Tuesday, 25 February 2014

the slimy pigsty

It's one of those days when I don't really have lunch: I've been quite busy, I already know it's going to get even busier, and I can't bother going outside, so I just ate my lunch in the office. And, since I was having my break, I also took some time to go and read at some blogs.
You will need to use Google translate for this one, as Berenice posted it in Italian.
She starts declaring she didn't plan for a militant feminist post in the blog; I believe her, but I also suspect she was quite naive for that: if you're a woman, if you're working, if you're Italian or if you're the combination of the three conditions stated above, there's no way to avoid episodes like the one she talks about. She can vent out her frustration to the net, on her blog: she writes very well, but I guess it's not consolation if you know you're relating something so deeply unfair.

She talks about her workplace, about this group of women she works with and this colleague of theirs, "the little man".
He is the perfect prototype of the chauvinist pig.
He's slimy, fake, vile, the kind of person that looks at the tits when he speaks to a woman, just because it's easier than staring at her ass. Cause he's the kind of person that thinks a woman is just a pair of boobs and a backside to stare at.
He's the kind of arrogant asshole that has no problem harassing a female colleague.
He's the kind of spineless lackey that will go and hide behind his boss back when things get though: he knows he can do it, because his boss is no better than him.

He's probably that kind of hypocrite mediocre Ital-idiot that will go ballistic if anybody dare to say the same things he says to his mother or sister.

To be fair with little man, that I renamed in my head as "slimy pig", I bet he's also quite frustrated: "happily married", I'm pretty sure he'd never dare to say the same things he tells his colleagues to his wife. He's probably bended all over when it comes to his wife: "you're right, honey", "of course, I'll do as you asked", "yes, I was wrong, I realized how stupid I am".

Judging by what I see going on in Italy, it's fair to say slimy pig is not alone: actually, judging by the average behaviors I've been seeing around, the type of conversation I hear and overhear, it's fair to state that Italy is a pigsty.

I've been wearing a new skirt for the past two days. It doesn't happen that often: working in an engineering office with no contacts what-so-ever with the outer word means I got no dress code to follow. I could probably show up dressed as a Stormtrooper and it'd be fine (although quite uncomfortable to sit on the underground): my standard office outfit is normally made of comfy jeans and funny t-shirtst quite like it.
Wearing a skirt is so unusual that even my otherwise very engineer-y colleagues, otherwise oblivious to the rest of the world, notice it. To top it off, today I was also wearing high-heels and had make-up on.
None of them dared to ask, but I could read the unspoken question on their face: is she going for an interview?
But no, I don't plan of going for an interview any time soon at all, I just wanted to dress up nicely. I looked quite smart, I could have pulled off going to work downtown and looked as if I fit in with the trendy crowd over there.

What does it have to deal with what Berenice wrote? Well, I worked till late, left the office and walked to the metro station: that's where it started. Because obviously, if you're a woman in skirt and heels walking by herself in the outskirt of Milan when the sun has set, then you must be a prostitute. Or somebody "that's looking for it".

On the way to the station there is a bar: I've been walking in front of it every fucking day for the last year and an half. There are always the same pathetic retired people drinking in the evening. I recognize their face, they recognize me. I will see them again tomorrow evening and do you think this was enough to stop the whistling, the "jokes" as I walked by?
I was about to stop: when man, that looked just one or two year older than my dad, shouted out loud for his friends and for me to hear: "Man, she must truly be looking for it", I wanted to stop and ask him what "it" was; but it was late, I was tired and hungry and I kept going.

Got on the train, I sat down, start reading a book, I didn't immediately notice the guy sitting in front of me. But after a little it became impossible not to notice him, as he started addressing me, telling me I must be looking for somebody if I was showing my legs like that.
He was looking at me the same way Berenice's colleague looks at woman.

I stared right back and told him that what I am looking for was nowhere to be found in things like him and asked him if his mother was wearing a burka by any chance or if she was still looking.
He got upset, obviously: mums are sacred to men, you don't talk about them. He started insulting me even more loudly than before and got off at the following station, not before telling me I was the typical slut, etc. etc. and that I should just fuck off.

