back in Scotland, listening to the accent of people, relaxing and not thinking too much about life back home.
It's been a lovely, somehow too short weekend. We had snow on Sunday, which means that fog is the only weather condition I haven't seen in Edinburgh and its castle. each time I always end up back on the Castle, not really visiting it, just strolling around, watching over the terrace to see the sea or, like this time the hills on it's back, with a bit of snow scattered around.

in Edinburgh, on Sunday

We had good coffee and cookies; we had hysterical laughters at dinner and jokes at breakfast; we had poetry and discussion over plumbing systems.

I left with a pinch of melancholy and nostalgia, some photos and yarns, good memory, old friends and new one. Not too bad for a 3 days break.

Friday, 8 February 2013

Caledonia you're calling me...




"I don't know if you can see
The changes that have come over me
In these last few days I've been afraid
That I might drift away
[...]
Oh and I have moved and I've kept on moving
Proved the points that I needed proving
Lost the friends that I needed losing
Found others on the way
[...]
If I should become a stranger
You know that it would make me more than sad
Caledonia's been everything
I've ever had"
("Caledonia" - Dougie MacLean)

I remembered about this song thanks to Antonio.
Fitting in so many ways right now: things are changing around and within, making me scared and optimistic at the same time.

Off for some days, back to Edinburgh for a long weekend of rugby, beer, photo and whatever there'll be waiting for me on the road.

... And now I'm going home

Thursday, 7 February 2013

un giorno così

Ieri è stato un giorno "così".
Uno di quei giorni in cui non capita nulla di ecclatante, ma la somma di tanti piccoli avvenimenti non collegati fra di loro è sufficiente a far girare le balle.
Uno di quei giorni in cui pensi "se rimanevo a letto a dormire, la facevo più buona".

Ad esempio, mi hanno quasi investito 3 volte, tutte e tre le volte la macchina mi ha fatto il "pelo" per coì dire. Oh! Idioti al volante in quel di Milano, dintorni e non solo: sapete cosa sono le strisce pedonali? Non servono per prendere meglio la mira e tirare sotto i pedoni. Ed è pure inutile e francamente irritante che voi facciate rasetta al povero pedone e poi alziate la mano come un calciatore. "Chi io? Non ho fatto nulla!"
Che la maledizione di Montezuma vi colga impreparati e con le mani alzate.

Non che sui marciapiedi la vita sia più tranquilla: è uno slalom fra chi da volantini elettorali e chi vuole vendermi un abbonamento alla palestra.

E poi ci sono state quella serie di piccole cose, frustrazioni e piccoli problemi al lavoro che il mio nervosismo ingigantisce. C'è la frustrazione che mi coglie (ogni tanto) a leggere i quotidiani, le notizie prive di senso messe lì per occupare spazio; la solita rabbia che mi assale, un po' rassegnata pure lei,  quando mi accordo che il tempo per me stessa è sempre troppo poco la sera.

Difficile rilassarsi in giorni "così". La cosa migliore è lasciare che passino, magari guardando un video divertente come questo:


Black Forest Cake from Marion Ber on Vimeo.