Was it embarrassing? Yes, it was.
Deeply embarrassing. Not that much for me. Not even that much for him; he's just like the slimy pig Berenice has to endure in the office: unluckily for him, for me and everybody around, he has not the intelligence or culture to understand on the whole.

I found it deeply embarrassing for the other people sharing my same coach. The kid with the guitar standing on my right looked away. The man in his 50s sitting next to me discovered the tip of his shoes were extremely fascinating.
Nobody stepped in. Nobody defended me. Nobody showed any solidarity with me during or after the altercation.

He assaulted me verbally and nobody cared.
I'm trying to stop the tears of anger spilling from my eyes, but I know that if I were to be attacked physically they wouldn't have cared either. They would have looked the other way. After all, some of them might even end up thinking, a woman wearing a skirt must be looking for it, a woman speaking her mind must be reminded what's her place in this society. Welcome to Italy, 21st century.

Sunday, 23 February 2014

segreti e verità

La domenica mattina ė sempre un po' uguale a se stessa.
Mi sveglio piano, preparo il caffè lentamente, metto su il latte, guardo fuori dalla finestra del cucinino: anche la città si sta svegliando lenta. Anche lei è uguale a se stessa. Il che, detto di Milano, non è purtroppo un complimento.
All'angolo della panetteria sta arrivando il solo questuante della domenica. Si danno il cambio,  lui e il mendicante dei giorni lavorativi. Quest'ultimo è evidentemente impegnato da qualche altra parte nei weekend. La tabaccheria è già aperta, dei pensionati stanno andando a messa.

Io mi preparo il caffellatte, raccatto l'ipad, metto tutto sul vassoio e torno a letto.
Colazione a letto. Non la faccio tutte le domeniche. Non voglio che diventi un'abitudine, preferisco rimanga piuttosto un premio per celebrare le settimane belle, o quelle difficili.
La settimana appena passata, senza nessun apparente scossone, è stata in realtà piuttosto dura; così eccomi di nuovo sotto il piumone come premio di incoraggiamento.

La domenica ha un suo rituale, però, che mi concedo sempre: postsecret.
Prima delle mail, prima delle foto su flickr, prima degli updates di Twitter e di sicuro prima di deprimermi a leggere i quotidiani, la domenica mi leggo i segreti di postsecret.
Per chi non lo conoscesse ancora, postsecret è un progetto postale creato dallo statunitense Frank Watten: la gente gli spedisce i propri segreti su delle cartoline anonime, molto spesso fatte a mano. Le cartoline vengono pubblicate la domenica sul sito, altre vengono usate per conferenze, libri e mostre.

Mantenere un segreto è faticoso, è un po' come avere un secondo lavoro a cottimo. E' sfibrante, è qualcosa che ti consuma da dentro: più il segreto è grande più ti corrode come un acido, sale gettato sulle ferite.
Quando mantengo un segreto, mi sembra sia il segreto a tenere me in trappola.
Postsecret per me fornisce una soluzione a questa trappola, perché permette alla gente di liberarsi dei segreti: la gente lo fa a volte in maniera diretta, a volte con umorismo o sarcasmo. Ci sono grandi e piccoli segreti. Di sicuro ci sono pure delle bufale.
Ma nel momento in cui tu prendi un rettangolo di cartoncino, scrivi ciò che ti schiaccia l'anima e lo spedisci, il rapporto con il segreto cambia: non è più il segreto ad avere una posizione di forza su di te, non te ne sei liberata del tutto, ma almeno ora siete sullo stesso livello.

Leggendo le cartoline sul sito, a volte mi capita di ritrovarmici, in quelle parole, come se qualcuno mi avesse messa all'improvviso davanti a uno specchio: a volte può essere una sorpresa, perché alcuni segreti sono nascosti dentro noi talmente bene, che ci dimentichiamo quasi che esistano e rimangono nascosti finché qualcosa come una di quelle cartoline non ce li sbatte in faccia. Noi umani siamo bravissimi Pinocchio, specie con noi stessi.

Non sempre iniziare una domenica mattina con postsecret è l'attività più rilassante immaginabile, e in effetti la lettura di stamattina mi ha forse lasciata con un'eccesso di ansia e inquietudine. Eppure, anche dopo aver letto la prima cartolina e aver capito da subito come sarebbero andate a finire le cose, non mi sono fermata: non ho voluto e non ho potuto. Non sono ancora libera da tutti i miei segreti e forse non lo sarò mai: per uno da cui mi libero, ecco che ne arrivano due nuovi.
Alcuni dei miei segreti si sono trasformati in verità: fatti, situazioni che tali sono e che non nascondo più e che voglio rimangano alla luce del sole. A volte sarebbe più facile se tornassero a essere segreti, ma anche più ipocrita. Per questo continuo a leggere postsecret la domenica mattina: è la mia lezione settimanale di onestà con me stessa. Spesso mi rimando alla domenica successiva, ma ci sono delle domeniche in cui mi promuovo a pieni voti.

Thursday, 20 February 2014

lezioni di musica

Per la seconda sera di fila, ho sfangato Sanremo. Perché?
Perché Sanremo è Sanremo, prima di tutto, lo dice pure la pubblicità, ma anche perché sospetto di avere un accenno di demenza senile-ma-non-troppo: non si spiega altrimenti il non essersi resa conto di cosa stesse accadendo.
A me Sanremo non è mai piaciuto, e sono cresciuta in una famiglia che non l'ha mai potuto soffrire. Penso che l'idea di una sparachiodi puntata negli occhi risultasse più piacevole a mio padre dell'idea di doversi sorbire il festival di Sanremo. Neanche gli Elio riescono a farmi piacere Sanremo. Mi irrita e ancora di più mi irritano le reazioni della gente e l'attenzione malata che i giornalisti gli dedicano. Ma normalmente non me ne scordo. Impossibile scordarsene, quando tutti quanti intorno non fanno che ricordartelo, appunto.

Comunque, quest'anno le cose sono andate così: fino a domenica c'è stato qualcuno (leggi mamma) che mi ha perfidamente ricordato di Sanremo (lei ci tiene a impormi questo genere di tortura: poi adesso che siamo passate a FaceTime, sembra che la mia espressione di disgusto in video chat sia ancora più nitida. Che volete, famiglia che hai, usanza che trovi). Ci sono state anche anime pie che mi hanno assicurato che mi informeranno loro su quando salirà sul palco dell'Ariston Damien Rice. Quindi non si può dire che vivessi fuori dal mondo: ero perfettamente conscia di ciò che mi attendeva questa settimana.
Poi però è successo che lunedì è stato un giorno pesante e di conseguenza martedì ero davvero disfatta.
Martedì sera, più che tornare, mi sono trascinata a casa: forse ero stanca, forse "Open" di agassi mi ha distratto troppo, non so, ma proprio me ne sono scordata. Me ne sono ricordata solo al mattino dopo: ero in palestra che macinavo step su step e stavo leggendo il feed di Twitter.

È solo allora che ho esclamato: "c@#$o! Ma c'era Yusuf Islam a Sanremo!"

Peccato esserselo perso, ma non dispero. Grazie a santo youtube, uploada pro nobis, non mi devo sorbire tutta la tortura sanremese, le battute sceme, le canzoni in gara e la maratona fino alle ore piccole, ma solo sperare in una ricerca fruttuosa; non tutto, ma almeno "Father & Son" l'ho rivisto

Ieri sera la storia si è ripetuta: Flavia mi manda una mail all'ora di pranzo e propone serata a teatro.
Detto fatto.
Siamo state all'Arsenale a sentire parlare (di) un clavicembalo, in "La lezione di musica". Ovviamente prima di arrivare alla rappresentazione, sono dovuta sopravvivere a un tranquillo pomeriggio di caos lavorativo all'insegna della legge di Murphi e poi ho battuto il record di camminata veloce dall'ufficio alla fermata della metro.
Quando alla fine sono tornata a casa, accendere la tv non era di sicuro in cima alla lista delle cose da fare. Senza contare che non mi ricordavo più dove avevo lasciato il telecomando.

Così ho occupato il tempo prima di crollare a letto, alimentando la mia curiosità: sono andata a leggermi la storia del clavicembalo, mi sono ricordata di un documentario su Monteverdi che avevo visto su BBC4 e poi ho trovato una fantastica cover di Jimi Hendrix su clavicembalo:




Adesso però un po' sono preoccupata. Sono le sette e io ancora non ho trovato un modo per evitare la puntata di stasera.Evitarla la evito senza problemi, ma dopo due sere come quelle appena passate non posso mica semplicemente non accendere la tv e basta: così facendo cadrei nel banale. Che mi invento?

searching...

E' un periodo di ricerca questo. Su tutti i fronti: ricerca metaforica, spirituale ma anche (e forse sopratutto) materiale e consumista.

Sto cercando un po' di tutto. Spesso trovo qualcosa che non sapevo di cercare; ho il brutto vizio di lasciare monetine in giro e, grazie a questa mia ricerca, finora ho racimolato 1,45€ in monetine da uno e due centesimi. E' vero che stavo cercando tutt'altro ma, se posso parafrasare De André: per la stessa ragione della ricerca, cercare.

Certo però che a volte sarebbe pure bello trovare ciò che si sta cercando.
Ad esempio, io sto cercando lo "start", il bottone dell'avvio, insomma.
Succede che in ufficio abbiamo una macchina Winzozz, un Lenovo Thinkpad e che è venuto il momento di aggiornarlo con una licenza italiana. Mal me ne incolse! Che ho fatto! Le sole licenze ancora in vendita che ho trovato nel weekend sono di Windows 8. Ho aggiornato il winzozz e... "bleciu che schifo", se mi passate il termine estremamente tecnico.

Avrei dovuto dare retta a mio padre, lui che winzozz8 lo subisce tutti i giorni al lavoro e invece no! Ho aggiornato e ancora non mi è del tutto chiaro come si aprono e chiudono i programmi; beh, adesso però si fanno chiamare app, che fa figo e non impegna; sono anarchiche, queste app, perché fanno un po' quello che vogliono, cosa che spesso e volentieri non coincide con quello che io voglio che facciano.
E come dicevo, non so che fine abbia fatto il pulsante start. E' desaparecido. Non lo trovo. E mi dispero. Sarà anche un'inezia, ma è una di quelle inezie che ti scombussolano e ti creano un effetto-farfalla da matematica del caos: Windows 8, manca il pulsante start, "confronto" Grillo-Renzi, non venite a dirmi che il cerchio non si chiude.

Poi penso: cacchio no! Lavoro su sti ammassi di circuiti e silicone da una vita, winzozz non avrà mai la meglio su di me e sull'umanità! Posso farcela. Posso farcela.
E infatti è andata proprio così. Non solo ho capito come (non) funziona ma ho anche: fatto riapparire lo start, plasmato i settari a mio gusto e poi, come ciliegina sulla torta... ho spento il tutto e ho ritrovato il mio caro e fidato MacBook Pro. 

Tuesday, 18 February 2014

la vita davanti a me

"E' sempre negli occhi che la gente è più triste"
(Romain Gary, "La vita davanti a sé")

Sto leggendo il regalo di natale di Barbara, seduta sul 15 diretto in centro.
E' domenica pomeriggio, il cielo è plumbeo, la vita scorre lenta.
E' una scena un po' vintage, si respira aria di deja-vu tutto intorno, c'è un certo senso di protezione, "ovatta" contro gli attacchi del mondo esterno.
Mi ricorda un po' le domeniche pomeriggio di tanti anni fa. Le cose sono cambiate ma poi mica tanto: la vita va sempre a ritmo di tram, il libro in una mano, gli auricolari con la musica che non è forte abbastanza per proteggermi dalla cafonaggine e ignoranza dei miei compagni di viaggio. Tamarroland-centro solo andata.

Eccomi, sono io a 35 anni suonati, ma potrei essere benissimo io a 15 appena sorpassati.
E' confortante sapere che certe cose non sono cambiate, che sono rimaste a conferma, certezze di qualche cosa non meglio definito in questa vita sabbiosa.

Mi avvio verso Palazzo Madama. C'è una retrospettiva dedicata a Eve Arnold nella corte medievale. La biglietteria è  lenta come al solito e l'illuminazione ancora una volta è stata curata da Stevie Wonder. La mostra però è bella, anzi di più. Merita una seconda visita, magari in un giorno con meno gente.

E' a metà mostra che mi tornano alla mente le parole di Romain.
C'è una foto di Marilyn Monroe. A colori, ritrae l'attrice in penombra: lo sguardo è abbassato, la luce le illumina qualche ciocca bionda, puoi immaginare un lieve sorriso malinconico che le increspa le labbra.
Non riesco a staccarle gli occhi da dosso. Alcuni dei visitatori intorno a me sono chiaramente infastiditi perché mi sono piantata davanti al pannello e non do nessun segno di muovermi.

E' bellissima in questa foto. Dio se è bella.
Così bella non l'ho vista mai. E' stupenda e magnetica. E' un ritratto intimo e triste. Anche se non la guardi negli occhi, lo sguardo lo vedo o quantomeno lo percepisci. Te lo senti addosso e ti ci specchi dentro: un amare di tristezza, malinconia ma anche dolcezza.
Termino di visitare la mostra, poi torno indietro: prima di uscire voglio sentirmi avvolta ancora per un po' in quel misto di sentimenti a cui non so dare un nome. Guardo Marilyn e per un momento penso di comprendere cosa provasse, almeno in quell'istante. Ma soprattutto penso che Momo avesse ragione da vendere.

Sunday, 16 February 2014

senza parole

"Cosa stai leggendo?"
"Beh, non sto leggendo."
"Ma non è un libro quello che hai in mano?"
"Beh, sì. "
"E i libri si leggono, giusto?"
"Beh, anche. Si possono fare tante altre cose: si sniffano, si sottolineano, si vivono, si abbracciano, si usano per far smettere di traballare quello schifoso tavolino che quella tirchia della padrona di casa vuole far passare come una scrivania..."
"Lo stai facendo apposta, a tergiversare?"
"Beh, sta funzionando?"

"..."
"..."
"Insomma, che leggi?"
"Non leggo. Tutto qua."
"..."
"Guardo. Osservo. Mi soffermo sulle pagine.
 Questo è un libro speciale."

E' iniziato tutto a Melbourne.
Anzi no.
E' iniziato tutto quando ho deciso di andare a Melbourne, solo che io non sapevo bene cosa stesse iniziando.

Io so di non sapere tante cose, ma non c'è nulla di meglio di un viaggio per allargare ancora di più la percezione della mia ignoranza. Ad esempio io mica sapevo che esistesse, dall'altro capo del mondo, un disegnatore chiamato Shaun Tan.

Ma poi sono partita, sono arrivata a Melbourne e sono entrata nell'ACMI.




Che posto strano, l'ACMI. Già da fuori lo capisci che dentro deve esserci qualcosa di interessante. E in effetti lì c'era una mostra dedicata a Shaun Tan e al cortometraggio tratto dal suo libro, "The Lost Thing".

Finito di visitare la mostra, ho pensato di comprare il libro, ma poi c'era troppa gente nel negozio del museo, mi stava venendo il mal di testa, volevo respirare aria fresca e ho rimandato. Tanto, non vuoi ritrovare i libri in un'altra libreria a Melbourne o Sydney?
Disfatti i bagagli a Milano, ovviamente non c'era nessun libro di Shaun Tan in valigia. Così ho recuperato e ho ordinato "The Arrival".



E' un libro speciale, e non solo perché è una storia senza parole. Non c'è bisogno delle parole per capire la storia e, nel mio caso, identificarmi un po' con il protagonista. Anche se l'inglese lo parlavo quando sono arrivata a Surbiton, anche se la valigia che ho portato in Olanda non era di cartone, lo capisco quel senso di estraniamento da tutto ciò che ti circonda. Il cibo, i giornali, le abitudini: puoi avere un lavoro, una casa, ma quando sei solo in un paese straniero ci saranno sempre quei piccoli elementi della vita di tutti i giorni a ricordarti che tu non sei di lì, che casa è un altro luogo, ma soprattutto altre persone.
Così da una parte c'è l'emozione di un mondo nuovo, dall'altra la nostalgia. E' difficile trovare un equilibrio fra queste cose. E' ancora più difficile trovare le parole per descrivere questa ricerca. Ma Shaun Tan ci riesce, anche senza parole.


Wednesday, 12 February 2014

A-Social Street

Sono spuntati piano, senza dare troppo nell'occhio; fra chi affitta stanze (solo ragazze, solo sudamericani, solo studenti), chi offre lezioni di chitarra e chi ti promette di risolvere i tuoi problemi a botte di tarocchi e magiche conchiglie brasiliane, ecco che in zona Lambrate sono apparsi volantini di Social Street.
L'idea è di conoscere chi ti abita vicino, formare una comunità basata sulla zona di residenza piuttosto che sull'avere interessi comuni o stesse idee politiche.

Non sembra male, ma io ormai sono due settimane che ci penso su senza arrivare a una decisione. Sui volantini c'è un indirizzo mail e il nome di un gruppo chiuso di faccialibro. A me già solo la parola faccialibro fa chiudere a riccio, ma questa è una mia idiosincrasia e non dovrei farmi condizionare così tanto.

La parte più ottimista di me (che in questo caso coincide anche con quella più disperata e sola come un cane) pensa che potrei provare a vedere com'è, mandare una mail, aspettare una risposta e vedere che succede. Potrebbe funzionare, o no? Magari scopro di vivere nel epicentro della simpatia meneghina, chi lo sa?

La parte più realista ripensa al fatto che ogni volta che saluto un vicino (a meno che non sia la dirimpettaia e la signora del sesto), il vicino ha di solito due reazioni: la prima è di spalmarsi contro un muro e guardarmi con occhi sgranati e terrorizzati, manco gli avessi puntato un coltello alla gola e gli avessi anticipato la prematura perdita di un rene; la seconda possibile reazione è per lo più quella delle ragazzette immagine dell'altra scala che, vedendomi senza trucco, senza Hogan e senza borsa da 500 euro, mi guardano schifate con la tipica espressione "come osi, tu brutta cacca, non solo starci accanto, ma pure rivolgerci la parola?!?!".

Questione di sfiga? In tutta la via, ho beccato l'unico palazzo asociale e misantropo? Mi butto, non mi butto? Scrivo? Non scrivo? Insomma, voi che fareste?

post da 15 minuti

Se Real Time producesse "Non sapevo di avere la gastrite", anch'io potrei ambire ai miei 15 minuti di celebrità.
E onestamente, al giorno d'oggi, fra tv, twitter, Facebook, 15 minuti non si negano proprio a nessuno, perché dovrei essere io l'eccezione a conferma della regola?

Ora, so che può sembrare strano essere arrivata a 35 anni senza riuscire a distinguere una gastrite da altri malanni, ma io non ne ho mai avuta una in vita mia, quindi quando ho iniziato a stare male, non ci ho fatto troppo caso.
Male, perché così ho finito per stare male tutta la settimana, quando me la sarei potuta cavare con due giorni e qualche medicina.
Alla fine è passata, come pure è passata la pioggia.
Oggi mi sono sorpresa a sorprendermi: cavoli, ma allora Milano ha un cielo! Non un prolungamento del grigio piattume che si vede a livello terra!
E' una gran bella novità, in un generale senso di noia. Sempre le stesse cose, sempre il solito avanti-e-indietro (il giorno in cui finalmente lasceremo questo avamposto della tecnologia non arriverà mai abbastanza presto).

Qualche novità c'è in realtà: posso finalmente vedermi tutte le partite del 6 Nazioni in chiaro, il che ha quasi dell'incredibile; ho finito il mio collo all'entrelac e un po' mi dispiace perché mi ci ero affezionata.

Ho un po' di viaggi in ballo, che mi fanno guardare un po' oltre la quotidianità.
Il primo è il meno esotico, questo weekend torno a Torino. Ne approfitterò per vedere un po' di belle facce, coccolare i nipoti, vedere qualche mostra, sperando di non ritornare lunedì al lavoro più stressata che mai. E anche senza gastrite, a meno che quel di real time non mi chiamino nel frattempo"

Tuesday, 4 February 2014

tempo di crisi

Ieri sera ho scoperto che la parola "crisi" mi piace.
Non tanto quanto la parola "cioccolato" o "ferie" e forse non si avvicina nemmeno ad "aumento di stipendio" o "canestrello", ma è comunque abbastanza alta in classifica.

Sulla metro ho pensato che io di crisi non so poi molto, anche se potrebbe sembrare esattamente il contrario.
Non è forse una delle parole più comuni delle conversazioni quotidiane? E dei giornali e degli altri mezzi di comunicazione? Non ci stiamo per caso sguazzando tutti in mezzo?

La crisi economica e la crisi delle istituzioni.
Giovani in crisi, vecchi in crisi. La crisi della mezza età e le donne sull'orlo di una crisi di nervi.
La crisi di coppia. La crisi è finita, andate in pace.

Crisi, crisi, crisi... ma de che?
Così, una volta tornata a casa, mi sono seduta alla scrivania e mi sono informata.
Crisi: dal greco [κρίσις], scelta, è un cambiamento traumatico o stressante per un individuo, oppure una situazione sociale instabile e pericolosa. 
κρίσις da κρίνω "io decido"
Toh, guarda! Forse voi classicisti farete spallucce, "lo sapevamo già!". E' che a ragioneria ci siamo concentrati più su altri aspetti delle crisi (oh mio amato e incompreso da me e non solo da me Keynes!) e non sul suo etimo. Ma anche voi che fate spallucce, quante volte ci pensate al suo significato originario?

Siamo talmente abituati alle parole, a ripeterle in ogni momento del giorno: così si sono scolorite, le parole, hanno perso sostanza. Le parole sono diventate anemiche, ecco.

Così la crisi a cui penso in modo automatico è quella che coincide con il ristagno e conseguente e inarrestabile peggioramento di una certa situazione o condizione. Ma se la crisi è anche scelta, allora qualcosa di buono porta. Fare una scelta è già di suo positivo perché ti trasforma da oggetto passivo a soggetto attivo. Racchiude in sé la speranza di un possibile miglioramento, la volontà a concentrarsi su una trasformazione in positivo di qualcosa con il segno meno davanti.

Io vivo in crisi da una vita. Forse passo di crisi in crisi con la stessa velocità con cui Casini cambia schieramento politico. Non ho mai pensato alle scelte che ho preso per le mie crisi. Ma ultimamente, con la testa piena di mille idee e pensieri che faccio fatica a mettere in fila, penso che questa crisi in cui mi trovo impantanata mi stai facendo bene.

Mi ha costretto ad aprire gli armadi e dare aria agli scheletri. Ne ho trovati di vecchissimi, alcuni molto familiari, altri che non mi ricordavo nemmeno di avere: questa volta ho deciso di lasciarli all'aria aperta un po' più a lungo del solito, ché almeno loro mi facciano compagnia nella solitudine di tutti i giorni. Ed ecco che ad avere questi scheletri che girano per casa (ma non sporcano e sono davvero educati) mi fa venire voglia di parlare con loro e di loro, di approfondire le cose che non vanno.
Non è per niente facile, lo trovo stancante: a forza di essermi nutrita e aver propinato agli altri parole vuote e ripetitive, adesso quando parlo non mi sembra di essere me stessa. In più se la gente si è abituata ad un certo tipo di parole, se gliene fornisci di nuove, più pesanti, li squilibri. Così ora mi trovo in questa situazione: voglio parlare, voglio dire, ma mi accorgo che le persone a cui voglio parlare spesso non vogliono ascoltare. E ora che si fa? E' proprio una bella crisi, quella che ho davanti.